Spostamento dei database SQL di Microsoft Dynamics CRM 3.0 da un server a un altro server nello stesso dominio

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 917948 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

INTRODUZIONE

In questo articolo viene descritto come spostare i database SQL di Microsoft Dynamics CRM 3.0 da un server a un altro server nello stesso dominio.

Informazioni

Note
  • Si consiglia di utilizzare questa procedura per spostare i database SQL di Microsoft CRM da un server a un altro server nello stesso dominio, ma di non utilizzarla per spostare i dati da un server a un altro server in domini diversi.
  • Utilizzare questa procedura per spostare i dati da un'istanza denominata a un'istanza predefinita di Microsoft SQL Server nello stesso computer.
  • Non è necessario apportare alcuna modifica ai client per desktop o per laptop di Microsoft CRM per Microsoft Office Outlook quando si desidera spostare i database SQL di Microsoft CRM da un server a un server diverso nello stesso dominio.
Importante Assicurarsi di leggere e comprendere l'intero articolo prima di provare a completare questi passaggi.

Preparazione allo spostamento dei database

Prima di spostare i database, assicurarsi che vengano completati i preparativi seguenti:
  • Tutti gli utenti devono essere disconnessi da Microsoft CRM.
  • Tutti gli utenti dei client di Microsoft CRM per Outlook devono aver sincronizzato i dati non in linea con Microsoft CRM connettendosi in rete.
  • È disponibile una copia di backup aggiornata di tutti i database SQL di Microsoft CRM.

Spostamento dei file di database

Dopo avere verificato che le fasi preliminari siano state completate, attenersi alla procedura riportata di seguito per spostare i database SQL di Microsoft CRM:
  1. Eseguire una copia di backup dei seguenti database SQL primari di Microsoft CRM:
    • NomeOrganizzazione_METABASE
    • NomeOrganizzazione_MSCRM
    Per eseguire il backup di questi database, attenersi alla seguente procedura:
    1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, quindi Microsoft SQL Server 2005 e infine fare clic su SQL Server Management Studio.
    2. In SQL Server Management Studio selezionare un server nell'elenco Nome server, quindi fare clic su Connetti.
    3. Espandere la cartella Database.
    4. Fare clic con il pulsante destro del mouse su uno dei due database, scegliere Attività, quindi fare clic su Backup.
    5. Nell'elenco Tipo backup selezionare Completo, quindi scegliere Aggiungi nella sezione Destinazione.
    6. Nella finestra di dialogo Seleziona destinazione di backup scegliere il pulsante Sfoglia (...).
    7. Nella finestra di dialogo Individua file di database immettere il nome da assegnare al file di backup, quindi scegliere OK.
    8. Continuare a scegliere OK finché non saranno chiuse tutte le finestre di dialogo. Verrà visualizzato un messaggio per confermare che il backup è stato completato.
    9. Ripetere i passaggi da a ad h per l'altro database. Non eliminare nulla dall'istanza originale di Microsoft SQL Server. Se si lasciano i file nell'istanza originale di SQL Server, sarà possibile utilizzare l'installazione originale come riferimento quando si esegue il passaggio 5.
  2. Trasferire i file di backup creati nel passaggio 1 nella nuova istanza di SQL Server.
  3. Creare i due database nei quali verranno ripristinati i file di backup. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Avviare SQL Server Management Studio.
    2. Espandere la cartella Database.
    3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Database. Scegliere quindi Nuovo database.
    4. Immettere il nome da assegnare al database. Digitare ad esempio NomeOrganizzazione_MSCRM.
    5. Scegliere OK.

      Importante Assicurarsi di utilizzare la stessa sintassi di denominazione utilizzata nell'istanza originale di Microsoft SQL Server.
    6. Ripetere i passaggi da c ad e per creare il database NomeOrganizzazione_METABASE. Assicurarsi anche in questo caso di utilizzare la stessa sintassi di denominazione utilizzata nell'istanza originale di Microsoft SQL Server.
  4. Ripristinare i file di backup. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Avviare SQL Server Management Studio.
    2. Espandere la cartella Database.
    3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul database NomeOrganizzazione_MSCRM, scegliere Attività, quindi fare clic su Ripristina e infine su Database.
    4. Nell'area Origine per il ripristino selezionare l'opzione Periferica di origine, quindi scegliere il pulsante Sfoglia (...).
    5. Nella finestra di dialogo Seleziona backup scegliere Aggiungi.
    6. Nella finestra di dialogo Individua file di backup fare clic sul percorso del file di backup per il database NomeOrganizzazione_MSCRM, quindi scegliere OK.
    7. Nella finestra di dialogo Seleziona backup scegliere OK.
    8. Nella finestra di dialogo Ripristina database fare clic su Origine ripristino, fare clic su Opzioni, quindi selezionare la casella di controllo Sovrascrivi per sovrascrivere il database esistente.
    9. Nell'area Ripristina file di database come esaminare i percorsi dei due file di database fisici e assicurarsi corrispondano a percorsi validi. In caso contrario, modificarli nel modo appropriato.
    10. Nella finestra di dialogo Ripristina database scegliere OK per avviare il processo di ripristino.

      Nota A seconda della dimensione del database, questa operazione potrebbe richiedere molto tempo. Al termine verrà visualizzato un messaggio per confermare che l'operazione di ripristino è stata completata.
    11. Ripetere i passaggi da c a j per il database NomeOrganizzazione_METABASE.
  5. Impostare i gruppi di sicurezza mediante il mapping dei gruppi di sicurezza di Microsoft Windows NT. Per eseguire questa operazione, attenersi alla procedura descritta di seguito.

