Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

Come utilizzare l'utilità SQLIOSim per simulare l'attività di SQL Server in un sottosistema disco

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 231619
Sommario
Per Microsoft SQL Server 2005, SQLIOSim è stato spedito come un pacchetto di download separato. A partire da SQL Server 2008, SQLIOSim è inclusa nell'installazione del prodotto SQL Server. Quando si installa SQL Server, lo strumento di SQLIOSim si trova nella cartella BINN dell'installazione di SQL Server. Consente agli utenti queste versioni aggiornate dello strumento per simulare l'attività dei / o nel sottosistema del disco.

L'utilità di SQLIOSim sostituisce l'utilità SQLIOStress. L'utilità SQLIOStress era precedentemente noto come l'utilità SQL70IOStress.

In questo articolo contiene inoltre informazioni sul download dell'utilità SQLIOSim.
INTRODUZIONE
In questo articolo viene descritto lo strumento SQLIOSim. È possibile utilizzare questo strumento per eseguire controlli di integrità e affidabilità sui sottosistemi di dischi. Questi test simulano la lettura, scrittura, checkpoint, backup, ordinamento e attività di lettura-ahead per Microsoft SQL Server. Tuttavia, se è necessario eseguire i test di benchmark e per determinare la capacità dei / o del sistema di archiviazione, è necessario utilizzare il SQLIO strumento.
Informazioni

Cenni preliminari

L'utilità di SQLIOSim è stato aggiornato dall'utilità SQLIOStress. L'utilità SQLIOSim simula più accuratamente i modelli dei / o di Microsoft SQL Server.

Per ulteriori informazioni sui modelli dei / o di SQL Server, vedere il capitolo 2 di Microsoft SQL Server i/o Basicsda Bob Dorr, segnalazione dei problemi di Microsoft SQL Server. Per ottenere questo documento, visitare il seguente sito Web Microsoft: L'utilità di SQLIOSim è disponibile per sistemi basati su Itanium, x86 e x64. Utilizzare i collegamenti seguenti per scaricare il pacchetto appropriato per il sistema.

SQLIOSim utilità, versione x86

SQLIOSim utilità, versione x64

SQLIOSim utilità, versione basata su Itanium

Data di rilascio: 19-ott-2006

Per ulteriori informazioni su come scaricare i file di supporto Microsoft, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
119591 Come ottenere file di supporto Microsoft dai servizi online
Microsoft ha analizzato questo file per individuare eventuali virus. Microsoft ha utilizzato il software antivirus più recente disponibile alla data in cui il file è stato registrato. Il file è archiviato in un server con protezione avanzata che impedisce modifiche non autorizzate al file.

Nota Per gestire la protezione e l'integrità dei dati appropriati, si consiglia di eseguire test di stress del sottosistema dei / o prima della distribuzione di SQL Server in un nuovo hardware. L'utilità SQLIOSim simula i modelli di lettura, la scrittura e le tecniche di identificazione del problema di SQL Server. Per eseguire queste attività, l'utilità SQLIOSim simula l'attività dell'utente e l'attività del sistema di un sistema di SQL Server. L'utilità SQLIOSim esegue la simulazione indipendente del motore di SQL Server.

L'utilità di SQLIOSim non garantisce né garantiscono l'integrità o la sicurezza dei dati. L'utilità è stata progettata per fornire test di base di un ambiente di sistema. L'utilità di SQLIOSim potrebbe essere esposta a potenziali problemi di integrità dei dati.

Per ulteriori informazioni sulla registrazione e archiviazione dei dati, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
230785 Registrazione di SQL Server 7.0, SQL Server 2000 e SQL Server 2005 e gli algoritmi di data storage estendono l'affidabilità dei dati
Il pacchetto di download contiene due file eseguibili, SQLIOSim.com e SQLIOSim.exe. Entrambi i file eseguibili forniscono funzionalità di simulazione identici. SQLIOSim.com è uno strumento della riga di comando che è possibile configurare per l'esecuzione senza interazione dell'utente. A tale scopo, è possibile utilizzare parametri della riga di comando, un file di configurazione o una combinazione di entrambi i metodi. SQLIOSim.exe è un'applicazione grafica che non accetta alcun parametro della riga di comando. Tuttavia, SQLIOSim.exe caricare i dati di configurazione predefinito dai file di configurazione.

