Risoluzione dei problemi di disponibilità nell'ambiente Exchange ibrido

A cosa serve questa guida?

In questa guida viene descritto come risolvere i problemi di disponibilità che potrebbero verificarsi in una distribuzione ibrida di un server locale Microsoft Exchange e Microsoft Exchange Online in Office 365.

A chi è destinata?

Agli amministratori tenant. Per l'esecuzione di molti di passaggi è richiesto l'accesso con privilegi elevati.

Come funziona?

Si comincia con la richiesta di informazioni sul problema che si è verificato. Si procede, quindi, con l'esecuzione della procedura di risoluzione dei problemi specifica per la situazione sottoposta.

Tempo stimato per il completamento:

30-60 minuti.

Strumento di risoluzione dei problemi sulla disponibilità per ambienti ibridi

Selezionare l'opzione che descrive meglio il problema riscontrato:

Nota: per rivedere le informazioni su come funziona la disponibilità in un ambiente ibrido, fare clic sull'opzione "Comprendere meglio il corretto funzionamento della disponibilità in ambiente ibrido".

Strumento di risoluzione dei problemi sulla disponibilità per ambienti ibridi

Selezionare l'opzione che descrive meglio il problema riscontrato:

Nota: per rivedere le informazioni su come funziona la disponibilità in un ambiente ibrido, fare clic sull'opzione "Comprendere meglio il corretto funzionamento della disponibilità in ambiente ibrido".

Versione server locale Exchange nel proprio ambiente

Per comprendere meglio il corretto funzionamento della disponibilità ibrida, rivedere i seguenti diagrammi di flusso. Selezionare la versione del server Exchange locale che soddisfa i requisiti del proprio ambiente:

Flusso di lavoro disponibilità Exchange 2010/2013

Il seguente diagramma indica il flusso di lavoro sulla disponibilità di Exchange 2010/2013:

P3_ExchangeWorkFlow
 


Il problema è stato risolto?

Flusso di lavoro disponibilità Exchange 2007

Il seguente diagramma indica il flusso di lavoro sulla disponibilità di Exchange 2007:

P4_ExchangeWorkFlow
 


Il problema è stato risolto?

Flusso di lavoro disponibilità Exchange 2003

Il seguente diagramma indica il flusso di lavoro sulla disponibilità di Exchange 2003:

P5_ExchangeWorkFlow
 


Il problema è stato risolto?

Le informazioni sulla disponibilità funzionano in locale?

Accedere alla cassetta postale di un utente locale e provare a visualizzare le informazioni sulla disponibilità per un altro utente locale. Il test serve a verificare l'assenza di problemi relativi al recupero delle informazioni sulla disponibilità all'interno dell'ambiente locale.


Era possibile visualizzare le informazioni sulla disponibilità?

In caso di problemi sulla disponibilità locale

Lo strumento di risoluzione dei problemi viene utilizzato per diagnosticare problemi relativi alla disponibilità in ambiente ibrido. Questo non sembra essere un problema immediato. Dopo aver indirizzato i problemi relativi alla disponibilità locale, riavviare lo strumento di risoluzione dei problemi.

Per informazioni su come risolvere alcuni dei problemi di disponibilità locale più comuni, vedere Risoluzione dei problemi relativi alle informazioni di disponibilità per Outlook 2007.

Un utente cloud non visualizza le informazioni sulla disponibilità per un utente locale

Per determinare il tipo di messaggio di errore ricevuto da OWA, attenersi alla seguente procedura:

  1. Utilizzare l'account dell'utente cloud interessato per accedere al portale all'indirizzo http://portal.MicrosoftOnline.com
  2. Fare clic su Outlook nella parte superiore della pagina. Viene aperta la Outlook Web App.
  3. Creare una nuova richiesta di riunione e aggiungervi l'utente locale.
  4. Quando i marcatori hash vengono restituiti, posizionare il puntatore su di loro per visualizzare il messaggio di errore. Fare caso al numero di codice del messaggio di errore.

P8_FreeBusyStutas
 


Nel seguente elenco, selezionare il codice di errore appropriato per restringere la procedura da seguire relativa alla risoluzione del problema:

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Utilizzare i seguenti metodi per verificare che l'individuazione automatica possa essere risolta da una fonte esterna e che il Firewall sia aperto.

