Sintomi

Quando si tenta di attivare Windows Vista o Windows Server 2008, viene visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
Errore di attivazione: Codice 0x8007232b
Nome DNS inesistente
Quando si tenta di attivare Windows 7, Windows 8 o Windows Server 2012, viene visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:

Messaggio di errore 1
Impossibile attivare Windows.
Impossibile individuare l'host dei servizi di gestione delle chiavi in Domain Name System (DNS). Richiedere all'amministratore di sistema di verificare che un servizio di gestione delle chiavi sia pubblicato correttamente in DNS.
Errore: 0x8007232b
Descrizione:
Nome DNS inesistente.
Messaggio di errore 2
Errore: 0x8007007B
"La sintassi del nome del file, della directory o dell'etichetta di volume non Ŕ corretta"
Questo problema pu˛ verificarsi nelle seguenti circostanze:
  • ╚ possibile utilizzare il supporto Volume License per installare uno dei seguenti sistemi operativi:
    • Windows 8
    • Windows 7
    • Windows Vista Enterprise
    • Windows Vista Business
    • Windows Server 2012
    • Windows Server 2008
    • Windows Server 2008 R2
  • L'attivazione guidata non Ŕ in grado di connettersi a un computer host Servizio di gestione delle chiavi (KMS).
Se si utilizza MSDN, TechNet o MAP, probabilmente si dispone del supporto Volume License fornito di un codice ad attivazione multipla (MAK).

Risoluzione

Per risolvere questo problema, utilizzare uno o pi¨ dei metodi seguenti, in base alla situazione.

Metodo 1: Utilizzare un codice ad attivazione multipla anzichÚ l'attivazione del Servizio di gestione delle chiavi (KMS)

Fare clic qui per ridurre o estendere la sezione
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Se l'attivazione del Servizio di gestione delle chiavi (KMS) non viene utilizzata e se non Ŕ presente un server KMS, il codice "Product Key" dovrebbe essere modificato con un codice ad attivazione multipla (MAK). Per Microsoft Developer Network (MSDN) o in TechNet, le unitÓ di stockkeeping (SKU) elencate di seguito al supporto sono generalmente supporti Volume License e il codice "Product Key" fornito Ŕ un codice MAK.

Modificare il codice "Product Key" con un codice MAK. A questo scopo, attenersi alla seguente procedura:
  1. Fare clic su Start
    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    il Pulsante start
    , selezionare Tutti i programmi, scegliere Accessori, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi.
  2. Fare clic su Esegui come amministratore.

    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Autorizzazione Controllo di accesso utente
    Se viene richiesto di immettere la password di amministratore o di confermare l'operazione, digitare la password o fornire la conferma.
  3. Al prompt dei comandi, digitare il comando seguente e premere INVIO:
    slmgr -ipk xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx
    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Nota In questo comando, il segnaposto xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx-xxxxx rappresenta il proprio codice "Product Key" MAK.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Metodo 2: Configurare un server host KMS per i rispettivi client da attivare.

Fare clic qui per ridurre o estendere la sezione
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
╚ necessario un server host KMS per configurare l'attivazione KMS per i client. Se non sono presenti server host KMS configurati nell'ambiente in uso, installare e attivare un server host KMS mediante un codice server host KMS appropriato. Dopo aver configurato un computer in rete per ospitare un software KMS, pubblicare le impostazioni DNS. Per una panoramica del processo di configurazione dei server host KMS, andare su
Impostare un host KMS su una macchina video Windows Server 2008 R2.


Per ulteriori informazioni su come impostare un server KMS e su come pubblicare le impostazioni DNS, visitare i seguenti siti Web Microsoft:

Metodo 3: Il client non Ŕ in grado di individuare un host KMS in rete per l'attivazione

Fare clic qui per ridurre o estendere la sezione
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Se la rete ha una configurazione del computer host KMS e se il client non Ŕ in grado di individuare un host KMS in rete per l'attivazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Verificare che il computer con l'host KMS installato sia stato attivato mediante un codice KMS registrato in DNS. A questo scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Fare clic su Start
      Riduci l'immagineEspandi l'immagine
      Pulsante Start
      , selezionare Tutti i programmi, scegliere Accessori, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi.
    2. Fare clic su Esegui come amministratore.

