Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

ACC: Perché gli oggetti OLE causare database per l'estensione

Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 123151
Questo articolo è stato archiviato. L’articolo, quindi, viene offerto “così come è” e non verrà più aggiornato.
Sommario
Avanzate: Richiede la codifica degli esperti, interoperabilità e competenze multiutente.

Un oggetto OLE di Microsoft Windows viene memorizzato come un flusso OLE costituito da due parti:
  • Informazioni per il rendering dell'oggetto.
  • Dati nativi che possono essere modificati dal server OLE che ha creato l'oggetto.
Viene memorizzato tutto il flusso OLE in un wrapper OLE in un tipo di campo binario lungo.

La quantità di informazioni utilizzate per il rendering dell'oggetto spesso è maggiore della dimensione dell'oggetto stesso. Aggiunta di tali oggetti OLE può aumentare notevolmente la dimensione di un database. Per ridurre al minimo aumenta di dimensioni dovuta all'aggiunta di OLE oggetti a un database, utilizzare uno di questi metodi:
  • Rendere più semplice eseguire il rendering (da ridurre la risoluzione dell'oggetto o ridurre le dimensioni fisiche) l'oggetto.
  • Visualizzare l'oggetto come icona.
Informazioni
Informazioni di rendering di un oggetto possono essere uno dei seguenti formati:
  • Formato Windows Bitmap (BMP)
  • Formato Metafile di Windows (WMF)
  • Formato Windows Bitmap Device-Independent (DIB)
Un server OLE offre formati nell'ordine dal formato preferito del maggiore al minore del server. Un client OLE enumera i formati disponibili e utilizza il primo formato compatibile. In genere, è possibile ignorare scelta in formato con il comando Incolla speciale del client OLE.

In genere, WMF o DIB viene scelto, poiché il server OLE visualizzare questi formati più facilmente. Ad esempio, Microsoft Word per Windows esegue il in genere rendering utilizzando WMF, mentre Windows Paintbrush esegue il rendering utilizzando DIB. Un client OLE sempre possibile scegliere il formato preferito prima. Eseguire il poiché DIB è una forma di BMP, la maggior parte dei server che il rendering in DIB anche rendering in BMP, sebbene DIB spesso viene offerto prima. Microsoft Access sceglie sempre DIB su BMP.

Server OLE in grado di visualizzare le immagini memorizzate in altri formati compressi, ad esempio il formato JPEG (JPG), devono comunque inviare le due parti di informazioni descritta in precedenza in questo articolo. Il server deve inviare le informazioni per il rendering dell'oggetto utilizzando BMP, WMF, o DIB, nonché dati nativi che possono essere utilizzati per modificare l'oggetto. In questo caso, il formato compresso viene convertito in un formato di cui eseguire il rendering. La dimensione del flusso OLE è la somma dell'oggetto convertito rendering, i dati nativi e alcune informazioni generali OLE. Poiché il flusso OLE contiene tutte queste informazioni, oggetti in formato compresso di piccole dimensioni possono diventare notevoli quando memorizzato in un database di Microsoft Access.

Un modo per aggirare il problema consiste nel memorizzare l'oggetto come icona. Se non è necessario visualizzare l'oggetto in una maschera o report, è possibile memorizzare l'oggetto come un'icona che rappresenta il tipo di oggetto. Archiviazione di un oggetto come icona fa sì che il server OLE inviare l'oggetto con informazioni rendering costituita solo l'icona anziché dall'intero oggetto, utilizzando in modo significativo meno spazio di archiviazione nel database. Quando si fa doppio clic sull'icona, il server viene avviato con i dati nativi che rappresenta l'icona.

Un altro esempio di un piccolo file aumento delle dimensioni a un oggetto OLE di grandi dimensioni è un file di Microsoft Word che contiene la formattazione del testo complesso o di un'immagine sulla prima pagina del documento. La quantità di dati nativo richiede informazioni così tanta per rendering che l'oggetto OLE sono notevole. Per aggirare il problema, inserire una pagina con formattazione semplice all'inizio del documento oppure memorizzare il documento come icona.

OLE ha un ordine preferito per l'utilizzo di formati di presentazione standard. Indipendentemente dalla posizione in cui WMF viene visualizzata in ordine il formato, è utilizzato se disponibile (metafile consente di fornire una migliore scalabilità rispetto alle bitmap). Se non è disponibile WMF, DIB è preferibile BMP. OLE supporta attualmente solo WMF, DIB e BMP.

Una delle opzioni nella specifica OLE chiama per server OLE per aggiungere ulteriori formati di rendering i formati di tre predefiniti che supporta Windows. Microsoft Access non supporta questa funzionalità OLE.
Riferimenti
Per ulteriori informazioni sugli oggetti OLE, cercare l'indice della Guida per "OLE Objects", oppure avviare l'Assistente di Microsoft Access 97.

"Microsoft Object Linking and ADOX Embedding ()," pagine volume 1,-420 418
acc2000 grande

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 123151 - Ultima revisione: 12/04/2015 10:44:08 - Revisione: 2.1

Microsoft Access 1.0 Standard Edition, Microsoft Access 1.1 Standard Edition, Microsoft Access 2.0 Standard Edition, Microsoft Access 95 Standard Edition, Microsoft Access 97 Standard Edition

  • kbnosurvey kbarchive kbmt kbinfo KB123151 KbMtit
Feedback