Metodo 1: verificare che l'individuazione automatica venga risolta nel server Exchange CAS locale

  1. Da un computer esterno, aprire il prompt dei comandi, digitare i seguenti comandi e premere INVIO dopo ogni comando:
    • NSLookup
    • autodiscover.<Your_Domain.com>
  2. In risposta al comando, il valore "Address" deve essere l'IP esterno del server Exchange CAS locale. Ad esempio: Nome: autodiscover.contoso.com Address: 38.96.29.10

Metodo 2: verificare la possibilità di inviare una richiesta POST di individuazione automatica a potenziali URL di individuazione automatica

  1. Vai a https://www.testexchangeconnectivity.com
  2. Nelle verifiche di connettività di Microsoft Office Outlook, selezionare Individuazione automatica di Outlook, quindi fare clic su Avanti.
  3. Completare l'individuazione automatica di Outlook da (indirizzo di posta elettronica, nome utente e password), quindi fare clic su Esegui test.

In caso di esito negativo dei test di connettività di Exchange per l'individuazione automatica, controllare la configurazione di accesso a Internet dell'individuazione automatica locale. Per ulteriori informazioni su tale procedura, consultare l'argomento Microsoft TechNet, Configurare il servizio di individuazione automatica per l'accesso a Internet.


Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Verificare che l'endpoint di individuazione automatica si riferisca ai server ibridi di Exchange locali.

Controllare i registri IIS sul server ibrido Exchange per verificare che la richiesta di POST di individuazione automatica sia stata ricevuta dal server:

  1. Sul server ibrido Exchange, fare clic su Start, fare poi clic su Esegui, digitare %SystemDrive%\inetpub\logs\LogFiles, quindi premere INVIO.
  2. Aprire la cartella W3SVC1, quindi aprire il file di registro IIS più recente
  3. Ricerca per "individuazione automatica"
  4. La seguente schermata mostra un esempio di richiesta di POST di individuazione automatica sul registro IIS: 

P10_error5039
 


Se non viene visualizzata nessuna voce per l'individuazione automatica nel proprio server per la distribuzione ibrida di Exchange, il firewall potrebbe riferirsi al server CAS errato.


Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Nella relazione org., è presente il nome del dominio?

Per verificare il valore del nome del dominio nella relazione organizzativa, attenersi alla seguente procedura:

  1. Connettersi a Exchange Online utilizzando Windows PowerShell. Per ulteriori informazioni su tale procedura, consultare Connessione a Exchange Online tramite Remote PowerShell.
  2. In Windows PowerShell, eseguire il seguente comando: Get-OrganizationRelationship -Identity "Exchange Online to On Premises Organization Relationship" | FL
  3. Verificare il valore DomainName . Il dominio personale (yourdomain.com) deve essere presente.
  4. Se nel dominio personale non è presente il valore DomainName, eseguire il seguente comando: Set-OrganizationRelationship -Identity "Exchange Online to On Premises Organization Relationship" –DomainName yourdomain.com

Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Il mapping del gestore IIS è assente?

Verificare se nella configurazione dell'Internet Information Services (IIS) è assente il mapping del gestore integrato svc per l'endpoint di individuazione automatica.

  1. Nel server per la distribuzione ibrida di Exchange 2010 locale, aprire Gestione Internet Information Services (IIS)
  2. Espandere Nomeserver -- > Sito -- > Sito Web predefinito, quindi fare clic su Individuazione automatica
  3. Nella sezione IIS, aprire Mapping gestori. La seguente schermata mostra un esempio del mapping gestore integrato svc in IIS:
    P12_HandlerMapping
     

Se nell'IIS non è presente il mapping gestore integrato svc, consultare l'argomento Errore Eccezione generata dalla destinazione" in una distribuzione ibrida di Office 365 e dell'ambiente locale.


Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Attenersi alla seguente procedura per verificare se EWS dispone di un gruppo URL esterni:

  1. Sul server di distribuzione ibrida di Exchange locale, aprire Exchange Management Shell ed eseguire il seguente cmdlet: Get-WebServicesVirtualDirectory | FL Name,Server,externalURL
  2. Se ExternalURL non è presente nel server di distribuzione ibrida di Exchange, eseguire il seguente cmdlet: Set-WebServicesVirtualDirectory -Identity "ServerName\EWS (Default Web Site)" -ExternalUrl https://mail.contoso.com/ews/exchange.asmx

Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Verificare che i servizi Web di Microsoft Exchange (EWS) siano risolvibili e che non vi siano problemi al firewall.

Verificare i registri IIS nei server di Exchange 2010/2013 CAS per confermare che la richiesta di servizi Web sia stata ricevuta dal server. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

  1. Sul server Exchange 2010/2013 CAS, fare clic su Start, selezionare Esegui, digitare %SystemDrive%\inetpub\logs\LogFiles e premere INVIO.
  2. Aprire la cartella W3SVC1, quindi aprire l'ultimo file di registro IIS.
  3. Nell'ultimo file di registro IIS, ricercare "exchange.asmx/wssecurity”. La seguente schermata mostra un esempio di richiesta di registro IIS:
    P15_error5016
     
  4. Se non viene visualizzata nessuna voce per "exchange.asmx/wssecurity" nel server di distribuzione ibrida Exchange 2010/2013, il firewall potrebbe puntare a un server CAS errato oppure potrebbe essere stata configurata la pre-autenticazione nel firewall. Per informazioni su come ignorare la pre-autenticazione del firewall, consultare Come configurare TMG per le distribuzioni ibride di Office 365 (Exchange).

Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Il mapping del gestore IIS è assente su EWS?

Verificare se nella configurazione dell'Internet Information Services (IIS) è assente il mapping del gestore integrato svc per l'endpoint EWS

  1. Nel server per la distribuzione ibrida di Exchange locale, aprire Gestione Internet Information Services (IIS).
  2. Espandere NomeServer -- > Sito -- > Sito Web predefinito, quindi fare clic su EWS.
  3. Nell'area IIS, aprire Mapping gestore. La seguente schermata mostra un esempio del mapping gestore integrato svc in IIS:
    P17_HandlerMapping
     
  4. Se IIS non è presente, il mapping gestore integrato svc, consultare l'articolo di supporto Errore Eccezione generata dalla destinazione" in una distribuzione ibrida di Office 365 e dell'ambiente locale.

Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

WSSecurity è abilitato come metodo di autenticazione?

Nel server di distribuzione ibrida Exchange locale, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: Get-WebServicesVirtualDirectory | fl name,server,externalURL,ExternalAuthenticationMethods

Se WSSecurity per ExternalAuthenticationMethods è assente nel server di distribuzione ibrida Exchange, eseguire il seguente comando: Set-WebServicesVirtualDirectory -Identity "ServerName\EWS (Default Web Site)" –WSSecurityAuthentication $true


Il problema è stato risolto?

L'utente cloud non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente locale

Verificare che le impostazioni della relazione org. siano correttamente configurate per abilitare la disponibilità per gli utenti.

Per impostazioni online

  1. Connettersi a Exchange Online utilizzando Windows PowerShell. Per ulteriori informazioni su tale procedura, consultare Connessione a Exchange Online tramite Remote PowerShell.
  2. In Windows PowerShell, eseguire il seguente comando: Get-OrganizationRelationship -Identity "Exchange Online to On Premises Organization Relationship" | FL

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: FYDIBOHF25SPDLT.Contoso.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://autodiscover.contoso.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {Contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel: LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni, consultare Set-OrganizationRelationship.

Per impostazioni locali

  1. In Exchange 2010/2013 CAS, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: Get-OrganizationReationship -Identity "On Premises to Exchange Online Organization Relationship”

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: outlook.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://podxxx.outlook.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {xxxx.mail.onmicrosoft.com,contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel : LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni, consultare Set-OrganizationRelationship.


Il problema è stato risolto?

L'utente locale non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Su quale versione di Exchange si trova la cassetta postale trovata dell'utente locale?

L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

È possibile riprodurre il problema utilizzando una cassetta postale di Exchange 2010 locale?

