Informazioni file LMHOSTS e parole chiave predefinite

Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 102725
Questo articolo è stato archiviato. L’articolo, quindi, viene offerto “così come è” e non verrà più aggiornato.
Il file LMHOSTS è un file di testo locale che associa gli indirizzi IP ai nomi NetBIOS di server remoti con cui si desidera comunicare sul protocollo TCP/IP. Windows riconosce nomi anziché gli indirizzi IP per le richieste di rete e un processo di individuazione del nome viene utilizzato per instradare correttamente le richieste di rete con il protocollo TCP/IP. Poiché il processo di individuazione del nome non viene in genere instradato da un router IP, il file LMHOSTS consente a computer Windows di comunicare attraverso TCP/IP di una subnet.

Questo articolo è suddiviso nelle seguenti sezioni:
  • Informazioni complete
  • Cache di voci LMHOSTS
  • Parole chiave predefinite
  • Ulteriori informazioni sull'inclusione di blocco

Informazioni complete

  • LMHOSTS contiene l'indirizzo IP per la conversione dei nomi "NetBIOS su TCP/IP".
  • LMHOSTS viene utilizzato solo dall'interfaccia NBT (NetBIOS su TCP/IP).
  • File LMHOSTS contiene alcune aggiunte importanti di LAN Manager e Windows per file di LMHOSTS Workgroup, ad esempio la capacità di supportare convalida di accesso di dominio con routing.
  • LMHOSTS contiene informazioni statiche sugli indirizzi TCP/IP, ma utilizza gli script di accesso e/o il servizio di replica, il file "master" può essere distribuito in modo trasparente tra tutte le stazioni.
  • Per impostazione predefinita, il file LMHOSTS dovrebbe trovarsi nella directory %SYSTEMROOT%\SYSTEM32\DRIVERS\ETC (in genere C:\WINNT\SYSTEM32\DRIVERS\ETC).

Cache di voci LMHOSTS

In base all'impostazione predefinita, voci specificate con la parola chiave # pre vengono memorizzate nella cache al momento dell'inizializzazione fino a un massimo di 100 voci. Voci più inizialmente memorizzate nella cache possono essere ottenute modifica il valore del Registro di sistema riportato di seguito:
\HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services \NetBT\Parameters\MaxPreload
La sequenza utilizzata per determinare NetBIOS per la risoluzione dell'indirizzo IP è il seguente: viene verificata la cache, viene eseguito un broadcast alla subnet e quindi vengono controllate eventuali voci aggiuntive da LMHOSTS. Se non viene stabilita una connessione entro 15 secondi, volte a estrazione TDI e viene visualizzato un messaggio di errore.

Parole chiave predefinite

Tutte le parole chiave predefinite valide per i computer Windows e Windows Advanced Server non sono valide per i file LMHOSTS su Microsoft LAN Manager o Microsoft Windows per Workgroup computer. Impossibile convalidare tali computer dai controller di dominio con routing che gli stessi computer Windows NT modo possibile. Per in grado di convalidare tali, utilizzare il LAN TCP/IP delle estensioni del servizio di gestione disponibili in tutti i server OS/2 LAN Manager (versione 2.1a o versioni successive).
# < riga nota >
Utilizzato per l'indirizzo di indicatore IP ai nomi NetBIOS.
# PRE
Definisce quali movimenti devono essere precaricati inizialmente nella cache dei nomi.
# DOM: <nome_dominio>
Consente di distinguere Windows Advanced Server da Windows workstation, un server LAN Manager o un Windows per Workgroup computer. Questa parola chiave è necessaria per tutti i server che convalidano le richieste di accesso.
# NOFNR
Evitare query nome guidato (DNS). Alcune versioni precedenti di LAN Manager Impossibile gestire le richieste DNS NetBIOS e restituito l'errore 53. Specificando che questo flag sulla stessa riga non verrà visualizzato utilizzando NetBIOS indirizzate le query dei nomi.
# BEGIN_ALTERNATE
      #INCLUDE <\\server_name01\sharename\LMHOSTS>      #INCLUDE <\\server_name02\sharename\LMHOSTS>      ...   #END_ALTERNATE      Defines a redundant list of alternate locations for LMHOSTS files.      The recommended way to #INCLUDE remote files is using a UNC path,      to ensure access to the file. Of course, the UNC names must exist      in the LMHOSTS file with a proper IP address to NetBIOS name      translation.   #MH      Associates a single, unique NetBios computer name to an IP address.      You can create multiple entries for the same NetBios computer name      for each NIC in the multihomed device, up to a maximum of 25 different       IP addresses for the same name.		
# SG
Consente di definire un gruppo speciale, ad esempio stampanti o computer che appartengono a gruppi sulla rete intranet per semplice riferimento, l'esplorazione o broadcast. Gruppi speciali sono limitati a un totale di 25 membri.
Per specificare 1 NetBIOS sul TCP/IP nome per la conversione di indirizzi IP è possono utilizzare insieme le parole chiave primi 3. Ad esempio:
   102.54.94.97 rhinodc #PRE  #DOM:rhino  #PDC for rhino domain    102.54.94.99 zoobdc  #PRE  #DOM:rhino  #BDC for rhino domain 
Nota: PDC è un controller di dominio primario e BDC è controller di dominio di backup.

