Risoluzione dei problemi di configurazione IIS in SQL Server 2005 Reporting Services

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 958998 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

INTRODUZIONE

In questo articolo viene descritto come risolvere i problemi di configurazione di Internet Information Services (IIS) in Microsoft SQL Server 2005 Reporting Services.

Questo articolo Ŕ scritto principalmente utili per diagnosticare problemi di configurazione di IIS 6.0 in modalitÓ nativa di Reporting Services. Questo articolo riguarda anche in genere per IIS 5.0 e IIS 7.0. Tuttavia, alcune operazioni di diagnostiche potrebbero essere scritti solo per IIS 6.0, ad esempio la procedura per verificare l'installazione di Microsoft ASP.NET utilizzando Gestione IIS. In questo articolo spiega inoltre alcuni problemi di configurazione comuni con l'autenticazione, con ASP.NET e con Internet Explorer.

Informazioni

Approccio generale 1

Problemi di configurazione di IIS vengono in genere visualizzate come un errore a cui connettersi o per eseguire Server Report o Gestione report. Di diagnosticare i problemi di configurazione, Ŕ necessario esaminare l'architettura di Reporting Services e quella che Reporting Services Ŕ integrato con IIS. In questo articolo si tenta di identificare i problemi comuni di configurazione IIS che possono determinare un errore in Reporting Services. Vengono descritte anche alcuni problemi diversi da IIS.

Flusso di richiesta 1.1

Una richiesta HTTP da un utente passa attraverso numerosi livelli. Sapere a quale livello Impossibile la richiesta consentono di determinare la natura dell'errore. Il diagramma seguente Ŕ un diagramma semplificato del flusso di una richiesta:

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
958998


Reporting Services installa una directory virtuale per Server Report e una directory virtuale per Gestione report. Il nome di directory virtuale di predefinito per Server Report Ŕ ? reportserver. ? Il nome di directory virtuale per Gestione report di predefinito Ŕ ? report ?.

In genere, si inizia a diagnosticare i problemi di Reporting Services inviando una richiesta a directory principale di Server Report in Internet Explorer. Per impostazione predefinita, l'URL Ŕ http://<server> / reportserver . Se funziona Server Report, Ŕ possibile utilizzare quindi Internet Explorer per inviare una richiesta a http://<server> / report . Se Ŕ stato configurato un server report per l'utilizzo di SSL (Secure Sockets Layer), Ŕ necessario assicurarsi innanzitutto che il server pu˛ eseguire in modalitÓ non SSL. Se Ŕ stata configurata una distribuzione scale-out, Ŕ necessario assicurarsi innanzitutto che il server di report pu˛ essere eseguito sui singoli nodi. Diagnosi dei problemi in questo ordine consente di isolare i problemi pi¨ rapidamente.

Sintomi comuni 1.2

In questa sezione sono elencati i sintomi comuni che si verificano quando le richieste esito negativo in un determinato livello. In questa sezione indica anche dove cercare i messaggi di errore.
Firewall 1.2.1
Se si accede a Server Report da un computer client remoto, Ŕ necessario verificare che il firewall non blocchi la richiesta. Una richiesta bloccata viene registrata nel registro del firewall.

Per ulteriori informazioni su come trovare il registro del firewall, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
929455Quando si configura un percorso personalizzato per il file di registro Windows Firewall in Windows Vista, le informazioni potrebbero non essere scritti nel file di registro
╚ anche possibile visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc736373.aspx
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc758040.aspx
HTTP.sys 1.2.2
IIS 6.0 non Ŕ in esecuzione in modalitÓ di isolamento di IIS 5.0 e IIS 7.0 Ŕ possibile utilizzare il driver in modalitÓ kernel HTTP (HTTP.sys) per eseguire i/o di rete HTTP. Il servizio HTTP viene avviato automaticamente. Non Ŕ necessario effettuare la configurazione manuale. Se Reporting Services Ŕ configurato per l'utilizzo di SSL, Ŕ necessario assicurarsi che il servizio SSL HTTP viene avviato.

Il processo di HTTP.sys pu˛ restituire un errore al client anche se IIS non Ŕ coinvolto. Ci˛ pu˛ verificarsi quando l'URL non Ŕ corretto oppure quando l'identitÓ del sito Web IIS non Ŕ configurato correttamente. Gli errori vengono registrati nel log degli errori di HTTP.sys.

Per ulteriori informazioni sui file registro errore HTTP.sys, il seguente sito Microsoft Web:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc786081.aspx
Per ulteriori informazioni sulla registrazione degli errori nell'API HTTP, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
820729Errore di registrazione nelle API HTTP
1.2.3 IIS e i pool di applicazioni
Prima di esaminare la configurazione di IIS, Ŕ necessario assicurarsi che il servizio Amministrazione di IIS e il pool di applicazioni siano in esecuzione. Inoltre, Ŕ necessario verificare che l'identitÓ del sito Web sia corretto. Occorre fare attenzione con l'identitÓ di sito se il sito Web che ospita Reporting Services non Ŕ il sito Web predefinito, o se non si specifica ? nessuno ? l'identitÓ del sito. Se Ŕ configurato il server di report e Gestione report nei diversi siti Web, provare a configurare il server di report e Gestione report nel sito Web stesso. Se altre applicazioni condividono lo stesso sito Web con Reporting Services, provare a configurare le directory virtuali Reporting Services su un nuovo sito Web. Se si dispone delle estensioni ISAPI o filtri di terze parti, provare a rimuovere le estensioni ISAPI di terze parti o filtri.