  1. Accedere a Outlook o su un client OWA come utente che dispone di una cassetta postale Exchange 2010 locale.
  2. Creare una nuova richiesta di riunione e aggiungervi un utente cloud.
  3. Quando viene visualizzato l'Assistente Pianificazione, vengono visualizzati i marcatori hash per l'utente cloud?
L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare che il routing di una cartella pubblica hardcoded non impedisca il completamento della richiesta di disponibilità legacy.

Nota: Questo non è un problema comune.

Verificare che l'attributo ms-Exch-Folder-Affinity-List nelle proprietà Exchange Server 2003 disponga di Exchange 2010 ObjectGUID con il costo minore (il formato di questa proprietà è il seguente: {guid of server},cost).

  1. Su un controller di dominio fare clic su Start, selezionare Esegui, digitare adsiedit.msc, quindi fare clic su OK.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su ADSI Edit e selezionare Connetti a.
  3. In Selezionare un contesto dei nomi noto, scegliere Configurazione, quindi fare clic su OK.
  4. Espandere Configurazione -- > Servizi -- > Microsoft Exchange -- > Prima organizzazione -- > Gruppo amministrativo di Exchange (FYDIBOHF23SPDLT)-- > Server.
  5. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Server Exchange 2010, quindi scegliere Proprietà.
  6. Copiare il valore objectGUID e incollarlo in un file di testo blocco note.
  7. Passare a Configurazione -- > Servizi -- > Microsoft Exchange -- > Prima organizzazione -- > Primo gruppo amministrativo -- > Server.
  8. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Server Exchange 2003, quindi scegliere Proprietà.
  9. Verificare che il valore ms-Exch-Folder-Affinity-List sia impostato con objectGUID di Exchange 2010. Se objectGUID di Exchange 2010 non è elencato in ms-Exch-Folder-Affinity-List, è possibile aggiungerlo utilizzando il formato: {guid of server},cost.

Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

La disponibilità esterna è disponibile e replicata correttamente?

Aggiungere la cartella pubblica OU=EXTERNAL (FYDIBOHF25SPDLT). Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

  1. Effettuare la connessione a Exchange 2010 SP1 locale o al server di cartelle pubbliche successive.
  2. Aprire Windows PowerShell.
  3. Eseguire il seguente cmdlet: Add-PsSnapin Microsoft.Exchange.Management.Powershell.Setup
  4. Eseguire il seguente cmdlet: Install-FreeBusyFolder

Nota: La cartella pubblica OU=EXTERNAL (FYDIBOHF25SPDLT) deve essere presente solo sui server Exchange 2010 e NON deve essere replicata su Exchange 2003 o Exchange 2007.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare che l'oggetto destinatario nel server locale disponga della configurazione LegacyExchangeDN corretta.

  1. Tutte le cassette postali cloud disporranno di un oggetto di abilitazione della posta corrispondente. Per questo tipo di query disponibilità viene utilizzato LegacyExchangeDN per indirizzare le richieste al server delle cartelle pubbliche corretto. Per assicurarsi che il valore sia accurato, attenersi alla seguente procedura:
  2. In Exchange 2010, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: Get-RemoteMailbox Username |fl LegacyExchangeDN dove username è il nome dell'utente cloud di cui si sta cercando di visualizzare le informazioni di disponibilità.
  3. Nei risultati, verificare che External (FYDIBOHF25SPDLT) sia nel percorso. Per esempio, i risultati devono visualizzare il percorso seguente: 
    P24_CannotSeeBusyFree
     

Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare le autorizzazioni sulla cartella pubblica.

Per utilizzare la console di gestione della cartella pubblica di Exchange 2010 per modificare le autorizzazioni client per la replica della disponibilità External (FYDIBOHF25SPDLT), attenersi alla seguente procedura:

  1. Avviare Exchange Management Console di Exchange 2010.
  2. Nella struttura della console, fare clic su Casella degli strumenti.
  3. Nel riquadro dei risultati, fare clic su Console di gestione della cartella pubblica e, nel riquadro Azioni, fare clic su Apri strumento. Verrà visualizzata la console di gestione della cartella pubblica.
  4. Nel riquadro Azioni della Console di gestione della cartella pubblica, fare clic su Connetti al server.
  5. In Connetti al server, fare clic su Sfoglia per visualizzare l'elenco dei server Cassetta postale disponibili contenenti un database di una cartella pubblica.
  6. In Seleziona server cartella pubblica, selezionare il server di Exchange 2010. Scegliere OK, quindi scegliere nuovamente OK.
  7. Nella struttura della cartella pubblica, passare a Cartella pubblica di sistema -- > SCHEDULE+ FREE/BUSY
  8. Nel riquadro dei risultati, fare clic con il pulsante destro del mouse su EX:/O=FIRST ORGANIZATION/OU=EXTERNAL (FYDIBOHF25SPDLT), quindi selezionare Proprietà.
  9. Nella scheda Autorizzazioni, confermare che sia selezionato Modifica il livello di tutte le autorizzazioni per l'utente predefinito
    P25_CannotSeeBusyFree
     

Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2003 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

La cassetta postale di arbitraggio è assente o danneggiata?

La cassetta postale di arbitraggio può essere modificata utilizzando ADSIEdit. L'account federated.email deve essere collocato nel contenitore utenti predefiniti dell'Active Directory per il dominio Exchange 2010.

Utilizzare una delle seguenti opzioni:

  1. Utilizzare adsiedit.
    1. Effettuare la connessione al contesto dei nomi predefinito in Active Directory.
    2. Sfogliare il contenitore degli utenti e visualizzare le proprietà dell'account federatedemail.
    3. Modificare gli attributi proxyaddress dell'account per disporre di UNO degli indirizzi SMTP già federati oppure aggiungere uno spazio dei nomi indirizzo proxy già esistente presente nel trust federativo.
  2. Da Exchange Server 2003 aprire "Utenti e computer di Active Directory".
    1. Passare al Contenitore utenti e fare clic con il pulsante destro del mouse sull'account FederatedEmail, quindi fare clic su Proprietà.
    2. Accedendo alla scheda degli indirizzi di posta elettronica è possibile aggiungervi un altro indirizzo proxy corrispondente agli spazi dei nomi della federazione già configurati oppure aggiungere lo spazio dei nomi SMTP primario pre-esistente al trust federativo.

Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2007 non è in grado di accedere alla disponibilità dell'utente cloud

È possibile riprodurlo con una cassetta postale Exchange 2010 o 2013 locale?

  1. Accedere a un client Outlook oppure OWA come utente che dispone di una cassetta postale Exchange 2010 o 2013 locale.
  2. Creare una nuova richiesta di riunione e aggiungervi un utente cloud.
  3. Quando viene visualizzato l'Assistente Pianificazione, vengono visualizzati i marcatori hash per l'utente cloud?
L'utente Exchange 2007 non è in grado di accedere alla disponibilità dell'utente cloud

Verificare lo spazio di indirizzamento disponibile per assicurarsi che le impostazioni siano corrette. Potrebbe essere un errore di configurazione di AvailabilityAddressSpace. Verificare che il valore ProxyURL sulla configurazione AvailabilityAddressSpace corrisponda a InternalURL della directory virtuale del servizio Web di Exchange 2010/2013 CAS. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

  1. Nel server locale, eseguire i seguenti comandi in Exchange Management Shell:
    Get-AvailabilityAddressSpace | FL ProxyUrl
    Get-WebServicesVirtualDirectory | FL Server,InternalUrl
  2. Se i valori ProxyURL e InternalURL non corrispondono, eseguire i comandi seguenti:
    Remove-AvailabilityAddressSpace -Identity ‘contoso.mail.onmicrosoft.com'
    Add-AvailabilityAddressSpace -ForestName contoso.mail.onmicrosoft.com' -AccessMethod 'InternalProxy' -UseServiceAccount
    'True' -ProxyUrl https://cas2010.contoso.com/ews/exchange.asmx
  3. Se i valori ProxyURL e InternalURL non corrispondono, assicurarsi che sia possibile accedere all'URL dal server Exchange 2007 CAS. A tal fine, passare a ProxyURL di AvailabilityAddressSpace dalla versione 2007 CAS. Eseguire l'autenticazione utilizzando le credenziali della cassetta postale Exchange 2007 di origine. Il risultato atteso è il seguente: 
    P28_CannotAccessBusyFree
     

Nota: il valore InternalURL della directory virtuale del servizio Web di Exchange 2010/2013 CAS deve essere differente da quello di Exchange 2007 CAS.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Accedere alla cassetta postale di un utente locale e provare a visualizzare le informazioni sulla disponibilità per un altro utente locale. Il test serve a verificare l'assenza di problemi relativi al recupero delle informazioni sulla disponibilità all'interno dell'ambiente locale. 


