Configurazione Driver Microsoft ODBC per DB2

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 216428
Dichiarazione di non responsabilità per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non più supportati
Questo articolo è stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre più supporto. L’articolo, quindi, viene offerto ‘così come è’ e non verrà più aggiornato.
Sommario
In questo articolo viene fornita una panoramica del Driver Microsoft ODBC per DB2.

Driver Microsoft ODBC per DB2 (Msdb2ole.dll) consente l'accesso su reti TCP/IP e SNA LU 6.2 ai database DB2 remoti. Questo driver viene implementato come un richiedente applicazione IBM Distributed Relational Database Architecture (DRDA) in grado di connettersi ai sistemi compatibili con DRDA DB2 MVS, OS/400 e Microsoft Windows NT.

Il driver supporta ODBC 2. x e funzioni ODBC 3. x (per un elenco completo delle funzioni supportate, vedere la documentazione in linea di SNA Server SDK). Il driver può essere utilizzato in modo interattivo o da un'applicazione di eseguire istruzioni SQL. Da Microsoft Excel, gli utenti possono importare le tabelle di DB2 in fogli di lavoro e utilizzare gli strumenti grafici di Excel per analizzare i dati. Da Microsoft Access, gli utenti possono importare ed esportare in DB2. Con Microsoft Internet Information Server (IIS), gli sviluppatori di pubblicare le informazioni memorizzate DB2 agli utenti tramite un browser Web.

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Driver ODBC per DB2, nonché un elenco di parole chiave attributo stringa di connessione ODBC e i valori supportati, vedere la documentazione in linea di SNA Server SDK o il Driver ODBC per DB2 file della Guida in linea.
Informazioni

Aggiunta di un'origine dati ODBC

Un'origine dati, un driver ODBC specifico associa i dati che si desidera accedere tramite il driver. È necessario configurare le informazioni sull'origine dati per ogni sistema DB2 che deve avvenire utilizzando il driver ODBC per DB2. I parametri predefiniti per il driver ODBC per DB2 vengono utilizzati per l'origine dati solo e devono essere configurate separatamente per ogni origine dati. Per configurare il driver, attenersi alla seguente procedura:

  1. Fare clic su Start, scegliere Impostazionie quindi fare clic su Pannello di controllo
  2. Fare doppio clic su origini dati ODBC.
  3. Scegliere un DSN utente, DSN, sistema o DSN su File.
  4. Fare clic su Driver Microsoft ODBC per DB2 e quindi fare clic su Fine.

È inoltre possibile visualizzare lo strumento di configurazione di origini dati ODBC dal collegamento presente nel gruppo di programmi di accesso ai dati di Microsoft SNA Server.

Configurazione delle origini dati

La scheda Generale consente all'utente di configurare gli attributi di base necessari per descrivere un'origine dati. Per il driver ODBC per DB2, gli attributi generali includono le seguenti parole chiave:

Nome origine dati: L'origine dati è un parametro che viene utilizzato per definire l'origine dati. Gestione driver ODBC utilizza il valore dell'attributo per caricare la configurazione dell'origine dati ODBC corretta dal Registro di sistema o file. Per le origini dati file, questo campo viene utilizzato per denominare il file DSN, memorizzato nella cartella Programmi\File comuni\Odbc\Data Sources.

Descrizione: La descrizione è un parametro facoltativo che può essere utilizzato per descrivere l'origine dati.

La scheda connessione consente all'utente di configurare gli attributi di base necessari per connettersi a un'origine dati. Per Driver ODBC per DB2, gli attributi di connessione includono le seguenti parole chiave:

LU 6.2 connessione: Questo pulsante di opzione consente all'utente di scegliere una connessione basata su SNA LU 6.2. Se il valore predefinito SNA è selezionata, quindi i valori di Alias della LU APPC locale, sono necessari nome modalità APPC e Alias della LU APPC remoto.
Connessione TCP/IP: Questo pulsante di opzione consente all'utente di scegliere una connessione basata su TCP/IP. Se TCP/IP è selezionata, i valori per l'indirizzo di rete e porta di rete sono necessari.

Alias LU APPC locale: Il nome dell'alias LU locale configurato in SNA Server.

Alias LU APPC remoto: Il nome dell'alias LU remota configurata in SNA Server.

