OL2000: Problemi noti con l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato con il codice di riferimento I262634
Questo articolo è stato archiviato. L’articolo, quindi, viene offerto “così come è” e non verrà più aggiornato.
Sommario
In questo articolo viene spiegato il modo in cui l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Microsoft Outlook influisce sul funzionamento dell'applicazione. Per ulteriori informazioni su altri tipi di problemi che si verificano una volta applicato l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook, vedere la sezione "Riferimenti".
Informazioni
L'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Microsoft Outlook modifica in modo significativo la modalità di gestione degli allegati da parte di Outlook, nonché il modo in cui vengono gestite le richieste di accesso a livello di programmazione. A causa della nuova progettazione, è possibile che caratteristiche o programmi che utilizzano una qualsiasi delle caratteristiche illustrate di seguito mostrino comportamenti diversi una volta installato l'aggiornamento per la protezione:
  • Allegati
  • Il modello oggetti di Outlook
  • Simple MAPI (Simple Messaging Application Programming Interface)
Per ulteriori informazioni sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Microsoft Outlook, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito (informazioni in lingua inglese):
262631OL2000: Informazioni sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
Per ulteriori informazioni sul modo in cui l'aggiornamento influisce sugli sviluppatori e sulle soluzioni personalizzate, fare clic sul numero dell'articolo della Knowledge Base riportato di seguito (informazioni in lingua inglese):
262701OL2000: Informazioni per gli sviluppatori sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
Una volta installato l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook, è possibile che varie caratteristiche dell'applicazione e diversi programmi integrati in Outlook comportino la visualizzazione di un messaggio di avviso che richiede di confermare l'operazione. Perché la caratteristica funzioni, è necessario confermare l'operazione. A meno che l'amministratore non abbia sovrascritto queste impostazioni predefinite, non sarà possibile modificare questo comportamento. In alcune situazioni è possibile che il completamento del caricamento della caratteristica risulti più lento a causa delle continue richieste di conferma dell'operazione.

Per evitare una rapida diffusione di virus quali ILOVEYOU, Microsoft ha deciso di limitare le caratteristiche che potrebbero potenzialmente essere utilizzate per scrivere virus in Outlook. Microsoft sta valutando le caratteristiche di protezione in Outlook e altre funzionalità di messaggistica generali per le future versioni dei prodotti Microsoft.

Stampa unione

Diverse caratteristiche di stampa unione generano messaggi di avviso della Rubrica se l'unione viene eseguita con le informazioni sui contatti di Outlook. È possibile consentire l'accesso alle informazioni della Rubrica per un massimo di 10 minuti e in questo periodo di tempo non verrà visualizzato alcun messaggio di avviso.

Stampa unione con posta elettronica o fax

Quando si crea una stampa unione con posta elettronica o fax utilizzando la cartella Contatti, in seguito sarà necessario utilizzare Microsoft Word per completare la stampa unione. Una volta avviata l'unione, verrà visualizzato un messaggio di avviso indicante il tentativo di accesso alla Rubrica da parte di un programma. È possibile consentire l'accesso per un massimo di 10 minuti e in questo periodo di tempo non verrà visualizzato alcun messaggio di avviso. Verrà comunque visualizzato un messaggio di avviso distinto per ciascun messaggio di posta elettronica inviato e sarà necessario aspettare cinque secondi prima di confermare il processo di invio. Se ad esempio viene generata una stampa unione con i messaggi di posta elettronica in corso di invio a 100 utenti, saranno necessari più di otto minuti e ciascun messaggio dovrà essere approvato ogni 5 secondi. Si tratta di una limitazione della progettazione corrente e sono in corso di valutazione miglioramenti per la successiva versione di Microsoft Office.

Cartelle del team

Le cartelle del team di Outlook utilizzano il modello oggetti di Outlook per diverse attività. Quando si utilizzano le cartelle del team, verrà chiesta conferma per l'accesso alle diverse attività, incluse l'impostazione delle autorizzazioni di accesso alle informazioni, l'invio di messaggi di posta elettronica e la creazione della cartella del team. Se si conferma l'accesso alla Rubrica e l'invio di messaggi di posta elettronica, la caratteristica Cartella del team funzionerà in modo corretto. Se invece si nega l'accesso, è possibile che venga visualizzato un messaggio di errore di script.