Era possibile visualizzare le informazioni sulla disponibilità?

L'utente locale non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Determinare il messaggio di errore ricevuto da OWA.

  1. Utilizzare l'account dell'utente interessato per accedere a OWA locale.
  2. Creare una nuova richiesta di riunione e aggiungervi l'utente locale.
  3. Quando i marcatori hash vengono restituiti, posizionare il puntatore su di loro per visualizzare il messaggio di errore. Annotare il codice del messaggio di errore.
    P30_OnPremisesCannotSeeBusyFree
     

Nel seguente elenco, selezionare il messaggio di errore appropriato per perfezionare la procedura da seguire relativa alla risoluzione del problema:

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Se è necessario possedere le impostazioni proxy Web nel proprio ambiente, verificare che i server Exchange 2010 e Exchange 2013 locali siano impostati correttamente.

Nei server Exchange 2010 e Exchange 2013 locali, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: "Get-ExchangeServer | fl InternetWebProxy."

In molti ambienti i risultati saranno vuoti. Tuttavia, se nel proprio ambiente locale si dispone di proxy in uscita è possibile configurare le impostazioni di proxy corrette.

Per risolvere questo problema, eseguire il comando seguente, nel quale l'indirizzo e il numero di porta http://192.168.5.56:8080 vengono sostituiti con l'indirizzo e il numero di porta del server:

Set-ExchangeServer -InternetWebProxy http://192.168.5.56:8080


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare che le impostazioni della relazione org. siano correttamente configurate per consentire la disponibilità per gli utenti.

Per impostazioni online

  1. Connettersi a Exchange Online utilizzando Windows PowerShell. Per ulteriori informazioni su tale procedura, consultare Connessione a Exchange Online tramite Remote PowerShell.
  2. In Windows PowerShell, eseguire il seguente comando: Get-OrganizationRelationship -Identity "Exchange Online to On Premises Organization Relationship" | FL

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: FYDIBOHF25SPDLT.Contoso.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://autodiscover.contoso.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {Contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel: LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni per effettuare tale operazione, consultare Set-OrganizationRelationship.

Per impostazioni locali

Da Exchange 2010/2013 CAS, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell:

Get-OrganizationReationship -Identity "On Premises to Exchange Online Organization Relationship”

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: outlook.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://podxxx.outlook.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {xxxx.mail.onmicrosoft.com,contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel : LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni per tale procedura, consultare Set-OrganizationRelationship.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Assicurarsi che l'ora impostata sul server non abbia uno scarto di errore superiore a 5 minuti. Se l'ora del server presenta una differenza maggiore di 5 minuti rispetto all'ora reale, le comunicazioni con il gateway federativo saranno invalidate. Ciò causa la mancata riuscita della disponibilità.

Per informazioni sulla correzioni dei problemi relativi all'ora del server, consultare Configurazione di un server di riferimento ora autorevole in Windows Server.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Determinare se è stato specificato l'indirizzo di destinazione corretto nel MEU locale. Ciascuna cassetta postale cloud avrà a disposizione un oggetto locale corrispondente. Tale oggetto deve disporre di un indirizzo di routing remoto corretto (detto anche indirizzo di destinazione) specificato. L'indirizzo di routing remoto deve contenere un nome di dominio simile a TenantName.Mail.OnMicrosoft.com.