Parametri della riga di comando SQLIOSim.com

SQLIOSim.com accetta un numero limitato di parametri della riga di comando per controllare il comportamento di base. Il file di configurazione per l'utilità di SQLIOSim fornisce il controllo del comportamento avanzato. Quando i parametri della riga di comando e file di configurazione opzioni sovrapposizione, i parametri della riga di comando hanno la precedenza.
ParametroCommento
-cfg fileEseguire l'override del file di configurazione predefinito Sqliosim.cfg.ini. L'utilità SQLIOSim restituisce un errore se l'utilità non riesce a trovare il file.
-salvare fileSalvare la configurazione risultante nel file di configurazione. È possibile utilizzare questa opzione per creare il file di configurazione iniziale.
-Registro fileSpecificare il nome del file di log errore e il percorso del file di registro errori. Il nome di file predefinito è Sqliosim.log.xml.
-dir dirImpostare il percorso in cui creare il file di dati (mdf) e il file di registro (ldf). È possibile eseguire questo comando più volte. Nella maggior parte dei casi, questo percorso è una radice dell'unità o un punto di montaggio del volume. Questo percorso può essere un percorso lungo o un percorso UNC.
-d secondiImpostare la durata dell'esecuzione principale. Questo valore non comprende la fase di preparazione e la fase di verifica.
-dimensioni MBImpostare la dimensione iniziale del file di dati in megabyte (MB). Il file può crescere fino a due volte la dimensione iniziale. La dimensione del file registro viene calcolata come metà delle dimensioni del file di dati. Tuttavia, il file di registro non può essere supera a 50 MB.

File di configurazione SQLIOSim

Non è necessario utilizzare un file di configurazione. Se non si utilizza un file di configurazione, tutti i parametri assumono valori predefiniti, tranne il percorso del file di dati e il percorso del file registro. Per specificare il percorso del file di dati e il percorso del file di registro, è necessario utilizzare uno dei seguenti metodi:
  • Utilizzare i parametri della riga di comando nel SQLIOSim.comfile.
  • Utilizzare il boxafter finestra di dialogo di file e la configurazione viene eseguito il file SQLIOSim.exe.
  • Utilizzare il Filex sezione del file di configurazione.
Note
  • Se il nome del parametro indica che il parametro è un rapporto o percentuale, il valore del parametro viene espresso come thepercentage o il rapporto, diviso per 0,01. Ad esempio, il valore del parametro CacheHitRatio è 10%. Questo valore è espresso come 1000 poiché 10, diviso 0.01, è uguale a 1000. Il valore massimo del parametro apercentage è 10000.
  • Se il tipo di parametro è di tipo numerico e si assegna un valore numerico anon al parametro, l'utilità SQLIOSim imposta il parametro su 0.
  • Se il tipo di parametro è un valore booleano, validi i valori che è assegnare al parametro sono true e false. Inoltre, i valori sono tra maiuscole e minuscole. Il SQLIOSimutility ignora i valori non validi.
  • Se una coppia di parametri indica un valore minimo e un valore di amaximum, il valore minimo non deve essere maggiore del valore massimo. Ad esempio, il valore del parametro MinIOChainLength non deve essere maggiore del valore del parametro MaxIOChainLength .
  • Se il parametro indica un numero di pagine, la SQLIOSimutility controlla il valore assegnato al parametro per il file che elabora l'utilità SQLIOSim. L'utilità SQLIOSim esegue questo tomake di controllo verificare che il numero di pagine non superino le dimensioni del file.

