Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

IEHelper: Connessione a Internet Explorer 4.0 utilizzando un Browser Helper Object

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato con il codice di riferimento I179230
Sommario
Per connettersi a un'istanza in esecuzione di Internet Explorer 4.0 è possibile utilizzare un "Browser Helper Object" ovvero una DLL che si connetterà a qualsiasi nuova istanza di Internet Explorer 4.0. È possibile utilizzare questa funzione per accedere al modello di oggetti di una particolare istanza di Internet Explorer in esecuzione e anche per ottenere eventi da un'istanza di Internet Explorer 4.0.

In questo articolo si fa riferimento a un file di esempio in cui viene mostrato in che modo implementare un Browser Helper Object.
Informazioni
Sono disponibili i file seguenti dall'Area download Microsoft. Fare clic di seguito sui nomi dei file per effettuare il download (informazioni in lingua inglese):
Per ulteriori informazioni su come scaricare file dall'Area download Microsoft, visitare l'Area download al seguente indirizzoe scegliere Informazioni sull'utilizzo dell'Area download Microsoft.

Browser Helper Object

Quando viene avviata un'istanza di Internet Explorer 4.0, nel Registro di configurazione viene eseguita automaticamente una ricerca degli identificatori CLSID presenti nella seguente chiave:
HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows \CurrentVersion\Explorer\Browser Helper Objects
Se questa chiave esiste e presenta dei CLSID, Internet Explorer utilizzerà CoCreateInstance() per tentare di creare un'istanza di ciascun oggetto elencato come sottochiave in tale chiave. Si noti che il CLSID dell'oggetto creato deve essere elencato come sottochiave e non come valore nominato.

Ad esempio, immaginiamo che nel Registro di configurazione sia presente la seguente voce, HKLM\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Browser Helper Objects\{CE7C3CF0-4B15-11D1-ABED-709549C10000}. Ogni volta che si avvierà Internet Explorer, il programma tenterà di creare un'istanza dell'oggetto a cui l'identificatore CLSID {CE7C3CF0-4B15- 11D1-ABED-709549C10000} fa riferimento.

Queste chiavi di registro possono essere create manualmente oppure tramite la porzione di registrazione automatica dell'applicazione COM utilizzata.

Quando si crea un Browser Helper Object è consigliabile tenere presente quanto segue:

  • L'applicazione creata deve essere un server in-process ovvero una DLL.
  • Tale DLL deve implementare IObjectWithSite.
  • È necessario implementare il metodo IObjectWithSite::SetSite(). È infatti tramite questo metodo che l'applicazione riceve un puntatore per Iunknown di Internet Explorer. (Internet Explorer in effetti passa un puntatore a IWebBrowser2 ma l'implementazione di SetSite() riceve un puntatore a IUnknown.) È possibile utilizzare questo puntatore IUnknown per automatizzare Internet Explorer oppure per elaborare gli eventi da Internet Explorer.
  • Deve essere registrato come un Browser Helper Object, come descritto in precedenza.
ATTENZIONE: ogni volta che si avvia una nuova istanza di Internet Explorer, viene creata un'istanza di ogni Browser Helper Object presente nel Registro di configurazione. Questo significa che se è installato Active Desktop, i Browser Helper Object verranno caricati ogni volta che si aprirà una nuova cartella o che verrà avviato il browser.
Helper
Proprietà

ID articolo: 179230 - Ultima revisione: 07/18/2007 11:40:00 - Revisione: 2.4

Microsoft Internet Explorer 4.0 128-Bit Edition, Microsoft Internet Explorer 4.01 Service Pack 2, Microsoft Internet Explorer 5.0, Microsoft Internet Explorer 5.01, Microsoft Internet Explorer 5.5, Microsoft Internet Client Software Development Kit 4.0, Microsoft Internet Client Software Development Kit 4.01

  • kbinfo kbdownload kbiefaq kbfile kbie400 kbie401 KB179230
Feedback
s://c1.microsoft.com/c.gif?DI=4050&did=1&t=">/html>gif?DI=4050&did=1&t=">