Per verificare che è stato impostato l'indirizzo di routing remoto, attenersi alla seguente procedura:

  1. Nel server Exchange 2010 o Exchange 2013, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: Get-RemoteMailbox Username |fl RemoteRoutingAddress, dove username è il nome dell'utente cloud di cui si sta cercando di visualizzare le informazioni di disponibilità.
  2. Verificare che l'indirizzo contenga TenantName.Mail.OnMicrosoft.com
    P34_CannotSeeBusyFree
     

Nota: Se non viene utilizzata la configurazione guidata ibrida, il nome del dominio deve riflettere il dominio di routing remoto selezionato.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare che le impostazioni della relazione org. siano correttamente configurate per abilitare la disponibilità per gli utenti.

Per impostazioni online

Connettersi a Exchange Online utilizzando Windows PowerShell. Per ulteriori informazioni su tale procedura, consultare Connettere Windows PowerShell al servizio.

In Windows PowerShell, eseguire il seguente comando: Get-OrganizationRelationship -Identity "Exchange Online to On Premises Organization Relationship" | FL

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: FYDIBOHF25SPDLT.Contoso.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://autodiscover.contoso.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {Contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel: LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni per effettuare tale operazione, consultare Set-OrganizationRelationship.

Per impostazioni locali

Da Exchange 2010/2013 CAS, eseguire il seguente comando in Exchange Management Shell: Get-OrganizationReationship -Identity "On Premises to Exchange Online Organization Relationship”

L'output dovrebbe essere analogo al seguente:

  • TargetApplicatioURI: outlook.com
  • TargetAutodiscoverURI: https://podxxx.outlook.com/autodiscover/autodiscover.svc/wssecurity
  • DomainNames: {xxxx.mail.onmicrosoft.com,contoso.com}
  • FreeBusyAccessEnabled : True
  • FreeBusyAccessLevel : LimitedDetails

Se è necessario modificare un valore, utilizzare il cmdlet "set-OrganizationRelationship" per correggere la proprietà. Per ulteriori informazioni sulla sintassi e sulle opzioni per effettuare tale operazione, consultare Set-OrganizationRelationship.


Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Verificare che è possibile creare un token con trust federativo testato.

Da ambienti locali, verificare la possibilità di recuperare un token di delega che verrà utilizzato per l'autorizzazione disponibilità. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

  1. Aprire Exchange Management Shell dal server Exchange 2010 o 2013 locale.
  2. Eseguire il comando qui riportato: Test-FederationTrust –UserIdentity User@company.com –verbose, dove User è l'utente locale che non riesce a visualizzare le informazioni di disponibilità dell'utente cloud.
  3. L'output deve mostrare la corretta riuscita di ogni verifica. In caso di errore, utilizzare nuovamente la configurazione guidata ibrida per tentare di reimpostare il trust federativo.
    P36_CannotSeeBusyFree
     

Il problema è stato risolto?

L'utente Exchange 2010/2013 non è in grado di visualizzare la disponibilità dell'utente cloud

Se l'ora del server presenta una differenza maggiore di 5 minuti rispetto all'ora reale, le comunicazioni con il gateway federativo saranno invalidate. Ciò causa la mancata riuscita delle informazioni sulla disponibilità.

Per informazioni sulla correzioni dei problemi relativi all'ora del server, consultare Configurazione di un server di riferimento ora autorevole in Windows Server.


Il problema è stato risolto?

Disponibilità locale non funzionante per 2010/2013

Questa procedura viene utilizzata per risolvere problemi di disponibilità ibrida. I problemi locali si verificano in base alle proprie risposte. Per informazioni su come risolvere i problemi di disponibilità locale più comuni, vedere Risoluzione dei problemi relativi alle informazioni di disponibilità per Outlook 2007.

Risoluzione dei problemi generali relativi alla cartella pubblica

La procedura sulla disponibilità non può essere utilizzata per risolvere problemi relativi alla cartella pubblica. Per informazioni sulla procedura di risoluzione di problemi relativi alla cartella pubblica, consultare Risoluzione dei problemi relativi alla replica della cartella pubblica nel server Exchange 2000 e Exchange Server 2003.

Complimenti, il problema è stato risolto!

Grazie per aver utilizzato la guida sulla disponibilità.

Il problema persiste?

Utilizzando questa procedura guidata non è possibile risolvere il problema.

Proprietà

ID articolo: 10092 - Ultima revisione: 06 ott 2016 - Revisione: 4

Feedback