    Nota Mentre si esegue questa procedura, utilizzare come riferimento la cartella relativa alla sicurezza presente nell'istanza originale di SQL Server.
    1. Avviare SQL Server Management Studio. Espandere quindi la cartella Protezione.
    2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Account di accesso, quindi scegliere Nuovo account di accesso.
    3. Nella finestra di dialogo Nome account di accesso fare clic su Generale nel riquadro sinistro, quindi scegliere Cerca.
    4. Nella finestra di dialogo relativa alla selezione dell'utente o del gruppo fare clic su Tipi di oggetti, assicurarsi che la casella di controllo Gruppi sia selezionata, quindi scegliere OK.
    5. Fare clic su Percorsi, fare clic sulla cartella per selezionarne tutto il contenuto, quindi scegliere OK.
    6. Nel campo Immettere i nomi degli oggetti da selezionare digitare SQL, quindi fare clic su Controlla nomi.
    7. Selezionare il record SQLAccessGroup {GUID}. Scegliere OK.
    8. Nella finestra di dialogo Nome account di accesso fare clic sull'opzione Autenticazione di Windows, lasciare invariate le impostazioni correnti di tutte le altre opzioni predefinite, quindi scegliere OK per chiudere tutte le finestre di dialogo.
  6. Modificare l'origine dati ODBC del DSN di sistema per Microsoft CRM sul server Microsoft CRM in modo che faccia riferimento al nuovo server che esegue Microsoft SQL Server. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Strumenti di amministrazione, quindi Origine dati (ODBC).
    2. Nella finestra di dialogo Amministrazione origine dati ODBC selezionare la scheda DSN di sistema, fare clic su Microsoft CRM nell'elenco Origini dati di sistema, quindi scegliere Configura.
    3. Nella prima finestra di Configurazione DSN per Microsoft SQL Server individuare l'elenco Server contenente i nomi dei computer che eseguono SQL Server. Fare clic sul server a cui si desidera connettersi.
    4. Scegliere Avanti tre volte per configurare l'origine dati.
    5. Scegliere Fine.
    6. Nella finestra di configurazione ODBC per Microsoft SQL Server fare clic su Verifica origine dati per convalidare la connessione al server.
    7. Scegliere OK due volte per completare la configurazione.
    8. Scegliere OK per chiudere la finestra di dialogo Amministrazione origini dati ODBC.
  7. Riconfigurare il server che esegue Microsoft Dynamics CRM. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Sul server che esegue Microsoft Dynamics CRM fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Microsoft CRM, quindi Gestione distribuzione.
    2. Nel riquadro sinistro fare clic su Gestione server, fare clic con il pulsante destro del mouse sul server che esegue Microsoft Dynamics CRM, quindi scegliere Configura SQL Server.
    3. Nella finestra del server Microsoft Dynamics CRM selezionare il nuovo computer che esegue Microsoft SQL Server dall'elenco SQL Server, quindi scegliere Avanti.
    4. Nell'elenco Database di Microsoft CRM fare clic sul database SQL di Microsoft CRM appropriato. Se si utilizzano più server Microsoft CRM, selezionare la casella di controllo Applica le modifiche a tutti i server della distribuzione.
    5. Scegliere Fine.
  8. Testare Microsoft CRM verificando che sia possibile accedere ai dati. Testare inoltre i client di Microsoft Dynamics CRM per Outlook per assicurarsi che sia possibile utilizzare il programma.
  9. Verificare che i processi di SQL Server siano stati creati. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Avviare SQL Server Management Studio.
    2. Espandere Agente SQL Server, quindi espandere la cartella Processi.
    3. Verificare che nella cartella Processi siano elencati i seguenti processi:
      • Nome_Organizzazione.Update Contract States
      • MSCRM Identity Reseeding
      • MSCRM Index Reindexing
      • MSCRM Stored Procedures Priming
      • Start_Incremental on Nome_Organizzazione_ftcat_documentindex
    4. Se i processi elencati nel passaggio c non sono presenti nella cartella Processi, attenersi alla procedura descritta nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
      910044 Durante lo spostamento di database di Microsoft Dynamics CRM in una nuova istanza di SQL Server, è possibile che i processi di SQL Server non vengano creati
  10. Effettuare la pulitura del contenuto del computer originale che esegue Microsoft SQL Server. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
    1. Eliminare i precedenti database SQL di Microsoft CRM.
    2. Eliminare i seguenti gruppi di account di accesso:
      • SQLAccessGroup
      • UserGroup
      • ReportingGroup
Nota Dopo avere spostato i database SQL di Microsoft CRM da un server a un altro server, pianificare l'esecuzione di backup regolari dei database sul nuovo server.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sullo spostamento dei database di Microsoft SQL Reporting Services, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
842425 Spostamento di un database di Reporting Services da un computer che esegue Reporting Services a un altro computer
Per ulteriori informazioni sullo spostamento dei database di Microsoft Dynamics CRM 3.0 a una nuova istanza di Microsoft SQL Server, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
910044 Durante lo spostamento di database di Microsoft Dynamics CRM in una nuova istanza di SQL Server, è possibile che i processi di SQL Server non vengano creati

Proprietà

Identificativo articolo: 917948 - Ultima modifica: giovedì 10 gennaio 2008 - Revisione: 4.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Dynamics CRM 3.0
Chiavi: 
kbhowto kbmbsmigrate kbmbsadministration KB917948
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com