Sezione di configurazione

L'utilità SQLIOSim utilizza i valori specificati nella sezione di configurazione del file di configurazione SQLIOSim per stabilire il comportamento globale di test.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
FileErroresqliosim.log.XmlNome del file di registro di tipo XML
CPUCountNumero di CPU del computerNumero di CPU logiche per creareIl valore massimo è 64 CPU.
Affinità0Maschera di affinità della CPU fisica da applicare per CPU logicheLa maschera di affinità deve essere all'interno della maschera attiva di CPU. Il valore 0 indica che verranno utilizzate tutte le CPU disponibili.
MaxMemoryMBMemoria fisica disponibile all'avvio dell'utilità di SQLIOSimDimensione del pool di buffer in MBIl valore non può superare la quantità totale di memoria fisica del computer.
StopOnErrortrueLa simulazione si interrompe quando si verifica il primo errore
TestCycles1Numero di cicli di test completo per eseguireIl valore 0 indica un numero infinito di cicli di prova.
TestCycleDuration300Durata di un ciclo di test in secondi, escludendo il passaggio del controllo alla fine del ciclo
CacheHitRatio1000Rapporto riscontri cache simulata quando l'utilità SQLIOSim legge dal disco
MaxOutstandingIO0Numero massimo di operazioni i/o in sospeso che sono consentiti a livello di processoIl valore non può superare 140000. Valore indica 0 che fino a circa 140.000 operazioni dei / o è consentiti. Questo è il limite dell'utilità.
TargetIODuration100Durata delle operazioni dei / o, in millisecondi, che sono la destinazione di limitazioneSe la durata media dei / o supera la durata dei / o di destinazione, l'utilità SQLIOSim limita il numero di operazioni i/o in attesa di diminuire il carico e di migliorare i tempi di completamento i/o.
AllowIOBurststrueConsentire la disattivazione della limitazione per registrare il numero di richieste dei / oPicchi dei / o sono attivati durante l'aggiornamento iniziale, punto di controllo iniziale e finale checkpoint passa alla fine dei cicli di test. Il parametro MaxOutstandingIO viene comunque accettato. È possibile prevedere gli avvisi dei / o long.
NoBufferingtrueUtilizzare l'opzione FILE_FLAG_NO_BUFFERINGSQL Server apre il file di database utilizzando FILE_FLAG_NO_BUFFERING = = true. Alcune utilità e servizi, ad esempio Analysis Services, utilizzano FILE_FLAG_NO_BUFFERING = = false. Per testare completamente un server, eseguire un test per ogni impostazione.
WriteThroughtrueUtilizzare l'opzione FILE_FLAG_WRITE_THROUGHSQL Server apre il file di database utilizzando FILE_FLAG_WRITE_THROUGH = = true. Tuttavia, alcuni servizi e utilità per aprire i file di database utilizzando FILE_FLAG_WRITE_THROUGH = = false. Ad esempio, SQL Server Analysis Services consente di aprire i file di database utilizzando FILE_FLAG_WRITE_THROUGH = = false. Per testare completamente un server, eseguire un test per ogni impostazione.
ScatterGathertrueUtilizzare le API ReadScatter/WriteGatherSe questo parametro è impostato su true, il parametro NoBuffering è impostato anche su true.

Dispersione di SQL Server viene utilizzato/i/o raccolta per la maggior parte delle richieste dei / o.
ForceReadAheadtrueEseguire un'operazione di lettura in avanti, anche se i dati già lettiL'utilità SQLIOSim invia il comando di lettura, anche se la pagina di dati è già nel pool di buffer.

Supporto di Microsoft SQL Server utilizza correttamente l'impostazione true per esporre i problemi dei / o.
DeleteFilesAtStartuptrueEliminare i file all'avvio se sono presenti fileUn file può contenere più flussi di dati. Solo i flussi sono specificati nel file.x Nel file vengono troncati voce FileName. Se il flusso predefinito viene specificato, vengono eliminati tutti i flussi.
DeleteFilesAtShutdownfalseEliminare il file una volta completato il testUn file può contenere più flussi di dati. Solo i flussi di dati specificato nel file.x Nel file vengono troncati voce FileName. Se il flusso di dati predefinito viene specificato, l'utilità SQLIOSim Elimina tutti i flussi di dati.
StampFilesfalseEspandere il file apponendo un timbro di zeriQuesto processo potrebbe richiedere molto tempo se il file è di grandi dimensioni. Se si imposta questo parametro su false, l'utilità SQLIOSim estende il file mediante l'impostazione di un indicatore di dati valido.