Per iniziare con l'indirizzo IP seguito dal nome NetBIOS, le voci predefinite possono essere definite in ordine diverse. Si consiglia di inserire voci importanti in primo luogo, poiché il l'accesso al file in ordine sequenziale.

Ulteriori informazioni sulle parole chiave inclusione di blocco

In Windows sono disponibili nuovi comandi di blocco che consentono di posizione centralizzata e gestione di file LMHOSTS. Inoltre, disposizioni sono inclusi per consentire di copie di backup ridondanti su più server. Windows riportato di seguito vengono illustrati i comandi di blocco del file LMHOSTS dettagliatamente riportato di seguito:
  • # INCLUDE
  • # BEGIN_INCLUDE
  • # END_INCLUDE
  • # BEGIN_ALTERNATE
  • # END_ALTERNATE
Parole chiave di inclusione blocco (# BEGIN_INCLUDE, # END_INCLUDE):
   130.20.26.169  Trustedserver  #PRE   #DOM:Testing  # Test group domain		
   #BEGIN_INCLUDE   #INCLUDE \\localsrv\public\lmhosts       # Local domain   #INCLUDE \\Trustedserver\public\lmhosts  # Server in Testing domain   #END_INCLUDE		
nell'inclusione di blocco sopra riportato, il file LMHOSTS specificato viene analizzato in presenza delle seguenti condizioni:
  • Durante l'inizializzazione di TCP/IP, verrà eseguita una scansione file LMHOSTS locale per i comandi # pre. Inserisce tutte queste voci nella cache nome. Inoltre, vengono analizzati tutti i file LMHOSTS specificati dal comando # include.
  • Durante la risoluzione un nome computer (nome NetBIOS) a un indirizzo IP, il file # include è cercato anche se il nome non è possibile trovare nelle voci precaricate della cache.
  • I file LMHOSTS vengono analizzati per risolvere l'indirizzo di un controller di dominio di un dominio trovato nell'elenco Nome precaricati nella cache.
Il vantaggio di questo comando è che consente agli amministratori di sistema mantenere facilmente un situato centralmente master file LMHOSTS accessibili attraverso la rete da tutti i nodi. Questo metodo funziona anche tra le subnet a causa dell'utilizzo di nomi UNC (universal naming convention) e mapping LMHOSTS per queste voci.

Se il dominio comprende più subnet o se il controller di dominio per un dominio è attraverso un router, è necessario disporre di una voce nel file LMHOSTS per individuare il controller di dominio per tale server, con un prefisso # DOM aggiunto (per l'esempio, trustedserver è il controller di dominio per dominio TESTING). Vedere la riga IP sopra l'inclusione di blocco. Questa riga deve apparire prima di # include.

Nel caso precedente, il dominio TESTING ha una relazione di trust con il dominio locale. Questo è importante per i server inclusi nel blocco non sono nel dominio locale.

Nota: I file LMHOSTS situati su server in un dominio trusted devono dispone di privilegi di lettura del Everyone gruppo, che include tutti gli utenti locali e gli utenti del dominio trusted.

Alternative di inclusione blocco (# BEGIN_ALTERNATE, # END_ALTERNATE):
   #BEGIN_ALTERNATE   #INCLUDE \\localsrv\public\lmhosts      # Local domain   #INCLUDE \\Trustedserver\public\lmhosts # Server in Testing Domain   #END_ALTERNATE		
in questo caso, la condizione "Alternate Include" viene soddisfatta se uno del # di include è corretto. Ciò significa che un solo file LMHOSTS verrà analizzato. Il primo # include corretta è il solo file LMHOSTS che verrà letti.

Questo risulta utile per mantenere più copie dello stesso file su server diversi. Se uno dei server è attivo, tenterà di leggere il file LMHOSTS dal server alternativo identificato nell'inclusione di blocco.

Ulteriori informazioni, incluse una descrizione completa di tutte queste funzionalità sono disponibile in Windows Resource Kit.
WFW wfwg prodnt

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 102725 - Ultima revisione: 12/04/2015 09:37:18 - Revisione: 3.2

Microsoft Windows 2000 Server, Microsoft Windows 2000 Advanced Server, Microsoft Windows 2000 Professional Edition, Microsoft Windows 2000 Datacenter Server, Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1, Microsoft Windows NT Server 3.5, Microsoft Windows NT Server 3.51, Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition, Microsoft Windows NT Workstation 3.1, Microsoft Windows NT Workstation 3.5, Microsoft Windows NT Workstation 3.51, Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition, Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1

  • kbnosurvey kbarchive kbmt kbnetwork KB102725 KbMtit
Feedback