Se si verificano pi¨ problemi di configurazione con IIS, Ŕ possibile reinstallare IIS. Quando si esegue questa operazione, Ŕ necessario riconfigurare ASP.NET e le directory virtuali Reporting Services.

Per ulteriori informazioni sulla posizione dei file registro IIS, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
324091Procedura: Visualizzare e report dai file di registro
╚ possibile inoltre il seguente sito Microsoft Web:
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/WindowsServer2003/Library/IIS/bea506fd-38bc-4850-a4fb-e3a0379d321f.mspx?mfr=true
1.2.4 ASP.NET
Un messaggio di errore in Internet Explorer Ŕ possibile che si verifica un problema in ASP.NET. Se nel computer Ŕ stato disinstallato in precedenza IIS o ASP.NET, Ŕ necessario convalidare le impostazioni di configurazione ASP.NET. ╚ possibile risolvere la maggior parte dei problemi di configurazione ASP.NET utilizzando il file aspnet_regiis.exe per registrare ASP.NET in IIS. Per ulteriori informazioni sulla convalida di ASP.NET, vedere la sezione 4 di questo articolo.

╚ possibile utilizzare una pagina aspx semplice per eseguire un controllo di integritÓ della configurazione di IIS e ASP.NET. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Creare una nuova directory virtuale nel sito Web che ospita le directory virtuali di Reporting Services.
  2. Concedere l'autorizzazione di lettura ed esecuzione dell'autorizzazione per la directory virtuale.
  3. Distribuire una pagina aspx semplice per la directory virtuale.
Se si non passa la pagina aspx in Internet Explorer, risolvere il problema prima. Il problema pu˛ verificarsi in ASP.NET o in uno dei livelli prima che la richiesta raggiunge ASP.NET.
Directory virtuale del server di report 1.2.5
Se le directory virtuali Reporting Services non sono state configurate mediante utilizzando il provider di Reporting Services Strumentazione gestione Windows (WMI) o lo strumento di configurazione Reporting Services, Ŕ necessario seguire le istruzioni nella sezione 4.1 per verificare le impostazioni delle directory virtuali. Se si verificano problemi di configurazione pi¨, Ŕ possibile ricreare le directory virtuali tramite WMI o utilizzando lo strumento di configurazione di Reporting Services.

Per risolvere problemi, verificare e correggere la directory virtuale Server Report. Quindi, mentre Ŕ in Server Report, Ŕ possibile esaminare e correggere la directory virtuale Gestione report. Quando Gestione report non Ŕ in grado di comunicare con Server Report, l'errore Ŕ in genere registrato nei file di registro Reporting Services.

Per ulteriori informazioni sui registri di traccia di Reporting Services, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms156500(SQL.90).aspx
Di seguito Ŕ un esempio tipico di questi errori:
w3wp! ui! 1! 8 /5/2008 10: 20: 56:: e di errore: codice di stato HTTP--> 500

-------Dettagli--------

System.NET.WebException: Richiesta non riuscita con un < errore >
in Microsoft.SqlServer.ReportingServices2005.RSConnection.GetSecureMethods()
in Microsoft.ReportingServices.UI.Global.RSWebServiceWrapper.GetSecureMethods()
Se la directory virtuale Server Report funziona, ma la directory virtuale Gestione report non funziona, esaminare l'URL utilizzato Gestione report per comunicare con Server Report.

Per ulteriori informazioni visitare il seguente sito Web (informazioni in lingua inglese):
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159261(SQL.90).aspx
Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
922656Messaggio di errore quando si tenta di aprire lo strumento di gestione report in SQL Server 2005 Reporting Services: "richiesta non riuscita con stato HTTP 400: richiesta non valida"o"un tentativo di connessione al server di report non riuscito"

Problemi di configurazione sito Web 2

Problemi di identitÓ di sito 2.1

Se un messaggio di errore indica che Internet Explorer non pu˛ raggiungere ReportServer o Gestione report, Ŕ necessario convalidare le impostazioni di sito per Reporting Services. Di seguito sono alcuni messaggi di errore che Ŕ possibile che venga visualizzato.

In Gestione report, riceverai il messaggio di errore seguente:
Impossibile connettersi al server di report. Controllare la connessione di informazioni e che il server di report versione compatibile.
In Internet Explorer, Ŕ visualizzato il seguente messaggio di errore:
Impossibile trovare il server o errore DNS
In Internet Explorer, Ŕ visualizzato il seguente messaggio di errore:
HTTP 400 Bad Request
Assicurarsi che l'indirizzo IP o il nome host utilizzato nell'URL risolto al computer e il sito Web che ospita le directory virtuali di Reporting Services. Se le directory virtuali sono inclusi nei siti Web diversi, controllare la configurazione del sito Web per Server Report e Gestione report.