      Riduci l'immagineEspandi l'immagine
      Autorizzazione Controllo di accesso utente
      Se viene richiesto di immettere la password di amministratore o di confermare l'operazione, digitare la password o fornire la conferma.
    3. Al prompt dei comandi, digitare il seguente comando e premere INVIO: nslookup -type=all _vlmcs._tcp>kms.txt
    4. Aprire il file KMS.txt generato da questo comando. ╚ necessario che questo file contenga una o pi¨ voci analoghe alle seguenti:
      _vlmcs._tcp.contoso.com                            posizione servizio SRV: prioritÓ       = 0 peso         = 0 porta           = 1688 svr nome host   = kms-server.contoso.com
    5. Se tali voci "_vlmcs" sono presenti e contengono nomi host KMS previsti, fare riferimento alla sezione "Metodo 4".
  2. Per impostazione predefinita, un server host KMS registra in modo dinamico un record SRV DNS ogni 24 ore. Controllare il Registro di sistema per determinare se il server host KMS Ŕ in registrazione con DNS. A questo scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Fare clic su Start, digitare regedit e premere INVIO.
    2. Individuare e selezionare la seguente chiave del Registro di sistema:
      HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\SL
    3. Se la sottochiave DisableDnsPublishing presenta un valore pari a 1, il servizio KMS non Ŕ registrato in DNS. Se la sottochiave DisableDnsPublishing non Ŕ presente, creare un nuovo valore DWORD denominato DisableDnsPublishing. Se la registrazione dinamica Ŕ corretta, cambiare il valore della sottochiave in 0. A tale scopo, fare clic con il pulsante destro del mouse su DisableDnsPublishing, scegliere Modifica, digitare 0 nella casella Dati valore e fare clic su OK.

    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Nota Per impostazione predefinita, la chiave del Registro di sistema presenta un valore indefinito che risulta nella registrazione dinamica ogni 24 ore.
Se il servizio server DNS non supporta gli aggiornamenti dinamici o non si verificano tali aggiornamenti, Ŕ possibile registrare manualmente il record "VLMCS._TCP, SRV". Per creare manualmente un record SRV KMS in un server Microsoft DNS, attenersi alla seguente procedura:
  1. Aprire Gestore DNS sul server DNS. Per aprire Gestore DNS, fare clic su Start, selezionare Strumenti di amministrazione, quindi fare clic su DNS.
  2. Fare clic sul server DNS in cui Ŕ necessario creare il record di risorse SRV.
  3. Nella struttura della console, espandere Zone di ricerca diretta, fare clic con il pulsante destro del mouse sul dominio, quindi selezionare Altri nuovi record.
  4. Scorrere l'elenco e selezionare Posizione servizio (SRV), quindi fare clic su Crea record.
  5. Digitare le seguenti informazioni:
    • Servizio: _VLMCS
    • Protocollo: _TCP
    • Numero porta: 1688
    • Host che offre il servizio: <FQDN_of_KMS_Host>
  6. Al termine dell'operazione, fare clic su OK, quindi selezionare Chiudi.
Per creare manualmente i record SRV in un server DNS BIND 9.x compatibile, includere le seguenti informazioni durante la creazione del record.

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Nota Se l'organizzazione utilizza un server diverso da DNS Microsoft, Ŕ possibile creare i record SRV necessari se si dispone del server DNS BIND 9.x compatibile.
  • Nome = _vlmcs._TCP
  • Tipo = SRV
  • PrioritÓ = 0
  • Peso = 0
  • Porta = 1688
  • Nome host = <FQDN o A-Nome dell'host KMS>
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Nota Il campo PrioritÓ e Peso non sono utilizzati da KMS e sono ignorati dal client KMS. ╚ necessario tuttavia che sia incluso nel file di zona.