SQL Server 2005 utilizza la funzione di inizializzazione file immediata dei file di dati. Se il file di dati è un file di registro o l'inizializzazione file immediata non è abilitato, SQL Server esegue zero timbro. Versioni di SQL Server precedenti a SQL Server 2000 eseguono sempre zero timbro.

È necessario passare il valore del parametro StampFiles durante il test per assicurarsi che l'inizializzazione file immediata sia zero timbratura funzionino correttamente.

Filex sezione

L'utilità di SQLIOSim è progettato per consentire il testing di più file. Il file.x sezione è rappresentato come [File1] [File2] per ogni file del test.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
Nome del fileNessun valore predefinitoPercorso e nome fileIl parametro FileName può essere un percorso lungo o un percorso UNC. Può anche includere un nome di flusso secondario e il tipo. Ad esempio, il parametro FileName può essere impostato su file.mdf:stream2.

Nota In SQL Server 2005, le operazioni di DBCC utilizzano flussi. Si consiglia di eseguire il test del flusso.
InitialSizeNessun valore predefinitoDimensioni iniziali in MBSe il file esistente è maggiore del valore specificato per il parametro InitialSize , l'utilità di SQLIOSim non viene ridotto il file esistente. Se il file esistente è inferiore, l'utilità SQLIOSim espande il file esistente.
MaxSizeNessun valore predefinitoDimensione massima in MBUn file non può superare la dimensione del valore specificato per il parametro MaxSize .
Incremento0Dimensione in MB di incremento in base al quale il file si ingrandisce o riduce. Per ulteriori informazioni, vedere la parte della "sezione di ShrinkUser" di questo articolo. L'utilità di SQLIOSim consente di regolare il parametro incremento all'avvio in modo da ottenere la seguente situazione:
Incremento * MaxExtents< maxmemorymb="">
Se il risultato è 0, l'utilità SQLIOSim imposta il file come non compattabile.
CompattabilefalseIndica se il file può essere compattato o espansoSe si imposta il parametro di incremento a 0, è necessario impostare il file può essere non compattabile. In questo caso, è necessario impostare il parametro Shrinkable su false. Se si imposta il parametro di incremento a un valore diverso da 0, è necessario impostare il file può essere compattabile. In questo caso, è necessario impostare il parametro Shrinkable su true.
SparsefalseIndica se è necessario impostare l'attributo Sparse sui filePer i file esistenti, l'utilità di SQLIOSim non cancella l'attributo Sparse quando si imposta il parametro Sparse su false.

SQL Server 2005 utilizza i file sparse per il supporto di snapshot di database e i flussi DBCC secondari.

Si consiglia di attivare il file sparsa e i flussi, quindi eseguire un test.

Nota Se si imposta Sparse = true per le impostazioni del file, non si specifica NoBuffering = false nella sezione di configurazione. Se si utilizzano queste due combinazioni in conflitto, è possibile che venga visualizzato un errore analogo al seguente dallo strumento:

Errore:-= = = errore: 0x80070467
Testo di errore: Durante l'accesso al disco rigido, un disco non riuscita anche dopo ulteriori tentativi.
Descrizione: Convalida non riuscita nella pagina C:\SQLIOSim.mdx del Buffer: 28097
File di registrofalseIndica se un file contiene dati di registro utente o della transazioneÈ necessario definire almeno un file di registro.