Se l'URL viene specificato tramite un indirizzo IP, verificare quanto segue:
  • Assicurarsi che l'indirizzo IP viene risolto il computer che ospita le directory virtuali di Reporting Services. ╚ possibile utilizzare il comando ipconfig.exe per elencare le interfacce di rete di un computer.
  • Assicurarsi che i siti Web che Reporting Services utilizzare l'impostazione All Unassigned host o l'indirizzo IP di indirizzi che si Ŕ specificato nel riquadro dei Identificazione sito Web .
Se l'URL Ŕ specificato da un nome host, verificare quanto segue:
  • Assicurarsi che il nome host risolto computer di Reporting Services. ╚ possibile utilizzare il comando ping.exe per risolvere il nome host l'indirizzo IP. Assicurarsi quindi che l'indirizzo IP viene risolto il computer che ospita le directory virtuali di Reporting Services.
  • Assicurarsi che il sito Web utilizza l'impostazione Nessuno per l'identificazione del sito Web o che il sito Web specifica un'intestazione host corrispondente l'intestazione host nella richiesta. Intestazione host che la richiesta utilizza in genere Ŕ il nome server specificato nell'URL. In uno scenario di bilanciamento carico di rete (NLB), l'intestazione host Ŕ in genere il nome del nodo virtuale. L'intestazione host pu˛ anche essere definito nel file Hosts.
In IIS 5.0 e in IIS 6.0, le identitÓ di sito sono definite nel riquadro della scheda sito Web della pagina Delle proprietÓ sito Web di Identificazione sito Web . In IIS 7.0, Ŕ possibile definire le identitÓ di sito Web facendo clic sul collegamento binding nel riquadro Modifica sito . Per ulteriori informazioni su come sono definite le identitÓ di sito Web, visitare i seguenti siti Web.

Nota IIS 5.0 utilizza un'interfaccia simile a IIS 6.0 per definire l'identitÓ del sito.
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc771911.aspx

http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc754348.aspx

http://learn.iis.net/page.aspx/150/understanding-sites-apps-and-vdirs-in-iis-7/#Sites
╚ inoltre necessario assicurarsi che Gestione report utilizza un URL corretto per accedere a Server Report. Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159261(SQL.90).aspx

http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms155921(SQL.90).aspx

Problemi di 2.2 che si verificano dopo la reinstallazione di IIS

Se Ŕ stato reinstallato IIS, Ŕ necessario riconfigurare ASP.NET, directory virtuale Server Report e la directory virtuale di gestione di report.
Informazioni per l'installazione di IIS
Per ulteriori informazioni sull'installazione di IIS 6.0, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/WindowsServer2003/Library/IIS/750d3137-462c-491d-b6c7-5f370d7f26cd.mspx?mfr=true
Per ulteriori informazioni sulla disinstallazione di IIS 6.0, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/WindowsServer2003/Library/IIS/910e7485-d74c-4647-87a5-f9d0f9aae51e.mspx?mfr=true
Per ulteriori informazioni sull'installazione di IIS 7.0, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc732624.aspx
Per ulteriori informazioni su come installare e utilizzare IIS 5.0, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
266115Risorse per l'installazione e l'utilizzo di IIS 5.0
Informazioni su come ricreare la directory virtuale di Reporting Services
Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159261(SQL.90).aspx

http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms155921(SQL.90).aspx

Problemi di 2.3 con i filtri ISAPI

Filtri ISAPI di terze parti possono causare problemi nelle directory virtuale Server Report. Se i filtri ISAPI di terze parti sono presenti, provare a rimuovere i filtri dal sito Web che ospita la directory virtuale di Reporting Services. In o, Ŕ possibile spostare le directory virtuali Reporting Services in un nuovo sito Web.

Problemi di autenticazione 3

3.1 Ŕ necessario immettere credenziali in Internet Explorer per accesso Reporting Services

Quando Reporting Services Ŕ configurato per utilizzare l'autenticazione integrata di Windows, Internet Explorer in genere non Ŕ configurato per richiedere le credenziali. Per determinare se Internet Explorer Ŕ configurato per richiedere sempre credenziali, attenersi alla seguente procedura:
  1. Aprire Internet Explorer.
  2. Dal menu Strumenti scegliere Opzioni Internet .
  3. Nella scheda protezione selezionare la zona applicabile all'URL utilizzato per accedere a Server Report. Ad esempio, se si utilizza un nome NetBIOS per accedere a Server Report, selezionare l'area Intranet locale .
  4. Scegliere livello personalizzato .
  5. Nell'area di Autenticazione utente della finestra di dialogo Impostazioni di protezione , fare clic su accesso automatico solo nell'area Intranet nell'area di accesso . Se l'URL Ŕ nell'area intranet, Ŕ possibile fare clic accesso automatico con nome utente corrente e la password .

3.2 Ŕ messaggio di errore HTTP 401 dopo aver immesso le credenziali in Internet Explorer

Se viene visualizzato un messaggio di errore HTTP 401 dopo avere ricevuto le ripetute richieste da Internet Explorer, verificato un errore di autenticazione. Ad esempio, se si installa Reporting Services in modalitÓ nativa, possibile richiesta di credenziali tre volte prima che venga visualizzato un messaggio di errore HTTP 401 in Internet Explorer. Quando si verifica questo problema, nel registro IIS Visualizza "HTTP 401" come la risposta IIS. Per risolvere il problema, verificare quanto segue:
  • Assicurarsi che immesso il nome utente corretto e la password.
  • Attenersi alla procedura nella sezione 3.1 di questo articolo. Assicurarsi che non si selezionare accesso anonimo nelle impostazioni di protezione per l'area.
Pi¨ di frequente messaggio di errore HTTP 401 se Ŕ stato configurato Reporting Services per utilizzare l'autenticazione Windows integrata. Per impostazione predefinita, IIS consente il metodo di autenticazione Negotiate e il metodo di autenticazione NTLM. Internet Explorer viene in genere utilizzato il metodo di autenticazione Negotiate prima di Internet Explorer viene utilizzato il metodo di autenticazione NTLM.

