SCVMM e P2V di SCVMM R2 ha esito negativo con errore 2910 (0x80070005) accesso negato

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 969965 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sintomi

Quando si utilizza Microsoft System Center Virtual Machine Manager 2008 per eseguire una conversione da fisico a virtuale (P2V), viene visualizzato il seguente messaggio di errore durante la fase di analisi di sistema:
Errore (2910)
VMM non dispone delle autorizzazioni appropriate per accedere alla risorsa sul server %.
Accesso negato (0x80070005))

Azione consigliata
Assicurarsi che Virtual Machine Manager disponga dei diritti appropriati per eseguire questa operazione.
Nota Il computer di origine è il computer che si prevede di virtualizzare nella conversione P2V.

Cause

In genere questo problema si verifica perché è vera una delle seguenti condizioni:
  • Le credenziali che sono state immesse nella procedura guidata P2V non appartengono a un membro del gruppo Administrators locale nel computer di origine.
  • Il computer di origine non consente chiamate remote di WMI nello spazio dei nomi CIMV2 per l'account utilizzato per la procedura guidata P2V.

Risoluzione

Per risolvere il problema, attenersi alla seguente procedura:
  1. Assicurarsi che l'account utilizzato per la procedura guidata P2V è un membro del gruppo Administrators locale nel computer di origine.

    Nota Questo è particolarmente importante se il server SCVMM e computer di origine si trovano in domini diversi.
  2. Verificare la connettività WMI nello spazio dei nomi CIMV2 sul computer di origine. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura sul server di SCVMM.

    Nota Durante la fase di analisi del sistema della conversione P2V SCVMM effettua chiamate WMI nello spazio dei nomi CIMV2 sul computer di origine, le informazioni di base del sistema. Se queste chiamate WMI ha esito negativo, la conversione P2V anche non funziona correttamente.
    1. Aprire la finestra di WBEMtest. A tale scopo, fare clic su Avviare, scegliere Eseguire, tipo WBEMtest nel Apri casella e quindi scegliere OK.
    2. Fare clic su Connettersi nell'angolo in alto a destra.
    3. Connettersi allo spazio dei nomi CIMV2 sul computer di origine. Ad esempio, digitare \\Source\ROOT\CIMV2.

      Nota Assicurarsi di utilizzare il nome del computer di origine.
    4. Fare clic su Connettersi Per completare la connessione.
    5. Verificare la connessione tramite l'accesso a un oggetto di esempio. A tale scopo, fare clic su Apri classe, quindi digitare Win32_PhysicalMemory.

      Nota Si dovrebbero vedere oggetti inserire dati nella finestra Editor dell'oggetto. Il contenuto effettivo che viene restituito non è importante. Scopo di questo passaggio è solo per verificare che sia stata stabilita una connessione remota per lo spazio dei nomi CIMV2.
  3. Aprire wmimgmt. msc per verificare la connettività al computer locale e controllare le autorizzazioni Abilita remoto. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Aprire la finestra di controllo WMI (locale). A tale scopo, fare clic su Avviare, scegliere Eseguire, tipo wmimgmt. msc, quindi fare clic su OK.
    2. Pulsante destro del mouse il Controllo WMI (locale) nodo e quindi fare clic su Proprietà.
    3. Scegliere il Protezione scheda selezionare Directory principale, quindi scegliere il Protezione pulsante nell'angolo in basso a destra.
    4. Fare clic per selezionare il Autorizzazione Abilita remoto per tutti gli utenti o per l'account utente specifico che si desidera concedere questa autorizzazione per casella di controllo.

      Nota Questa azione non richiede il riavvio del computer.
  4. Aprire dcomcnfg per verificare che il servizio DCOM è in esecuzione e controllare le autorizzazioni di attivazione remota. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Aprire lo snap-in Servizi componenti. A tale scopo, fare clic su Avviare, scegliere Eseguire, tipo DCOMCNFG, quindi fare clic su OK.
    2. EspandereServizi componenti, espandere Computer, quindi espandere Risorse del Computer.

      Nota Se il Risorse del Computer nodo con un segno di freccia rosso, ciò significa che il servizio DCOM non è in esecuzione e deve essere avviato.
    3. Pulsante destro del mouseRisorse del Computer, fare clic su Proprietà, quindi scegliere il Protezione COM scheda.
    4. Nella casella di gruppoAutorizzazioni di esecuzione e attivazione, fare clic su Modifica limiti.
    5. Per ilTutti gli utenti gruppo di utenti, fare clic per selezionare il Consentire casella di controllo per il Attivazione remota riga. In alternativa, aggiungere l'account utente specifico a cui si desidera concedere questa autorizzazione.
    Nota Se l'autorizzazione appropriata di WMI non è concesso all'utente, è possibile che venga visualizzato un messaggio di errore "Accesso negato". Il messaggio di errore può includere codice di errore 0x80041003.
  5. Verificare se la chiave del Registro di sistema di Ole è manca o ha un valore non corretto nel computer di origine. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Avviare l'Editor del Registro di sistema.
    2. Individuare la seguente sottochiave:
      HKEY_LOCAL_MACHINE \SOFTWARE\Microsoft\Ole
    3. Cercare un EnableDCOM voce ha un tipo di REG_SZ e un valore di Y.

Proprietà

Identificativo articolo: 969965 - Ultima modifica: venerdì 17 febbraio 2012 - Revisione: 2.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft System Center Virtual Machine Manager 2007
  • Microsoft System Center Virtual Machine Manager 2008
  • Microsoft System Center Virtual Machine Manager 2008 R2 Workgroup Edition
Chiavi: 
kbrapidpub kbnomt kbmt KB969965 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 969965
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com