Sezione RandomUser

L'utilità SQLIOSim accetta i valori specificati nella sezione RandomUser per simulare un lavoro di SQL Server che esegue operazioni di query casuali, come le serie Online Transaction Processing (OLTP) i/o.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
UserCount-1Numero di thread di accesso casuale che eseguono contemporaneamenteIl valore non può superare il valore seguente:
CPUCount * 1023-100
Il numero totale di tutti gli utenti inoltre non può superare questo valore. Il valore 0 significa che è possibile creare utenti di accesso casuale. Il valore -1 significa che è necessario utilizzare la configurazione automatica del seguente valore:
Min (CPUCount * 2, 8)
Nota Un sistema di SQL Server può disporre di migliaia di sessioni. La maggior parte delle sessioni sono privi di richieste attive. Utilizzare la funzione di count(*) nelle query sulla vista sys.dm_exec_requests gestione dinamica (DMV) come punto di partenza per stabilire il valore del parametro di test.

Qui CPUCount fa riferimento al valore del parametro CPUCount nella sezione di configurazione.

Il valore min(CPUCount*2, 8) determina il minore tra i valori compresi tra CPUCount * 2 e 8.
JumpToNewRegionPercentage500La possibilità di un collegamento a una nuova area del file.L'inizio dell'area viene selezionato in modo casuale. La dimensione dell'area è un valore casuale tra il valore del parametro MinIOChainLength e il valore del parametro MaxIOChainLength .
MinIOChainLength1Dimensioni dell'area minima nelle pagine
MaxIOChainLength100Dimensioni dell'area massima nelle pagineSQL Server 2005 Enterprise Edition e SQL Server 2000 Enterprise Edition può ReadAhead fino a 1.024 pagine.

Il valore minimo è 0. Il valore massimo è limitato dalla memoria di sistema.

In genere, l'attività degli utenti casuali provoca piccole operazioni di analisi venga eseguita. Utilizzare i valori specificati nella sezione ReadAheadUser per simulare operazioni di analisi più grande.
RandomUserReadWriteRatio9000Percentuale di pagine da aggiornareUna catena di lunghezza casuale è selezionata nella regione che può essere letti. Questo parametro definisce la percentuale delle pagine per essere aggiornata e scritte su disco.
MinLogPerBuffer64Dimensioni in byte dei record registro minimoIl valore deve essere un multiplo della dimensione del settore su disco o in modo uniforme si adattino a ottenere la dimensione del settore su disco.
MaxLogPerBuffer8192Record dimensione massima in byteQuesto valore non può superare a 64000. Il valore deve essere un multiplo della dimensione del settore su disco.
RollbackChance100La possibilità che si verifichi un'operazione in memoria che fa sì che si verifichi un'operazione di rollback. Quando si verifica l'operazione di rollback, SQL Server non consente di scrivere nel file di log.
SleepAfter5Sospensione dopo ogni ciclo, in millisecondi

Sezione AuditUser

L'utilità eseguita da SQLIOSim i valori che specificano in AuditUser sezione per simulare l'attività DBCC per leggere e controllare le informazioni relative alla pagina. Convalida si verifica anche se il valore del parametro UserCount è impostato su 0.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
UserCount2Numero di thread di controlloIl valore non può superare il valore seguente:
CPUCount * 1023-100
Il numero totale di tutti gli utenti inoltre non può superare questo valore. Il valore 0 significa che è possibile creare utenti di accesso casuale. Il valore -1 significa che è necessario utilizzare la configurazione automatica del seguente valore:
Min (CPUCount * 2, 8)
Nota Un sistema di SQL Server può disporre di migliaia di sessioni. La maggior parte delle sessioni sono privi di richieste attive. Utilizzare la funzione di count(*) nelle query eseguite sys.dm_exec_requests DMV come punto di partenza per stabilire il valore del parametro di test.

Qui CPUCount fa riferimento al valore del parametro CPUCount nella sezione di configurazione.