Per configurare un server DNS BIND 9.x per supportare la pubblicazione automatica di KMS, configurare il server BIND per abilitare gli aggiornamenti del record di risorse da host KMS. Ad esempio, aggiungere la seguente riga alla definizione della zona in Named.conf o in Named.conf.local:
allow-update { any; };
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Metodo 4: Assegnare manualmente un server KMS

Fare clic qui per ridurre o estendere la sezione
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Per impostazione predefinita, i client KMS utilizzano la funzionalitÓ di rilevamento automatico e DNS query per un elenco di server che hanno pubblicato il record _VLMCS all'interno della zona di appartenenza del client. DNS restituisce l'elenco degli host KMS in ordine casuale. Il client rileva un host KMS e tenta di stabilire una sessione. Se tale operazione si conclude con successo, il client memorizza il server e prova a utilizzarlo per il tentativo di ripristino successivo. Se invece l'operazione ha esito negativo, il client sceglie un altro server in maniera casuale. Si consiglia di utilizzare la funzionalitÓ di rilevamento automatico. ╚ tuttavia possibile assegnare manualmente un server KMS. A tale scopo, aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati nel client KMS. Per aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati, fare clic su Start
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
, Pulsante Start
, scegliere Tutti i programmi, scegliere Accessori, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi, quindi scegliere Esegui come amministratore.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Autorizzazione Controllo di accesso utente
Se viene richiesto di immettere la password di amministratore o di confermare l'operazione, digitare la password o fornire la conferma.

Utilizzare i seguenti comandi da un prompt dei comandi con privilegi elevati:
  • Per assegnare un host KMS utilizzando il FQDN dell'host, digitare il seguente comando:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <KMS_FQDN>:<porta>
  • Per assegnare un host KMS utilizzando l'indirizzo IP versione 4 dell'host, digitare il seguente comando:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <IPv4Address><:port>
  • Per assegnare un host KMS utilizzando l'indirizzo IP versione 6 dell'host, digitare il seguente comando:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <IPv6Address><:port>
  • Per assegnare un host KMS utilizzando il nome NETBIOS dell'host, digitare il seguente comando:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <NetbiosName><:port>
  • Per ripristinare il rilevamento automatico in un client KMS, digitare il seguente comando:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs ?ckms
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Metodo 5: Il client non Ŕ in grado di risolvere il nome DNS del server KMS o non Ŕ possibile connettersi al server KMS

Fare clic qui per ridurre o estendere la sezione
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Se il metodo precedente non ha risolto il problema, Ŕ possibile che esso dipenda dalla capacitÓ di risoluzione e di connessione del client a un server KMS. Se il problema Ŕ la capacitÓ del client di risolvere il nome DNS del server KMS o di connettersi al server KMS, attenersi alla seguente procedura:
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Nota ╚ necessario che la seguente procedura sia eseguita su un client KMS in cui si Ŕ verificato l'errore riportato nel titolo, se non specificato diversamente:
  1. Al prompt dei comandi, digitare il seguente comando e premere INVIO:
    IPCONFIG /all
  2. Dai risultati del comando, prendere nota dell'indirizzo IP assegnato, dell'indirizzo del server DNS e dell'indirizzo del gateway predefinito.
  3. Verificare la connettivitÓ IP di base per il server DNS utilizzando il comando ping. Per eseguire questa operazione, eseguire il seguente comando.
    ping <DNS_Server_IP_address>
    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Nota Se il comando ping non raggiunge il server, Ŕ necessario risolvere prima questo problema.

    Per ulteriori informazioni sulla risoluzione dei problemi di connessione TCP/IP se non Ŕ possibile eseguire il ping del server DNS, vedere l'argomento Microsoft TechNet Risoluzione dei problemi TCP/IP.
  4. Verificare che l'elenco di ricerca del suffisso DNS primario contenga il suffisso di dominio DNS registrato dall'host KMS.

    Per i computer aggiunti al dominio, il rilevamento automatico DNS di KMS richiede che la zona DNS contenga il record di risorse SRV per l'host KMS. Questa zona DNS Ŕ la corrispondente a ogni suffisso DNS primario del computer o del dominio del DNS Active Directory.

    Per i computer del gruppo di lavoro, il rilevamento automatico DNS di KMS richiede che la zona DNS contenga il record di risorse SRV per l'host KMS. Questa zona DNS Ŕ la corrispondente a ogni suffisso DNS primario del computer o del nome del dominio DNS assegnato tramite DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol). Tale nome del dominio Ŕ definito dall'opzione che presenta il valore codice pari a 15, come indicato nella specifica RFC (Request for Comments) 2132.
  5. Verificare che i record SRV dell'host KMS siano registrati in DNS. Al prompt dei comandi con privilegi elevati, digitare il seguente comando e premere INVIO:
    nslookup -type=all _vlmcs._tcp>kms.txt
  6. Aprire il file Kms.txt generato da questo comando. ╚ necessario che questo file contenga una o pi¨ voci analoghe alle seguenti:
    _vlmcs._tcp.contoso.com                            posizione servizio SRV: prioritÓ       = 0 peso         = 0 porta           = 1688 svr nome host   = kms-server.contoso.com
    Verificare l'indirizzo IP, il nome host e la porta dell'host KMS.

