Impossibile avviare il servizio di Agente protezione dati Data Protection Manager in System Center Data Protection Manager 2007

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 947682 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

Dopo aver distribuito l'agente protezione dati Data Protection Manager in Microsoft System Center Data Protection Manager 2007, Impossibile avviare il servizio Agente protezione dati Data Protection Manager sul server protetto. (Un server protetto è un server che contiene le origini dati che sono membri del gruppo protezione dati.)

Inoltre, il seguente evento viene registrato nel Registro di sistema sui server protetti:

Tipo evento: errore
Origine evento: Gestione controllo servizi
Categoria evento: nessuno
ID evento: 7024
Data: Date
Ora: Time
Utente: N/d
Computer: ComputerName
Descrizione:
Il servizio DPMRA terminato con errore specifiche del servizio 10048 (0x2740).

Cause

Questo problema può verificarsi per uno dei seguenti motivi:
  • Un altro processo sta utilizzando la porta TCP 5718 e la porta TCP 5719. Queste due porte sono necessarie dal servizio Agente protezione dati Data Protection Manager.
  • LA porta TCP 5718 e la porta TCP 5719 non sono aperte per le applicazioni firewall o per i dispositivi firewall sul computer.

Risoluzione

Risoluzione 1

Per risolvere il problema, individuare il processo che utilizza le porte TCP richieste. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Aprire una finestra del prompt dei comandi. Eseguire i comandi riportati di seguito al prompt dei comandi:
    netstat - ano > netstat.txt
    TaskList > tasklist.txt
    TaskList /svc > svclist.txt
    Nota In questo passaggio, gli output del comando del comando netstat e il comando tasklist vengono scritti nei file di testo in modo da poter controllare più facilmente gli output. Eseguire il comando tasklist con il / svc passare in quanto il processo che utilizza le porte necessarie potrebbe essere in esecuzione come servizio.
  2. Aprire i file di testo sono stati generati nel passaggio 1. A tale scopo, eseguire i seguenti comandi al prompt dei comandi:
    netstat.txt notepad
    Notepad tasklist.txt
    Notepad svclist.txt
  3. Trovare tutte le voci che corrispondono alla porta TCP 5718 e alla porta TCP 5719 nel file Netstat.txt. Si noti l'identificatore di processo (PID) per ogni voce.
  4. Individuare il PID trovato nel passaggio 3 per determinare quali processi utilizzano le porte necessarie nel file Tasklist.txt. Se non si trova il PID nel file di Tasklist.txt, provare a cercare il PID nel file di svclist.txt.
  5. Una volta individuare quale processo sta utilizzando le porte necessarie, configurare il programma corrispondente per l'utilizzo di altre porte disponibili. Se non è possibile modificare le porte del programma o se il programma utilizza le porte in modo dinamico, è necessario interrompere il programma.
Nota Se un'altra applicazione sta utilizzando la porta o le porte (5718 e 5719), le porte non possono essere modificate. In questo caso, invece, è possibile utilizzare lo strumento SetAgentcfg.exe. Questo strumento fornisce la possibilità di modificare l'impostazione predefinita le porte che utilizza l'agente Data Protection Manager.

Per modificare le porte utilizzate da agente DPM, attenersi alla seguente procedura sul computer protetto che si è verificato il problema. Assicurarsi che le porte si riassegnano verranno non utilizzato da altre applicazioni.
  1. Individuare il file SetAgentcfg.exe dal server DPM. Per impostazione predefinita, il file si trova nel seguente percorso:
    %Programmi%\Microsoft DPM\DPM\Setup\SetAgentCfg.exe
  2. Copiare il file al computer protetto che si è verificato il problema. Copiare il file nella directory dell'agente di DPM\Bin. Per impostazione predefinita, il file si trova nel seguente percorso:
    %Programmi%\Microsoft dati Protection Manager\DPM\bin.
  3. In computer protetti che si è verificato il problema, aprire una finestra del prompt dei comandi amministrativa.
  4. Nella finestra del prompt dei comandi passare alla directory in cui è stato copiato il file SetAgentCfg.exe. Ad esempio, passare alla directory seguente:
    %Programmi%\Microsoft dati Protection Manager\DPM\bin.
  5. Eseguire il comando seguente per modificare le porte utilizzate da agente Data Protection Manager:
    SetAgentCfg e dpmra < numero porta > < numero di porta alternativo >
  6. Riavviare il servizio DPMRA.
Se questa procedura non consente di risolvere questo problema, determinare se le applicazioni firewall richiedono verificare queste porte. Quindi, aprire manualmente le porte.

Risoluzione 2

Per impegnare le porte TCP 5718 e 5719, attenersi alla seguente procedura documentata nel seguente articolo della Microsoft Knowledge Base (KB):
812873Come riservare un intervallo di porte effimere in un computer che esegue Windows Server 2003 o Windows 2000 Server

Informazioni

Data Protection Manager 2007 e i server protetti per aprire connessioni sulla porta TCP 5718 e sulla porta TCP 5719 per abilitare le operazioni di Data Protection Manager, quali la sincronizzazione e ripristino. Il problema corrente può verificarsi su server protetti che eseguono il servizio Supervisore sistema di Microsoft Exchange. Questo servizio utilizza le porte TCP in modo dinamico. Questo servizio potrebbe richiedere una o entrambe le porte necessarie.

Data Protection Manager 2007 utilizza anche le seguenti porte:
  • TCP 135 dinamico
  • User Datagram Protocol (UDP) 53
  • UDP 88
  • TCP 88
  • UDP 137
  • UDP 138
  • TCP 139
  • TCP 389
  • UDP 389

Informazioni aggiuntive

Proprietà

Identificativo articolo: 947682 - Ultima modifica: giovedì 23 luglio 2009 - Revisione: 2.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft System Center Data Protection Manager 2007
Chiavi: 
kbmt kbexpertiseinter kbtshoot kbprb KB947682 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 947682
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com