Se si utilizza il nome FQDN o un'intestazione host personalizzati che non corrisponde il nome computer, potrebbe verificarsi un problema di controllo di loopback. Quando si verifica questo problema, Ŕ possibile accedere in genere i siti Web di Reporting Services utilizzando l'indirizzo IP. Non Ŕ tuttavia possibile accedere i siti Web utilizzando un nome di dominio completo o un nome host.

Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
896861Errore 401.1 quando si visita un sito Web che utilizza l'autenticazione integrata ed Ŕ ospitato su IIS 5.1 o IIS 6
3.2.1 L'autenticazione Kerberos
Il protocollo di autenticazione negoziato Ŕ Kerberos, potresti ricevere un messaggio di errore HTTP 401 causa dei problemi l'autenticazione Kerberos. Di seguito sono alcuni di questi problemi:
  • Se il pool di applicazioni si basa su un account di dominio, potresti ricevere un messaggio di errore HTTP 401, se il nome principale servizio HTTP (SPN) non Ŕ configurato. Quando si verifica questo problema, viene visualizzato il seguente codice di errore Kerberos:
    KRB_ERR_APP_MODIFIED
    ╚ possibile accedere al server utilizzando il seguente URL:
    http://localhost/ <reportserver_vdir>
    Tuttavia, Ŕ Impossibile accedere al server utilizzando il seguente URL:
    http:// <NetBIOS> / <reportserver_vdir>
    Per risolvere o aggirare questi problemi, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • Configurare il SPN HTTP per l'attivazione dell'autenticazione Kerberos. Se si utilizza il nome NetBIOS e il nome FQDN in URL di accesso a Reporting Services, Ŕ necessario registrare il SPN HTTP per il nome NetBIOS e il nome di dominio completo. Non Ŕ possibile configurare il SPN di HTTP per i diversi conti sullo stesso computer. Pertanto, diversi pool di applicazioni devono eseguire con lo stesso account per utilizzare il SPN HTTP stesso. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
      871179Viene visualizzato un "Errore HTTP 401.1 - non autorizzata: accesso negato a causa di credenziali non valide" messaggio di errore quando si tenta di accedere a un sito Web che fa parte di un pool di applicazioni IIS 6.0
    • Modificare l'identitÓ del pool di applicazioni per NetworkServices o LocalSystem. Questi account possono utilizzare il SPN HOST predefinito invece il SPN di HTTP.
    • Forzare per accettare solo l'autenticazione NTLM. Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
      http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/WindowsServer2003/Library/IIS/7258232a-5e16-4a83-b76e-11e07c3f2615.mspx?mfr=true
  • Viene visualizzato il seguente codice di errore di Kerberos nel registro eventi:
    KRB_ERR_RESPONSE_TOO_BIG
    Per risolvere o aggirare il problema, attenersi alla seguente procedura:
    1. Attivare la registrazione di Kerberos. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
      262177Come attivare la registrazione degli eventi di Kerberos
    2. Esaminare il registro. Se viene visualizzato il codice di errore KRB_ERR_RESPONSE_TOO_BIG, vedere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base per una soluzione per questo problema:
      244474Come forzare Kerberos a utilizzare TCP anzichÚ UDP in Windows Server 2003, in Windows XP e in Windows 2000
Autenticazione di base 3.2.2
Se Reporting Services Ŕ configurato per l'utilizzo dell'autenticazione di base, un errore di autenticazione viene registrato nel registro eventi di protezione sul server che esegue IIS. Visualizza il messaggio di errore. Se il criterio di protezione locale non consente l'autenticazione, Ŕ necessario consentire tale accesso digitare all'interno di criteri di protezione locali, o modificare il tipo di accesso all'interno della configurazione di IIS.

3.3 Ŕ messaggio di errore "Accesso negato" in Internet Explorer per IUSR o per un altro utente anonimo di IIS

Se questo messaggio di errore si verifica in modo imprevisto, determinare se la protezione anonima Ŕ attivata sulle directory virtuali di Reporting Services. Se questa impostazione Ŕ attivata, disattivarla.

3.4 Kerberos delega problemi

Questi problemi sono detti in genere da problemi ? doppio hop ?. Problemi di delega Kerberos possono verificarsi quando sono vere le seguenti condizioni:
  • Protezione integrata per le origini dati Ŕ stato configurato nel report.
  • Il report accesso a un server remoto per un'origine dati. Ad esempio, il report accede Analysis Services o un server di database Microsoft SQL Server.
  • Quando si accede il report, viene visualizzato uno dei seguenti messaggi di errore:

    messaggio di errore 1
    Accesso non riuscito per l'utente (null)
    messaggio di errore 2
    Impossibile eseguire l'accesso per l'utente "NTAUTHORITY\ANONYMOUS"
  • Quando si archivia il registro eventi di protezione sul server che ospita l'origine dati, Ŕ necessario presenti eventi che indicano che un utente anonimo Ŕ stato effettuato.
Uno schema di autenticazione NTLM non pu˛ eseguire le operazioni di doppio hop. Se il provider di autenticazione Negotiate Ŕ stato rimosso dal sito Web o dalla directory virtuale di Reporting Services, Ŕ necessario aggiungere nuovamente il provider di autenticazione Negotiate.

Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft o KB articoli:Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
215383Come configurare IIS per supportare il protocollo Kerberos e il protocollo NTLM per l'autenticazione di rete
326985Risoluzione dei problemi di Kerberos in IIS
917409Come configurare SQL Server 2005 Analysis Services per l'utilizzo dell'autenticazione Kerberos
319723Come utilizzare l'autenticazione Kerberos in SQL Server
909801Come assicurarsi che venga utilizzata l'autenticazione Kerberos quando si crea una connessione remota a un'istanza di SQL Server 2005
Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=99B0F94F-E28A-4726-BFFE-2F64AE2F59A2&displaylang=en

http://technet.microsoft.com/en-us/library/cc281382(SQL.100).aspx
Se si desidera evitare l'autenticazione Kerberos, Ŕ possibile utilizzare uno dei seguenti metodi:
  • Configurare le credenziali archiviate per l'origine dati.
  • Consente di configurare Reporting Services per l'utilizzo dell'autenticazione di base. Il metodo di accesso predefinito Ŕ il metodo di NetworkClearText . In questo modo Ŕ possibile effettuare un hop aggiuntivo dal server di report.

4 Problemi di configurazione di ASP.NET

Errori generali 4.1

Problemi di configurazione ASP.NET dispongono di vari sintomi. Ad esempio, una delle seguenti operazioni pu˛ verificarsi:
  • Potresti ricevere un messaggio di errore HTTP 404.
  • ╚ possibile che venga visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
    Impossibile caricare la risorsa Microsoft.ReportingServices.UI.GlobalApp
  • Puoi ricevere altri messaggi di errore di eccezione da ASP.NET.
Problemi di configurazione ASP.NET potrebbero essere causati da disinstallazione o reinstallazione di una versione di Microsoft .NET Framework. Per risolvere questi problemi, effettuare le seguenti operazioni:
  • In Gestione IIS, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo siti Web e scegliere ProprietÓ . Nella finestra ProprietÓ-siti Web, fare clic sulla scheda ASP.NET e quindi verificare che la versione di ASP.NET sia 2.0.50727.
  • In Gestione IIS, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nodo siti Web e scegliere ProprietÓ . Nella finestra ProprietÓ-siti Web, fare clic sulla scheda ISAPIFilters e individuare quindi il filtro ASP.NET_2.0.50727.0 . Verificare che la casella eseguibile contenga un percorso valido per il file DLL del filtro di ASP.NET.

    Nota In IIS 5.1, il filtro non esiste.

    Nota In IIS 7.0, Ŕ possibile visualizzare il filtro facendo clic sull'icona Filtri ISAPI nella pagina delle proprietÓ del sito.
  • In Gestione IIS, individuare e fare clic con il pulsante destro del quindi mouse la directory virtuale per Server Report e quindi scegliere ProprietÓ . Nella finestra di dialogo, fare clic sulla scheda Directory virtuale e quindi fare clic su configurazione . Verificare che il riquadro Estensioni applicazioni sia vuoto. Verificare che il riquadro Mapping applicazioni jolly disponga di un mapping jolly singolo. Selezionare il mapping di caratteri jolly e quindi fare clic su Modifica . Verificare che la casella Esegui contenga il percorso corretto per il file aspnet_isapi.dll. Verificare che la casella di controllo Verifica esistenza del file sia deselezionata.
  • In Gestione IIS, individuare e fare clic con il pulsante destro del mouse quindi sulla directory virtuale per Gestione report e quindi scegliere ProprietÓ . Nella finestra di dialogo, fare clic sulla scheda Directory virtuale e quindi fare clic su configurazione . Verificare che il riquadro Estensioni applicazioni contenga i mapping predefiniti. Si tratta di un elenco di mapping per pi¨ comuni tipi di file ASP.NET, ad esempio con estensione aspx e asax. Per rigenerare il mapping predefinito, Ŕ necessario utilizzare il comando seguente per creare il mapping di script corretto:
    ? s di aspnet_regiis.exe <report manager path>
    Nota In IIS 7.0, i mapping sono sotto l'icona di Mapping gestori .
  • Nella finestra delle estensioni del server Web IIS, verificare che ASP.NET 2.0.50727 sia attivato.
Se la convalida ha esito negativo, Ŕ possibile registrare ASP.NET pu˛ risolvere il problema. Per effettuare questa operazione, utilizzare uno dei metodi descritti di seguito:
  • Se si esegue una versione a 32 bit di Reporting Services in un sistema operativo di 32 bit o su un sistema operativo a 64-bit, eseguire il comando seguente al prompt dei comandi:
    %SystemRoot%\Microsoft.NET\Framework\v2.0.50727\aspnet_regiis.exe -i ?enable
  • Se si esegue una versione a 64 bit di Reporting Services in un sistema operativo a 64-bit, eseguire il comando seguente al prompt dei comandi:
    %SystemRoot%\Microsoft.NET\Framework64\v2.0.50727\aspnet_regiis.exe -i ?enable
Non Ŕ possibile eseguire ASP.NET 1. x e ASP.NET 2.0 nello stesso processo di lavoro IIS. Se si Ŕ utilizza IIS 6.0 o 7.0 di IIS, assicurarsi che il pool di applicazioni che ospita l'applicazione server report non host ASP.NET 1. applicazioni x . Se si utilizza IIS 5.0 o se si utilizza IIS 6.0 in modalitÓ di isolamento di IIS 5.0, assicurarsi che non vengono eseguire le applicazioni che richiedono ASP.NET 1. x .