Digital dashboard

Le pagine HTML (Hypertext Markup Language) dei digital dashboard contengono in genere script. Se lo script fa riferimento a parti del modello oggetti di Outlook a cui vengono applicate restrizioni dall'aggiornamento per la protezione, quando si utilizza il digital dashboard verranno visualizzate richieste di conferma dell'accesso. Se si fa clic su No nelle finestre di dialogo di conferma, le pagine del digital dashboard non funzioneranno correttamente perché non dispongono della gestione degli errori per questo nuovo comportamento.

Inviti di cartelle di rete

Quando si invia una nuova sottoscrizione, è possibile che venga visualizzato un messaggio di avviso della Rubrica. Anche nei computer degli altri utenti viene visualizzato un messaggio di avviso della Rubrica alla ricezione della richiesta di una nuova sottoscrizione. La caratteristica Cartella di rete funziona in modo corretto anche se viene visualizzato un messaggio di avviso.

Spazio al posto dell'allegato

Se si utilizzano messaggi di posta elettronica di Outlook in formato RTF, gli allegati vengono inclusi all'interno del testo del messaggio. Quando in Outlook viene bloccato un allegato, al suo posto verrà lasciato uno spazio.

Inoltro di allegati non sicuri

Se si inoltra un messaggio con un allegato non sicuro o di Livello 1, l'allegato non verrà incluso. Questo comportamento è legato a caratteristiche di progettazione.

Rimozione degli allegati non sicuri

Per rimuovere un allegato non sicuro da un messaggio di posta elettronica in modo che l'allegato non utilizzi uno spazio di archiviazione superiore al necessario, inoltrare il messaggio a se stessi. Il messaggio inoltrato non conterrà l'allegato e sarà quindi possibile eliminare il messaggio originale per recuperare lo spazio di archiviazione.

Voci del Diario e moduli personalizzati

Nella parte superiore delle voci del Diario o dei moduli personalizzati di Outlook non vengono visualizzati messaggi di avviso. Per questo motivo non viene visualizzato alcun avviso relativo al blocco dell'accesso agli allegati da parte di Outlook.

Informazioni limitate a quattro righe nella parte superiore del messaggio

Quando si apre un messaggio di posta elettronica, se sono incluse più di quattro righe visualizzate nella parte superiore ed è presente un allegato non sicuro, non verrà visualizzato alcun messaggio di informazione nella parte superiore del messaggio.

Limitazioni nella richiesta di attività e riunioni

Se si utilizzano richieste di attività o di riunioni e l'attività o l'appuntamento contiene un allegato non sicuro, il messaggio di avviso di Outlook visualizzato nella parte superiore dell'elemento verrà aggiornato per indicare che l'accesso all'allegato è stato bloccato. Questo comportamento rappresenta una limitazione nota relativa in modo specifico ai moduli di richiesta di riunioni e attività. È inoltre possibile notare comportamenti incoerenti con gli allegati, indipendentemente dal fatto che un allegato non sicuro venga spesso bloccato quando si utilizzano richieste di riunioni e attività. Queste limitazioni derivano dall'architettura di Outlook e dai moduli di richiesta.

Modifica del percorso di installazione "Esecuzione da"

Se Outlook è stato installato per l'esecuzione locale, è stato applicato l'aggiornamento per la protezione ed è stata scelta l'opzione di esecuzione dal server per modificare l'impostazione di Outlook e consentirne l'esecuzione dal server, la serie di caratteristiche di aggiornamento per la protezione non sarà disponibile e non sarà possibile applicare nuovamente l'aggiornamento. In questo caso sarà quindi necessario modificare l'impostazione di esecuzione e selezionare l'esecuzione locale utilizzando il programma di installazione di Office o Outlook.

Impossibile eseguire VBScript nei file modello (oft)

Se si apre un file modello (oft) di un elemento di Outlook contenente uno script, lo script verrà disattivato e non verrà visualizzato il messaggio di avviso di attivazione o disattivazione della macro. Si tratta di una caratteristica dell'aggiornamento per la protezione. Per ripristinare questa funzionalità, è necessario che l'amministratore configuri il computer in modo che venga chiesto di eseguire o meno lo script.

Comportamento di Anteprima

È possibile utilizzare la caratteristica Anteprima di Windows per visualizzare il contenuto degli allegati indipendentemente dai tipi di file aggiunti all'elenco di Livello 2. Non è tuttavia possibile aprire gli allegati in questo modo.

