I cookie permanenti non vengono condivise tra applicazioni di Internet Explorer 7 e Office in Windows Vista

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 932118 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

In un computer che esegue Windows Vista, Ŕ possibile utilizzare i collegamenti ipertestuali per aprire documenti di Microsoft Office in Windows Internet Explorer 7. Quando si utilizza questa azione, si potrebbero verificarsi i sintomi seguenti.

Cookie permanenti mancanti

Quando le applicazioni di Office di comunicare con il server Web, non inviano i cookie permanenti vengono salvati da Internet Explorer al server Web. Questo comportamento pu˛ verificarsi nelle seguenti situazioni per un'applicazione Web che prevede di questi cookie:
  • Perdita dello stato della sessione
  • Perdita di consapevolezza transazionale

File temporanei mancanti

Contenuto scaricato da Internet Explorer potrebbe essere mancante nella cache dei file temporanei. Questa situazione pu˛ causare i sintomi seguenti:
  • I file vengono scaricati due volte prima che vengano aperti. (, Doppio GET vengono effettuate le richieste.)
  • Le modifiche apportate al file in una sessione potrebbero non essere disponibili per l'altra sessione. Di conseguenza, il comportamento di un'applicazione Web pu˛ essere modificato.

Richieste di autenticazione o di reindirizzamenti di pagina di accesso

Nei seguenti scenari, determinate soluzioni di Single Sign-On (SSO) che utilizzano i cookie permanenti per compatibilitÓ tra applicazioni potrebbero non funzionare come previsto:
  • Un'applicazione di Office tenta di aprire il documento da una raccolta di documenti Web servizio riconoscono ad esempio un sito di SharePoint.
  • Un'applicazione di Office tenta di salvare il documento da una raccolta documenti Web servizio riconoscono ad esempio un sito di SharePoint.
  • Un'applicazione di Office tenta di interagire con il documento da una raccolta di documenti Web servizio riconoscono ad esempio un sito di SharePoint.
Di conseguenza, queste soluzioni SSO possono richiedere all'utente le informazioni di autenticazione. In alternativa, queste soluzioni SSO potrebbero reindirizzare l'utente a una pagina di accesso form.

Cause

In Windows Vista, Internet Explorer 7 introduce una nuova area di protezione funzionalitÓ di protezione viene chiamata modalitÓ protetta. Questo ulteriore livello di protezione imposta un percorso di cache isolato per i file salvati da pagine Web nell'area di protezione protetto e per i cookie permanenti che vengono salvati da pagine Web in tale area di protezione. Questa posizione cache alternativo Ŕ isolata dalla cache del regolare che viene utilizzata da siti locale e attendibili. Di conseguenza, attendibilitÓ bassa siti Impossibile scrivere contenuto in un percorso cartella disponibile per altre applicazioni in esecuzione in un livello di attendibilitÓ pi¨ elevato rispetto a Internet Explorer 7. Ci˛ consente di rendere pi¨ sicuro Internet Explorer 7 in Windows Vista. Tuttavia, questa situazione determina quanto segue per essere isolato a Internet Explorer 7:
  • File impostati dai siti Web in tale modalitÓ.
  • Cookie permanenti impostati dai siti Web in tale modalitÓ.
Per impostazione predefinita, i giorni non modalitÓ protetta Ŕ attivata in Internet Explorer 7 per le seguenti aree:
  • Internet
  • Intranet
  • Con restrizioni
Per impostazione predefinita, i giorni non modalitÓ protetta Ŕ disattivata in Internet Explorer 7 per l'area siti attendibili.

Per accedere a modalitÓ protetta in Internet Explorer 7, scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti e quindi fare clic su protezione . La modalitÓ protetta abilitata o disabilitata su base per la zona.

Le applicazioni esterne che utilizzano Microsoft Windows Internet (WinINet) API continuano a utilizzare il percorso regolari della cache. Queste applicazioni utilizzano questo percorso della cache anche se il contenuto Web con cui lavora si trova in una zona che ha attivato la modalitÓ protetta. Questo comportamento causa un problema di compatibilitÓ per i client Web esistenti. Tuttavia, questo comportamento impedisce la condivisione efficace delle informazioni di cache tra Internet Explorer e Office.

Risoluzione

Per risolvere questo problema, Ŕ necessario aggiungere il sito Web con cui si verificano questi sintomi all'elenco di siti attendibili.

Per impostazione predefinita, Internet Explorer 7 non viene utilizzato il percorso della cache isolato per l'area di protezione protetto. Di conseguenza, quando si crea il sito in un sito attendibile, abilitare il Web salvare la cache di regolare i cookie permanenti e temporanei. In questo percorso, i cookie permanenti e temporanei disponibili per le applicazioni di Office.

Nota ╚ possibile attivare la modalitÓ protetta per l'area siti attendibili utilizzando la finestra di dialogo Opzioni Internet . Tuttavia, se si esegue questa azione, questo problema potrebbe essere nuovamente visualizzata. Di conseguenza, se si desidera che questa soluzione per l'utilizzo, Ŕ necessario lasciare modalitÓ protetta disabilitato per l'area siti attendibili.

Status

Questo comportamento legato alla progettazione.

Quando Internet Explorer 7 viene eseguito in modalitÓ protetta, Internet Explorer 7 viene eseguito in un token di protezione ridotta. Questo token limita la capacitÓ di Internet Explorer 7 per accedere alle risorse del computer. La cache isolata Ŕ la posizione modificabile solo che dispone di Internet Explorer 7 quando viene eseguito in modalitÓ protetta. Internet Explorer 7 Ŕ intenzionalmente isolata dalle applicazioni in esecuzione con un token regolari della protezione. Questo comportamento impedisce l'elevazione dei diritti utente accidentale se Internet Explorer diventa compromesso. Tuttavia, l'isolamento maggiore deriva al costo di un'interazione con altre applicazioni, ad esempio Office meno trasparente.

Informazioni

Questo problema pu˛ inoltre riguarda i client che utilizza Microsoft Office SharePoint 2007 con l'autenticazione SSO. Autenticazione SSO di SharePoint si basa su cookie permanenti per l'autenticazione tra le applicazioni. Gli utenti possono pertanto visualizzare pi¨ richieste di autenticazione pi¨ si aspettano. Per risolvere il problema, utilizzare la risoluzione menzionato nella sezione "Risoluzione".

╚ possibile ottenere ulteriori informazioni sull'utilizzo dell'autenticazione SSO insieme con Office SharePoint Server 2007. ╚ inoltre possibile ottenere ulteriori informazioni sulla possibilitÓ di autenticazione di SSO per questo problema quando l'autenticazione SSO viene utilizzato con Office SharePoint Server 2007. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web Microsoft TechNet:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc263304.aspx

Per ulteriori informazioni sulla cache dei isolato, visitare il seguente sito Web MSDN (informazioni in lingua inglese):
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/Bb250462.aspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 932118 - Ultima modifica: mercoledý 31 ottobre 2007 - Revisione: 1.5
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Windows Internet Explorer 7 in Windows Vista
  • Microsoft Office SharePoint Server 2007
  • Microsoft Office Ultimate 2007
  • Microsoft Office Professional 2007
  • Microsoft Office Professional Plus 2007
  • Microsoft Office Small Business 2007
  • Microsoft Office Standard 2007
  • Microsoft Office Home and Student 2007
  • Microsoft Office Basic 2007
  • Microsoft Office 2003, All Editions
  • Microsoft Office XP, All Editions
  • Microsoft Office 2000 Standard Edition
Chiavi:á
kbmt kbtshoot kbprb KB932118 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 932118
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com