<path>4.2 Ŕ visualizzato un messaggio di errore "l'identitÓ corrente (NT AUTHORITY\NETWORK SERVICE) non dispone di accesso in scrittura ASP.NET \v2.0.50727\Temporary <percorso> 'file'"

L'errore Ŕ causato da una configurazione di ASP.NET non valida. Per risolvere il problema, concedere scrittura ed esecuzione di autorizzazioni alla cartella Temporary ASP.NET Files che il messaggio di errore indica.

5 Problemi SSL

5.1 Problemi con certificati client

Se la directory virtuale Ŕ stato configurato i certificati client, Gestione report non possono essere autenticati al server di report. Questo problema si verifica perchÚ Gestione report non Ŕ possibile passare i certificati client quando Gestione report comunica con server di report attraverso richieste HTTP. Di conseguenza, se si configura IIS per abilitare l'opzione Richiedi certificati client , non Ŕ possibile utilizzare Gestione report. Per risolvere questo problema, Ŕ possibile deselezionare la casella di controllo Richiedi certificati client per la directory virtuale Server Report.

5.2 Ŕ visualizzato un messaggio di errore ? connessione forzatamente ? o errori che indicano un errore di connessione SSL

In Internet Explorer, viene visualizzato uno dei seguenti messaggi di errore:

messaggio di errore 1
Connessione forzatamente
messaggio di errore 2
La connessione sottostante chiusa
messaggio di errore 3
Impossibile stabilire la relazione di trust per il canale sicuro SSL/TLS
messaggio di errore 4
Codice di stato HTTP--> 500
Se si ricevono i messaggi di errore, potrebbe essersi verificato un errore di connessione SSL. Errori di connessione SSL sono solitamente causati dal certificato di cui Ŕ installato IIS. Per risolvere il problema, effettuare le seguenti operazioni:
  • Assicurarsi che il certificato viene rilasciato al nome host o all'intestazione host nell'URL che consente di accedere a Gestione report o di Server Report.
  • Assicurarsi che il certificato viene rilasciato al nome host o all'intestazione host nell'URL utilizzato Gestione report per accedere a Server Report.

    Nota Questo URL pu˛ essere definito dall'elemento ReportServerUrl nel file RsWebApplication.config. Se questo URL non Ŕ definito, il nome di host di questo URL Ŕ il nome di host utilizzato dal client per accedere a report gestione. PoichÚ il nome host pu˛ variare se si utilizzano URL diversi per accedere a Gestione report, si consiglia di definire in modo esplicito l'elemento ReportServerUrl utilizzando il nome host corretto. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web MSDN:
    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms155878(SQL.90).aspx
  • Assicurarsi che la catena di attendibilitÓ certificati sia valida. Assicurarsi, che il certificato o dell'emittente del certificato sia attendibile.

5.3 Problemi nella comunicazione HTTP tra server di report e Gestione report

Potrebbe verificarsi un problema nella comunicazione HTTP tra Gestione report e server di report. Quando la configurazione SSL non Ŕ valido, Gestione report pu˛ rispondere correttamente a Internet Explorer. Tuttavia, Gestione report non pu˛ comunicare con Server Report. Se si verifica questo problema, Gestione report visualizza correttamente le immagini nella pagina home Gestione report. Tuttavia, Gestione report visualizza un errore nella casella in cui si prevede di vedere le cartelle e gli elementi dei report.

Per diagnosticare i problemi, utilizzare l'analisi di .NET Framework. To enable the .NET Framework tracing, add the following code to the Web.config file that is in the Report Manager folder:
<system.diagnostics>
         <trace autoflush="true" />
             <sources>
                 <source name="System.Net" maxdatasize="1024">
                      <listeners>
                          <add name="MyTraceFile"/>
                      </listeners>
                 </source>
                <source name="System.Net.Sockets" maxdatasize="1024">
                     <listeners>
                         <add name="MyTraceFile"/>
                     </listeners>
                 </source>  
            </sources>
             <sharedListeners>
                 <add
                   name="MyTraceFile"
                   type="System.Diagnostics.TextWriterTraceListener"
                   initializeData="d:\tmp\System.Net.trace.log"
                 />
             </sharedListeners>
  <switches>
                 <add name="System.Net" value="Verbose" />
                <add name="System.Net.Sockets" value="Verbose" /> 
  </switches>
 </system.diagnostics>
si supponga, ad esempio, che l'intestazione host server sia ? esempio1 ?. Tuttavia, il certificato viene inviato per ? esempio2 ?. Quando si accede alla home page Gestione report utilizzando l'URL http://example1/reports , viene visualizzato un messaggio di avviso indica che il certificato non Ŕ valido. Di conseguenza, la configurazione del certificato non Ŕ valida.

Nota In base alla versione di Internet Explorer che si sta utilizzando, il messaggio di avviso pu˛ essere un messaggio popup o un messaggio che verrÓ visualizzata in Internet Explorer. Oppure, se si Ŕ scelto di ignorare gli avvisi prima, non pu˛ essere visualizzato un messaggio di avviso in Internet Explorer.