Impostazioni dell'ora non condivise da Simple MAPI, Outlook e CDO

Poiché questi tre modelli oggetti o API vengono eseguiti in processi distinti, mantengono tutti impostazioni indipendenti quando agli utenti viene chiesto di consentire l'accesso per un periodo di tempo specifico. Se ad esempio un modulo personalizzato di Outlook contiene codice VBScript (Visual Basic Scripting Edition) che utilizza sia i modelli oggetti Outlook che CDO (Oggetti dati di collaborazione), all'utente verrà chiesto due volte di specificare la durata di utilizzo del modello oggetto, ovvero una per ciascun modello oggetto.

Reimpostazione delle richieste di protezione al riavvio di Outlook

Se Outlook viene chiuso e successivamente riavviato, verrà visualizzata un'altra richiesta di conferma dell'accesso al modello oggetti di Outlook nel caso in cui venga richiesto da un altro programma. Quando si consente l'accesso al modello oggetti di Outlook, questa informazione non viene memorizzata nel computer. Al riavvio di Outlook verrà pertanto visualizzata un'altra richiesta di conferma dell'accesso quando un programma richiederà di accedere al modello oggetti.

Oggetti dati di collaborazione (CDO)

CDO è un altro modello oggetti utilizzabile per inviare virus tramite posta elettronica. Con l'aggiornamento di Microsoft Outlook 98, CDO viene rimosso dal sistema per evitare questo rischio. L'aggiornamento di Outlook 2000 non consente invece di rimuovere CDO. Per questo motivo, si consiglia di disinstallare CDO manualmente utilizzando il programma di installazione di Outlook o Office.

Impossibile riattivare il pulsante Invia

Con questo aggiornamento viene limitato l'utilizzo dell'oggetto CommandBars in modo che il pulsante Invia non possa essere scelto dall'oggetto a livello di programmazione. Non è disponibile alcuna opzione amministrativa che consenta di rimuovere questa restrizione. Per aggirare il problema, è possibile modificare le opzioni relative all'invio di messaggi di posta elettronica a livello di programmazione utilizzando il metodo Send.

Utilizzo della lista di distribuzione nel modulo di protezione di Outlook

Se si immettono liste di distribuzione nella casella Membri del modulo di protezione di Outlook, le impostazioni di protezione non verranno applicate a ciascun utente della lista. Per garantire il corretto funzionamento delle impostazioni di protezione, sarà quindi necessario aggiungere gli utenti singolarmente.

Applicazione del timer del modello oggetti ai pulsanti Sì e No

Quando un programma tenta di accedere alla Rubrica e si seleziona la casella di controllo che consente l'accesso per 10 minuti, se successivamente si fa clic su No nella finestra di dialogo l'accesso alle informazioni non sarà consentito per 10 minuti. Il timer viene comunque applicato sia che si scelga il pulsante o il pulsante No nella finestra di dialogo.

Nome file non visualizzato nella parte superiore del messaggio di posta elettronica

Una volta aggiunto un allegato non sicuro a un messaggio di posta elettronica, è possibile modificarne le proprietà prima di procedere all'invio. Questa operazione comporta la modifica del nome del file visualizzato nel messaggio di posta elettronica, benché l'allegato non venga di fatto rinominato. Quando un altro utente riceve il messaggio, l'allegato non risulterà disponibile. Il messaggio di informazione nella parte superiore del messaggio di posta elettronica non mostra tuttavia il nome reale del file allegato, bensì il nome del file impostato dal mittente.
Riferimenti
Per ulteriori informazioni sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportati di seguito (informazioni in lingua inglese):
262631OL2000: Informazioni sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
262701OL2000: Informazioni per gli sviluppatori sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
263297OL2000: Informazioni per amministratori sull'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
262634OL2000: Problemi noti con l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
264567OL2000: Problemi noti di installazione con l'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
264128OL2000: Problemi noti di interoperabilità dell'aggiornamento per la protezione della posta elettronica di Outlook
264130 OL2000: Known Third-Party Issues with the Outlook E-mail Security Update
OL2K
Proprietà

ID articolo: 262634 - Ultima revisione: 01/12/2015 16:49:19 - Revisione: 1.0

  • Microsoft Outlook 2000 Standard Edition
  • kbnosurvey kbarchive kbprb kbpending KB262634
Feedback