Il valore min(CPUCount*2, 8) determina il minore tra i valori compresi tra CPUCount * 2 e 8.
BuffersValidated64
DelayAfterCycles2Applicare il parametro AuditDelay , una volta completato il numero di cicli di BuffersValidated
AuditDelay200Numero di millisecondi di attesa dopo ogni operazione di DelayAfterCycles

Sezione ReadAheadUser

L'utilità SQLIOSim accetta i valori specificati nella sezione ReadAheadUser per simulare l'attività di lettura-ahead di SQL Server. SQL Server si avvale dell'attività di lettura-ahead per ottimizzare le funzionalità dei / o asincrono e limitare i ritardi di query.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
UserCount2Numero di thread di lettura in avantiIl valore non può superare il valore seguente:
CPUCount * 1023-100
Il numero totale di tutti gli utenti inoltre non può superare questo valore. Il valore 0 significa che è possibile creare utenti di accesso casuale. Il valore -1 significa che è necessario utilizzare la configurazione automatica del seguente valore:
Min (CPUCount * 2, 8)
Nota Un sistema di SQL Server può disporre di migliaia di sessioni. La maggior parte delle sessioni sono privi di richieste attive. Utilizzare la funzione di count(*) nelle query eseguite sys.dm_exec_requests DMV come punto di partenza per stabilire il valore del parametro di test.

Qui CPUCount fa riferimento al valore del parametro CPUCount nella sezione di configurazione.

Il valore min(CPUCount*2, 8) determina il minore tra i valori compresi tra CPUCount * 2 e 8.
BuffersRAMin32Numero minimo di pagine da leggere per cicloIl valore minimo è 0. Il valore massimo è limitato dalla memoria di sistema.
BuffersRAMax64Numero massimo di pagine da leggere per cicloEdizioni di SQL Server Enterprise è in grado di leggere fino a 1.024 pagine in una singola richiesta. Se si installa SQL Server in un computer con grandi quantità di CPU, memoria e risorse disco, si consiglia di aumentare la dimensione del file e la lettura in avanti.
DelayAfterCycles2Applicare il parametro RADelay , una volta completato il numero specificato di cicli
RADelay200Numero di millisecondi di attesa dopo ogni operazione di DelayAfterCycles

Sezione BulkUpdateUser

L'utilità SQLIOSim utilizza i valori specificati nella sezione BulkUpdateUser per simulare operazioni di massa, SELECT... SULLE operazioni e le operazioni di inserimento di massa.
ParametroValore predefinitoDescrizioneCommenti
UserCount-1Numero di thread di aggiornamento di massaIl valore non può superare il valore seguente:
CPUCount * 1023-100
Il valore -1 significa che è necessario utilizzare la configurazione automatica del seguente valore:
Min (CPUCount * 2, 8)
Nota Un sistema di SQL Server può disporre di migliaia di sessioni. La maggior parte delle sessioni sono privi di richieste attive. Utilizzare la funzione di count(*) nelle query eseguite sys.dm_exec_requests DMV come punto di partenza per stabilire il valore del parametro di test.

Qui CPUCount fa riferimento al valore del parametro CPUCount nella sezione di configurazione.

Il valore min(CPUCount*2, 8) determina il minore tra i valori compresi tra CPUCount * 2 e 8.
BuffersBUMin64Numero minimo di pagine da aggiornare per ogni ciclo
BuffersBUMax128Numero massimo di pagine per l'aggiornamento per ogni cicloIl valore minimo è 0. Il valore massimo è limitato dalla memoria di sistema.
DelayAfterCycles2Applicare il parametro BUDelay , una volta completato il numero specificato di cicli
BUDelay10Numero di millisecondi di attesa dopo ogni operazione di DelayAfterCycles

Sezione ShrinkUser

L'utilità eseguita da SQLIOSim i valori specificati nella sezione ShrinkUser per simulare DBCC ridurre le operazioni. L'utilità di SQLIOSim è inoltre possibile utilizzare la sezione ShrinkUser per ingrandire il file.
ParametroValore predefinitoDescrizione
MinShrinkInterval120Intervallo minimo tra le operazioni di compattazione, in secondi
MaxShrinkInterval600Intervallo massimo tra le operazioni di compattazione, in secondi
MinExtends1Numero minimo di incrementi in base al quale l'utilità SQLIOSim verrà aumento o la riduzione il file
MaxExtends20Numero massimo di incrementi in base al quale l'utilità SQLIOSim verrà aumento o la riduzione il file

Commenti di file di configurazione ini

Il punto e virgola (;) all'inizio di una riga di configurazione con estensione ini file fa sì che la riga venga gestita come un singolo commento.