In Gestione report, riceverai il messaggio di errore seguente:
La connessione sottostante chiusa: Impossibile stabilire la relazione di trust per il canale sicuro SSL/TLS.
Aggiungere quindi questo codice XML nel file Web.config nella directory di gestione report.

Nota Potrebbe essere necessario eseguire l'unione se il file Web.config contiene giÓ il <system.diagnostics> elemento o il <switches> elemento.

Quando viene visualizzato il messaggio di errore stesso, consente di visualizzare il file di registro specificato nel codice XML. In questo esempio, il file di registro Ŕ nel seguente percorso:
D:\tmp\System.Net.Trace.log
Nella parte inferiore del registro, Ŕ possibile visualizzare il following:
System.Net Information: 0 : [3316] SecureChannel#63605042 - Remote certificate has errors:
System.Net Information: 0 : [3316] SecureChannel#63605042 - 	Certificate name mismatch.
System.Net Information: 0 : [3316] SecureChannel#63605042 - 	A certificate chain processed, but terminated in a root certificate which is not trusted by the trust provider.

System.Net Information: 0 : [3316] SecureChannel#63605042 - Remote certificate was verified as invalid by the user.
System.Net.Sockets Verbose: 0 : [3316] Socket#23836999::Dispose()
System.Net Error: 0 : [3316] Exception in the HttpWebRequest#44235609:: - The underlying connection was closed: Could not establish trust relationship for the SSL/TLS secure channel.
System.Net Error: 0 : [3316] Exception in the HttpWebRequest#44235609::EndGetResponse - The underlying connection was closed: Could not establish trust relationship for the SSL/TLS secure channel.
si noti che il messaggio di errore indica il tipo di problema di certificato che si Ŕ verificato.

ScalabilitÓ 6 e il carico bilanciato problemi

6.1 Errore HTTP 401 a intermittenza

Il doppio hop problemi bilanciamento del carico introduce potrebbe causare errori HTTP 401 intermittenti. Con bilanciamento del carico, una richiesta HTTP che viene inviata al computer stesso pu˛ essere instradata al server virtuale e quindi a un altro nodo. Questo problema si verifica a intermittenza. Se la richiesta viene instradata allo stesso nodo, la richiesta ha esito positivo.

Per aggirare il problema, utilizzare uno dei seguenti metodi:
  • Modificare il file Hosts su ciascun nodo affinchÚ le richieste al nodo virtuale passare invece l'host locale. Ad esempio, Ŕ possibile reindirizzare le richieste sono destinati a nodo virtuale a un indirizzo IP 127.0.0.1. Questa operazione impedisce a doppio hop limitando le richieste da Gestione rapporti al server di report sullo stesso computer.
  • Se un'installazione di Reporting Services nativa, Ŕ necessario configurare il tag <reportserverurl> utilizzare di "localhost" anzichÚ il server virtuale.

7 Problemi di Windows Vista e Windows Server 2008

Se si installa Reporting Services in Windows Vista o in Windows Server 2008, esaminare attentamente i seguenti articoli della Knowledge Base e sito Web MSDN:
934164Come installare SQL Server 2005 Reporting Services in un computer basato su Windows Vista
938245Come installare e configurare SQL Server 2005 Reporting Services in un computer che esegue Windows Server 2008
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/bb677367.aspx

Viene visualizzato un messaggio di errore ? IIS Ŕ non Ŕ installato o non configurato per l'installazione del componente server ? durante l'installazione

Quando si tenta di installare Reporting Services in Windows Vista o su Windows Server 2008, viene visualizzato il seguente messaggio di errore, anche se IIS Ŕ giÓ installato:
IIS non Ŕ installato o non configurato per l'installazione del componente server
Questo problema si verifica perchÚ la funzionalitÓ di compatibilitÓ di gestione di IIS 6.0 non Ŕ installata. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
949455Installazione di reporting di System Center Operations Manager 2007 ha esito negativo in un computer Windows Server 2008 se la compatibilitÓ di gestione di IIS 6.0 non Ŕ installato

Reindirizzamento della home page di 8

Quando si utilizza IIS, Ŕ possibile utilizzare Gestione report come pagina iniziale predefinita per il server Web. Ad esempio, si desideri reindirizzare le richieste dal http://<server> URL per il http://<server> / report URL. Per informazioni su come configurare il reindirizzamento alla home page Gestione report, vedere la sezione "Reindirizzamento della gestione report Virtual Directory" del sito Web MSDN riportato di seguito:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159261(SQL.90).aspx
Nota Non Ŕ possibile configurare Gestione rapporti direttamente al livello principale sito Web. In alternativa, Ŕ necessario configurare il reindirizzamento per impostare Gestione report come pagina iniziale predefinita per il server Web.

Problemi relativi all'esportazione in 9

9.1 Un timeout di esportazione

Quando si esporta un report da Internet Explorer, nella finestra di dialogo download resta aperta fino a quando non viene segnalato un timeout. Questo problema pu˛ verificarsi quando si lavora con alcuni account ma non altri account. Questo problema pu˛ verificarsi quando si utilizza l'opzione Esegui come per avviare Internet Explorer in modo che si possano eseguire Internet Explorer da un account diverso dall'account di accesso.