Nome modalità APPC: Modalità che corrisponde alla configurazione host e la configurazione di SNA Server APPC. I valori validi per la modalità APPC includono QPCSUPP (predefinito sistema comune), #INTER (interattivo), #INTERSC (interattivo con protezione del routing minima), #BATCH (batch), #BATCHSC (batch con protezione del routing minima) e #IBMRDB (accesso remoto database DB2).

Indirizzo IP: Questa proprietà viene utilizzata per individuare il computer DB2 di destinazione, in particolare l'indirizzo TCP/IP o TCP/IP host/alias nome associato alla porta DRDA. L'indirizzo di rete è necessario per la connessione tramite TCP/IP.

Porta di rete: Questa proprietà viene utilizzata per individuare la porta di accesso del servizio DRDA DB2 di destinazione per la connessione tramite TCP/IP. Il valore predefinito è l'indirizzo della porta DRDA noto di 446.

La scheda di connessione include inoltre un pulsante Test connessione che può essere utilizzato per verificare i parametri di connessione. È possibile testare la connessione solo dopo che tutti i parametri necessari vengono digitati. Quando si fa clic su questo pulsante, il sistema DB2 remoto tramite il Provider OLE DB per DB2 verrà stabilita una sessione.

La scheda protezione consente all'utente di configurare gli attributi facoltativi utilizzati per limitare le connessioni a un'origine dati. Per i Driver Microsoft ODBC per DB2, gli attributi di protezione includono:

Utilizzare questo nome utente: Un nome utente valido è in genere richiesto per accedere ai dati DB2. Facoltativamente, è possibile mantenere un nome utente nel DSN. Il driver ODBC richiederà all'utente in fase di esecuzione in cui digitare una password valida. Inoltre, la finestra di dialogo consentirà all'utente di ignorare il nome utente memorizzato nel DSN.

AS / 400 è tra maiuscole e minuscole per quanto riguarda l'ID utente e Password. AS / 400 accetta solo un ID utente DB2/400 e una Password in lettere maiuscole. (Se DB2/400 connessione fallisce a causa di autenticazione errato, il driver ODBC verrà nuovamente inviato l'autenticazione, forzando l'ID utente e Password in lettere maiuscole.)

Mainframe non prevede tale distinzione. Ciò significa che nei computer mainframe, è possibile digitare l'ID utente di DB2 e la Password in ogni caso. Il driver ODBC invia tali valori in maiuscolo. DB2 UDB per Windows NT è tra maiuscole e minuscole. L'ID utente viene memorizzato in maiuscolo. La password viene memorizzata in maiuscole e minuscole. L'utente deve digitare la Password nel modo corretto. Il driver ODBC invia esattamente la password nel caso immesso dall'utente. Uno non passa il nome di dominio NT, solo il nome utente NT.

Utilizzare Single Sign in: Facoltativamente, una possibile utilizzare l'opzione di iscrizione unica di funzionalità di protezione Host di Microsoft SNA Server. In questo modo l'amministratore di creare la definizione dell'origine dati isolare il processo di accesso da parte dell'utente finale. Il contesto utente-accesso singolo è il contesto utente associato al servizio di DB2 SNA. Se in esecuzione su Windows 9x, il contesto dell'utente è associato l'utente attualmente connesso.

Database di sola lettura: Crea un'origine dati di sola lettura. L'utente dispone solo dell'accesso in lettura agli oggetti, quali tabelle e non aggiorna le operazioni, ad esempio INSERT, UPDATE o eliminare.

La scheda di Database di destinazione consente all'utente di configurare gli attributi obbligatori e opzionali utilizzati per definire il sistema DB2 di destinazione. Per i Driver Microsoft ODBC per DB2, gli attributi del database di destinazione sono i seguenti:

Nome di Database remoto: Questo attributo ODBC viene utilizzato come prima parte di un nome di tabella completo di tre parti.

In DB2 (MVS, OS/390), questa proprietà viene definita come percorso. Il SYSIBM. Tabella posizioni Elenca tutti i percorsi accessibili. Per trovare la posizione di DB2 in cui è necessario connettersi, rivolgersi all'amministratore di effettuare la ricerca di DSNTINST di Clist TSO conformemente alle definizioni DDF. Queste definizioni sono disponibili nel Pannello di DSNTIPR nel manuale di installazione di DB2.
In DB2/400, questa proprietà viene detta RDBNAM. Richiamando il comando WRKRDBDIRE dalla console per il sistema OS/400, è possibile determinare il valore RDBNAM. Se è presente alcun valore RDBNAM, quindi possibile crearne uno utilizzando l'opzione Aggiungi.
In DB2 Universal Database, questa proprietà viene definita DATABASE.