Creazione del file.

L'utilità di SQLIOSim crea file di dati distinti e i file di registro per simulare i modelli dei / o di SQL Server genera nel relativo file di dati e nel relativo file di log. L'utilità di SQLIOSim non utilizza il motore di SQL Server per eseguire attività di stress. Pertanto, è possibile utilizzare l'utilità SQLIOSim per eseguire il test di un computer prima di installare SQL Server.

Quando si esegue l'utilità SQLIOSim, assicurarsi di specificare il percorso del file stesso che è possibile utilizzare per i file di database di SQL Server. Quando si esegue questa operazione, l'utilità simula lo stesso percorso i/o del database di SQL Server.

È possibile attivare l'attributo di compressione o l'attributo di crittografia per i file di test esistenti. È inoltre possibile attivare questi attributi per la directory esistente in cui verranno creati i file di test. Le opzioni per abilitare questi attributi corrispondenti si trovano nella finestra di dialogo proprietà di un file o di una directory.

Per impostazione predefinita, l'utilità SQLIOSim crea i file di test con le estensioni di file MDX e .ldx. Di conseguenza, questi file non sovrascrivere i dati esistenti e i file di log.

Avviso Non specificare i file di database di SQL Server effettivi per il test. L'utilità SQLIOSim sovrascriverà i dati con modelli di test casuali e dati effettivi di SQL Server andranno persi.

La gestione e il log degli errori SQLIOSim

L'utilità di SQLIOSim crea il file registro errori in uno dei seguenti percorsi:
  • Il percorso specificato nel – log parametro di avvio
  • Il percorso specificato nel ErrorFile = riga nel file Sqliosim.cfg.ini
Il log degli errori SQLIOSim.log.xml contiene dettagli sull'esecuzione. Questi dettagli includono informazioni sull'errore. Esaminare il registro con attenzione per informazioni sull'errore e per informazioni sull'avviso.

Nota Se si verifica un errore nell'utilità SQLIOSim, si consiglia di contattare il produttore dell'hardware per determinare la causa principale del problema.

Più copie

L'utilità SQLIOSim supporta la verifica a livello di file più e più a livello utente. L'utilità di SQLIOSim non richiede più richiami. Tuttavia, l'utilità SQLIOStress richiede più richiami. È possibile eseguire più copie dell'utilità SQLIOSim se sono vere le seguenti condizioni:
  • Test dei file univoco per ogni istanza dell'utilità di fare riferimento a tutte le copie.
  • Il parametro MaxMemoryMB di ogni istanza sono disponibili per un memoryregion non sovrapposte è sufficiente per ogni istanza.
La somma del parametro MaxMemoryMB per ogni istanza deve essere minore o uguale alla memoria fisica totale. Alcune fasi di testing, ad esempio simulazione del punto di arresto, possono essere molta memoria e possono creare condizioni di memoria esaurita durante l'esecuzione di più copie. Se si verificano errori di esaurimento della memoria, è possibile ridurre il numero di copie di utilità in esecuzione.

File di configurazione di esempio

Oltre al file Sqliosim.cfg.ini impostazione predefinita, il pacchetto fornisce i file di esempio riportato di seguito.
File di esempioDescrizioneParametri diversi dai file di configurazione predefinito
Sqliosim.hwcache.cfg.iniRidurre al minimo letture

I file vengono effettuati piccoli di mantenere completamente nella memoria

Nessun letture sequenziali
Per AuditUser della sezione e per la ReadAheadUser sezione:

CacheHitRatio = 10000
UserCount = 0
Sqliosim.nothrottle.cfg.iniRimuovere la limitazione dei / o

Ridurre al minimo il tempo di attesa per aumentare il volume dei / o
TargetIODuration = 1000000
AuditDelay = 10
RADelay = 10
Sqliosim.seqwrites.cfg.iniRidurre al minimo letture

I file vengono effettuati piccoli di mantenere completamente nella memoria

I file vengono resi non compattabile

Nessun letture sequenziali

Nessun accesso casuale

Aggiornamento di massa in grandi blocchi senza ritardi
Compattabile = FALSE

Per la sezione AuditUser, per la sezione ReadAheadUser e per la sezione RandomUser:

CacheHitRatio = 10000
ForceReadAhead = FALSE
BuffersBUMin = 600
BuffersBUMax = 1000
BUDelay = 1
UserCount = 0
Sqliosim.sparse.cfg.iniUtilizzare solo 32 MB di memoria

Verificare la durata dei / o di destinazione sufficientemente grande da consentire molte richieste i/o in attesa

Disattiva dispersione/raccolta API per l'emissione di richieste dei / o separate per ogni pagina di 8 KB

Creare un file di 1 GB non compattabile

Creare un flusso sparse secondario non compattabile 1 GB nel file
MaxMemoryMB = 32
TestCycles = 3
TestCycleDuration = 600
TargetIODuration = 10000
UseScatterGather = FALSE

[File1]
FileName=sqliosim.mdx
InitialSize = 1000MaxSize = 1000
Incremento = 10
Compattabile = FALSE
LogFile = FALSE
Sparse = FALSE

[File2]
FileName=sqliosim.ldx
InitialSize = 50
MaxSize = 50
Incremento = 0
Compattabile = FALSE
LogFile = TRUE
Sparse = FALSE

[File3]
FileName=sqliosim.mdx:replica
InitialSize = 1000
MaxSize = 1000
Incremento = 10
Compattabile = FALSE
LogFile = FALSE
Sparse = TRUE
Riferimenti

SQLIOSim SQLIOStress SQL70IOStress

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 231619 - Ultima revisione: 05/12/2015 04:48:00 - Revisione: 5.0

Microsoft SQL Server 2008 R2 Enterprise, Microsoft SQL Server 2008 R2 Standard, Microsoft SQL Server 2008 R2 Developer, Microsoft SQL Server 2008 R2 Workgroup, Microsoft SQL Server 2008 R2 Express, Microsoft SQL Server 2008 R2 Web, Microsoft SQL Server 2008 Enterprise, Microsoft SQL Server 2008 Standard, Microsoft SQL Server 2008 Developer, Microsoft SQL Server 2008 Workgroup, Microsoft SQL Server 2008 Express, Microsoft SQL Server 2008 Web, Microsoft SQL Server 2005 Enterprise Edition, Microsoft SQL Server 2005 Standard Edition, Microsoft SQL Server 2005 Developer Edition, Microsoft SQL Server 2005 Workgroup Edition, Microsoft SQL Server 2005 Express Edition, Microsoft SQL Server 2000 Standard Edition, Microsoft SQL Server 7.0 Standard Edition, Microsoft SQL Server 2012 Analysis Services, Microsoft SQL Server 2012 Business Intelligence, Microsoft SQL Server 2012 Developer, Microsoft SQL Server 2012 Enterprise, Microsoft SQL Server 2012 Express, Microsoft SQL Server 2012 for Embedded Systems, Microsoft SQL Server 2012 Parallel Data Warehouse Beta, Microsoft SQL Server 2012 Service Pack 1, Microsoft SQL Server 2012 Service Pack 2, Microsoft SQL Server 2012 Standard, Microsoft SQL Server 2012 Web, SQL Server 2012 Enterprise Core, SQL Server 2012 Reporting Services, Microsoft SQL Server 2014 Business Intelligence, Microsoft SQL Server 2014 Developer, Microsoft SQL Server 2014 Enterprise, Microsoft SQL Server 2014 Enterprise Core, Microsoft SQL Server 2014 Express, Microsoft SQL Server 2014 Service Pack 1, Microsoft SQL Server 2014 Standard, Microsoft SQL Server 2014 Web, SQL Server 2014 Reporting Services

  • kbdownload kbhowtomaster kbmt KB231619 KbMtit
Feedback
ody>eateElement('meta');m.name='ms.dqp0';m.content='true';document.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(m);" onload="var m=document.createElement('meta');m.name='ms.dqp0';m.content='false';document.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(m);" src="http://c1.microsoft.com/c.gif?">