    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Nota Se il comandonslookup trova l'host KMS, non significa che anche il client DNS Ŕ in grado di trovarlo. Se il comando nslookup trova l'host KMS e non Ŕ ancora possibile attivare il server host KMS, controllare le altre impostazioni, ad esempio il suffisso DNS primario e l'elenco di ricerca del suffisso DNS.

    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Nota I record SRV sono registrati nella zona DNS che corrisponde all'appartenenza al dominio host KMS. Ad esempio, supponiamo che un host KMS sia aggiunto al dominio contoso.com. In questo scenario, l'host KMS registra il proprio record SRV VLMCS._TCP nella zona DNS contoso.com. Di conseguenza, viene creato il record VLMCS._TCP.CONTOSO.COM. Se i client sono configurati per l'uso di una zona DNS diversa, pubblicano automaticamente il KMS in pi¨ domini DNS. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Accedere a un host KMS.
    2. Aprire un prompt dei comandi con privilegi elevati. Per eseguire questa operazione, fare clic su Start, selezionare Tutti i programmi, scegliere Accessori, fare clic con il pulsante destro del mouse su Prompt dei comandi, quindi selezionare Esegui come amministratore.

      Riduci l'immagineEspandi l'immagine
      Autorizzazione Controllo dell'account utente
      Se viene richiesto di immettere la password di amministratore o di confermare l'operazione, digitare la password o fornire la conferma.
    3. Al prompt dei comandi, digitare Regedit.exe, quindi premere INVIO.
    4. Individuare e selezionare la seguente chiave del Registro di sistema:
      HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\SL
    5. Nel riquadro della struttura, fare clic su SL. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota del riquadro dei dettagli, scegliere Nuovo, quindi fare clic su Valore multistringa.
    6. Digitare DnsDomainPublishList come nome per il nuovo valore, quindi premere INVIO.
    7. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nuovo valore DnsDomainPublishList e scegliere Modifica.
    8. Nella finestra di dialogo Modifica multistringhe, digitare ogni suffisso di dominio DNS pubblicato tramite KMS su una riga separata, quindi fare clic su OK.

      Riduci l'immagineEspandi l'immagine
      Nota Per Windows 7 e Windows Server 2008 R2, il formato per DnsDomainPublishList Ŕ diverso.

      Per ulteriori informazioni, vedere Guida di riferimento tecnico di Volume Activation
    9. Riavviare il servizio Gestione licenze software utilizzando lo strumento amministrativo Servizio. Tale operazione consente di creare i record SRV.
  7. Verificare che il nome host restituito nell'ultimo passaggio possa essere risolto mediante un metodo generale sul client KMS. Quando il nome viene risolto, verificare inoltre che l'indirizzo IP restituito sia corretto. Se una di queste verifiche ha esito negativo, controllare il problema del resolver client DNS.
  8. Se si tenta di utilizzare la funzionalitÓ di rilevamento automatico KMS, eseguire il seguente comando da un prompt dei comandi con privilegi elevati per cancellare qualsiasi nome host KMS memorizzato precedentemente:
    cscript C:\Windows\System32\slmgr.vbs ?ckms
  9. Se si crede di avere problemi relativi al record SRV, Ŕ possibile risolvere tale problema mediante uno dei comandi documentati nella sezione "Metodo 4" per specificare in modo statico un host KMS. ╚ possibile utilizzare i seguenti comandi per determinare se si tratta di un problema relativo alla risoluzione dei nomi o al record SRV. Se nessuno di questi comandi risolve il problema, Ŕ possibile che si sia in presenza di una porta bloccata o di un host inaccessibile, come illustrato nel passaggio successivo.

    Eseguire i seguenti comandi:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <KMS_FQDN>:<port>
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs ?ato
    Se questi comandi risolvono il problema, si tratta di un problema relativo ai record SRV ed Ŕ necessario eseguire la procedura di risoluzione dei problemi.