Raccolta pacchetti: Il nome dell'insieme in cui si desidera il driver per l'archiviazione e l'associazione dei pacchetti DB2 DRDA. Si tratta di un parametro obbligatorio. Per ulteriori informazioni sulla creazione di package, leggere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
216810 Creazione di pacchetti per l'utilizzo con Driver ODBC per DB2 e OLE KB fornito per DB2
Schema predefinito: Il nome dell'insieme nel provider esegue la ricerca per le informazioni del catalogo. Il driver ODBC utilizza Schema predefinito per limitare il set di risultati per le operazioni comuni, ad esempio l'enumerazione di un elenco delle tabelle in un insieme di destinazione (ad esempio ODBC Catalog SQLTables). Per ulteriori informazioni su questo parametro, vedere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
217757 INF: Di Schema predefinito da utilizzare con Driver ODBC per DB2 e il Provider OLE DB per DB2
Livello di isolamento predefinito: Determina il livello di isolamento utilizzato in caso di accesso simultaneo a DB2 oggetti da più applicazioni. Il valore predefinito è NC. Sono supportati i seguenti livelli:

CS: Stabilità di cursore. In DB2/400, corrisponde a COMMIT(*CS). ANSI, che corrisponde a Read Committed (RC).

NC: Nessun Commit. In DB2/400, corrisponde a COMMIT(*NONE). ANSI, corrisponde a non eseguire il Commit (NC).

UR: Read Uncommitted. In DB2/400, corrisponde a COMMIT(*CHG). ANSI, corrisponde a Read Uncommitted.

RS: Leggere la stabilità. In DB2/400, corrisponde a COMMIT(*ALL). ANSI, corrisponde a Repeatable Read.

RR: Repeatable Read. In DB2/400, corrisponde a COMMIT(*RR). ANSI, corrisponde a Serializable (isolata).

TP nome alternativo: Questa proprietà è necessaria quando ci si connette a SQL/DS (DB2/VM o DB2/VSE) e viene definito come il programma di transazione remota.

Automatica Commit: Questo attributo consente di COMMIT implicito in tutte le istruzioni SQL. In modalità autocommit, ogni operazione di database è una transazione che viene eseguito il commit quando eseguita. Questa modalità è adatta per le transazioni di comuni costituiti da una singola istruzione SQL. Non è necessario delimitare o specificare il completamento di queste transazioni. Quando la modalità di Commit automatico, non è consentito alcun ripristino. Il valore predefinito è True.

Convertire tutti i tipi di dati binari come tipi di dati carattere: Questo opzione i binari (CCSID 65535) dati dei campi di tipo come campi su una base di origine dati per ogni tipo di dati carattere. I valori di CCSID Host e tabella codici PC sono necessari input e parametri di output. (Scheda Impostazioni internazionali vedere).

La scheda Impostazioni internazionali consente all'utente di configurare gli attributi obbligatori e opzionali utilizzati per definire le tabelle codici da utilizzare sul sistema DB2, nonché il computer basato su Windows. Per i Driver Microsoft ODBC per DB2, gli attributi di impostazioni internazionali di seguito:

Host locali: Il codice di carattere imposta l'identificatore (CCSID) corrispondenti dati DB2, come rappresentato nel computer remoto. Questo parametro per impostazione predefinita U.S./Canada (37). La proprietà CCSID è obbligatoria durante l'elaborazione di dati binari come dati di tipo carattere. Se non è impostato il processo binario come valore di carattere, caratteri vengono convertiti in basano alla colonna DB2 CCSID e codici ANSI predefinita.

Utilizzo tabella codici predefinita per le impostazioni internazionali: Questa opzione indica al driver ODBC da utilizzare la tabella codici ANSI predefinita per il computer basato su Windows. Se questa impostazione predefinita è deselezionata, l'utente può scegliere qualsiasi tabella codici PC supportati.

PC Locale: Questo attributo è obbligatorio durante l'elaborazione di dati binari come dati di tipo carattere. Se non è impostato il processo binario come valore di carattere, caratteri vengono convertiti i dati dipendono la tabella codici ANSI predefinita configurata in Windows. Il valore predefinito di questa proprietà è di tipo latino 1 (1252).
MSDB2OLE DLL

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 216428 - Ultima revisione: 05/21/2016 08:05:00 - Revisione: 2.0

  • kbinfo kbmt KB216428 KbMtit
Feedback