Questo problema potrebbe essere causato da una configurazione non corretta di Internet Explorer, soprattutto se il report piccolo in modo che il timeout non si verifica a causa di molti trasferimenti di dati. Per risolvere il problema, attenersi alla procedura descritta di seguito:
  1. In Internet Explorer scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti .
  2. Nella finestra di dialogo Opzioni Internet , fare clic sulla scheda Avanzate e quindi individuare Impostazioni di HTTP 1.1 .
  3. Fare clic per deselezionare la casella di controllo Usa HTTP 1.1 e la casella di controllo Usa HTTP 1.1 con connessioni tramite proxy .
  4. Fare clic per selezionare la casella di controllo Usa HTTP 1.1 e la casella di controllo Usa HTTP 1.1 con connessioni tramite proxy .
  5. Riavviare Internet Explorer.

problemi di 64-bit 10

10.1 Viene visualizzato un messaggio di errore "Tentativo di caricare un assembly a 64 bit su una piattaforma a 32 bit"

Quando si tenta di eseguire processi di lavoro a 32 bit e processi di lavoro a 64 bit affiancati in IIS 6.0, viene visualizzato il seguente messaggio di errore:
Tentativo di caricare un assembly a 64 bit su una piattaforma a 32 bit
Per ulteriori informazioni visitare il seguente sito Web (informazioni in lingua inglese):
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/WindowsServer2003/Library/IIS/13f991a5-45eb-496c-8618-2179c3753bb0.mspx?mfr=true

10.2 Problemi si verificano quando IIS e Reporting Services sono in modalitÓ a 64 bit, ma Ŕ in esecuzione IIS Ŕ in modalitÓ a 32 bit

Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
894435Come passare tra le versioni a 32 bit di ASP.NET 1.1 e quella a 64 bit di ASP.NET 2.0 in una versione a 64 bit di Windows
934162Come installare una versione a 32 bit di SQL Server 2005 Reporting Services in un computer in cui Ŕ in esecuzione una versione a 64 bit di Windows

11 IIS e problemi di configurazione directory virtuale

11.1 La configurazione non valida per le directory virtuale Server Report o per le directory virtuale Gestione report

Viene visualizzato un messaggio di errore analogo a uno dei seguenti:

messaggio di errore 1
HTTP 503-Servizio non disponibile
messaggio di errore 2
HTTP 403.14 - operazione non consentita (voce di directory negato)
messaggio di errore 2
Elenco di directory negato
messaggio di errore 2
Servizio non disponibile
Questi messaggi di errore indicano che la configurazione delle directory virtuale Server Report o delle directory virtuale Gestione report non Ŕ valido. Per risolvere il problema, ricreare le directory di virtuale di Server Report e le directory virtuale Gestione report. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Utilizzare Gestione IIS per rimuovere le directory virtuali esistenti in IIS.
  2. ╚ possibile utilizzare lo strumento Gestione configurazione Reporting Services o il provider di WMI di Reporting Services per creare nuove directory virtuali.
Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://technet.microsoft.com/en-us/library/ms188133(SQL.90).aspx

http://technet.microsoft.com/en-us/library/ms181174(SQL.90).aspx

http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159261(SQL.90).aspx

http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms155921(SQL.90).aspx

12 Reporting Services distribuzione e side-by-side di Windows SharePoint Services

Per ulteriori informazioni sulla distribuzione di Reporting Services e Windows SharePoint Services side-by-side, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms159697.aspx

Problemi di Generatore report 13

13.1 Errore HTTP 401 quando si avvia il Generatore Report

Se il server report si utilizza l'autenticazione di base, Ŕ necessario configurare l'autenticazione anonima per Generatore Report. Generatore report Ŕ un'applicazione ClickOnce. Le applicazioni ClickOnce non possono gestire l'autenticazione di base. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms365173(SQL.90).aspx

Problemi di analisi file Web.config 14

14.1 Viene visualizzato un messaggio di errore di System.NullReferenceException dal metodo Microsoft.ReportingServices.Diagnostics.WebConfigUtil.GetWebConfigAuthenticationAttr

Questo problema pu˛ verificarsi quando Reporting Services Impossibile analizzare il file Web.config. Per risolvere il problema, effettuare le seguenti operazioni:
  • Consente di verificare che il file Web.config nella seguente cartella non sia uno spazio dei nomi:
    %Programmi%\Microsoft SQL Server\ < Nome Istanza > \Reporting Services\ReportServer
    Se il file Web.config dispone di uno spazio dei nomi, Ŕ possibile rimuovere lo spazio dei nomi.

    Nota L'editor utilizzato per modificare il file Ŕ possibile aggiungere uno spazio dei nomi. Per determinare se si Ŕ verificato questo, individuare l'attributo xmlns nella prima riga del file.
  • Verificare che il nodo <authentication> contenga ilattributo Mode . Se l'attributo non Ŕ presente, aggiungere l'attributo mode al nodo <authentication>. Specificare un valore di attributo appropriato.

    Ad esempio, se si utilizza l'autenticazione integrata di Windows, la modalitÓ di autenticazione Ŕ impostata probabilmente su ? Windows ?. Per ulteriori informazioni sulle modalitÓ di autenticazione ASP.NET, vedere i seguenti siti Web MSDN:
    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/aa291347.aspx

    http://msdn.microsoft.com/en-us/library/532aee0e.aspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 958998 - Ultima modifica: mercoledý 4 febbraio 2009 - Revisione: 1.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 2005 Reporting Services
Chiavi:á
kbmt kbsql2005rs kbexpertiseadvanced kbsurveynew kbinfo KB958998 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 958998
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com