    Se questi comandi non risolvono il problema, eseguire i seguenti comandi:
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs -skms <IP Address>:<port>
    cscript \windows\system32\slmgr.vbs ?ato
    Se questi comandi risolvono il problema, si tratta molto probabilmente di un problema relativo alla risoluzione dei nomi.
  10. La porta TCP 1688 viene utilizzata per la comunicazione di attivazione tra il client KMS e l'host KMS. Se la comunicazione sembra essere bloccata, controllare le configurazioni del firewall o qualsiasi altro elemento che potrebbe bloccare la porta TCP 1688.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Per ulteriori informazioni

Quando viene utilizzato il supporto Volume License per installare Windows 8, Windows 7, Windows Vista Enterprise, Windows Vista Business, Windows Server 2012 o Windows Server 2008, il processo di installazione utilizza un codice "Product Key" generico. Quando si tenta di attivare Windows 8, Windows 7, Windows Vista Enterprise, Windows Vista Business, Windows Server 2012 o Windows Server 2008, l'attivazione guidata utilizza DNS per trovare computer basati su Windows 8, Windows 7, Windows Vista, Windows Server 2012 o Windows Server 2008 che eseguono il software KMS. Quando la procedura guidata richiede il DNS e non viene trovata alcuna voce DNS per il computer host KMS, viene visualizzato un messaggio di errore. Se si dispone di un'installazione del computer host KMS, le voci DNS corrette non vengono visualizzate dal computer client. Se non si dispone di un'installazione del computer host KMS, Ŕ necessario configurare un computer host KMS o passare a un metodo codice "Product Key" MAK per attivare l'installazione di Volume License.

Microsoft Developer Network (MSDN) e TechNet forniscono il supporto Volume License per le unitÓ stockkeeping (SKU) per Windows Server 2008, Windows Server 2012, Windows Vista Enterprise, Windows 8 Enterprise e Windows 7 Enterprise. Non Ŕ necessario un codice "Product key" durante l'installazione del supporto Volume License. Se non si modifica il codice "Product Key" in un codice MSDN, viene visualizzato un messaggio di errore durante il tentativo di attivazione del sistema operativo. Se si utilizza un supporto MSDN o TechNet, Ŕ necessario modificare il codice "Product Key" nel codice "Product Key" MSDN. Utilizzare la sottosezione "Metodo 1" della sezione "Risoluzione" per modificare il codice "Product Key".

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Nota Il codice "Product Key" MSDN o TechNet per Windows Server 2012, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2, Windows Vista Enterprise, Windows 8 Enterprise o Windows 7 Enterprise Ŕ il codice "Product Key" MAK.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su Volume Activation, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 929712: Informazioni su Volume Activation per Windows Vista, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2 e Windows 7

Per ulteriori informazioni sui contratti multilicenza, visitare il sito Web Microsoft Volume Licensing .

Per ulteriori informazioni su come attivare copie di Windows Vista o Windows Server 2008 installate mediante il supporto Volume License, visitare la pagina Web Informazioni relative all'attivazione del codice "Product Key" .

Informazioni sull?articolo

Identificativo articolo: 929826
Ultima revisione: martedý 24 giugno 2014
Le informazioni in questo articolo si applicano a:: Windows 8 Enterprise, Windows 8 Enterprise N, Windows Server 2012 Datacenter, Windows Server 2012 Foundation, Microsoft Hyper-V Server 2012, Windows Server 2012 Standard, Windows 7 Enterprise, Windows 7 Enterprise N, Windows Server 2008 R2 Datacenter, Windows Server 2008 R2 Datacenter without Hyper-V, Windows Server 2008 R2 Enterprise, Windows Server 2008 R2 Enterprise without Hyper-V, Windows Server 2008 R2 Foundation, Windows Server 2008 R2 Standard, Windows Server 2008 R2 Standard without Hyper-V, Windows Vista Business, Windows Vista Enterprise, Windows Vista Business 64-bit edition, Windows Vista Enterprise 64-bit edition, Windows Server 2008 Standard, Windows Server 2008 Enterprise, Windows Server 2008 Standard without Hyper-V, Windows Server 2008 for Itanium-Based Systems, Windows Server 2008 Enterprise without Hyper-V
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Si desidera valutare questo articolo?
 

Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.