Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

Il tuo browser non è supportato

Devi aggiornare il browser per usare il sito.

Esegui l'aggiornamento all'ultima versione di Internet Explorer

Gli utenti non è più possono firmare in dopo l'esecuzione del cmdlet MSOLDomaintoFederated convert per convertire un dominio esistente

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 2662960
PROBLEMA
Durante l'installazione del servizio single sign-on (SSO) in un servizio cloud di Microsoft Office 365, Microsoft Azure o Windows Intune, è possibile eseguire il cmdletMSOLDomaintoFederated convert per convertire un dominio esistente dall'autenticazione standard di autenticazione federata. Tuttavia, una volta fatto questo, gli utenti che sono associati a tale dominio non è più possono accedere al servizio di cloud.
CAUSA
Questo problema si verifica se SSO non è impostato correttamente o se il programma di installazione non verrà completata.

Avviso. È consigliabile Microsoft presentano sempre l'ID utente almeno un amministratore che ha associato con il dominio predefinito in modo che l'accesso amministrativo per l'organizzazione non è persa se SSO viene compromesso.
SOLUZIONE
Per risolvere questo problema, utilizzare uno dei metodi seguenti, a seconda della situazione.

Metodo 1: Risoluzione dei problemi di installazione SSO

Utilizzare questo metodo solo se tutte le seguenti condizioni sono vere:
  • Il problema non è causato da un'interruzione del servizio.
  • Non è necessario ripristinare immediatamente accesso utente.
Per diagnosticare e risolvere i problemi di installazione SSO, vedere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
2530569Risoluzione dei problemi di installazione del servizio single sign-on in Office 365, Windows Intune o Azure

Metodo 2: Ripristinare la federazione di dominio all'autenticazione standard se il server ADFS non è disponibile

Utilizzare questo metodo solo se tutte le seguenti condizioni sono vere:
  • Il problema è causato da un'interruzione del servizio che richiede il ripristino immediatamente accesso utente.
  • Il server ADFS non è disponibile.
Se queste condizioni sono vere, ripristinare le impostazioni di autenticazione per il dominio e per ogni account utente per utilizzare l'autenticazione standard. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
  1. Avviare il modulo di Azure Active Directory per Windows PowerShell. A tale scopo, fare clic suStart, fare clic su tutti i programmi, fare clic su Active Directory di Windows Azure, destro del mouse su Windows Azure Active Directory Module per Windows PowerShelle quindi fare clic su Esegui come amministratore.
  2. Per convertire il dominio, eseguire i seguenti comandi nell'ordine in cui sono presentate. Premere INVIO dopo ciascun comando.
    1. $cred = Get-Credential
      Quando viene richiesto, immettere le credenziali di amministratore di servizio cloud, non sono abilitati per SSO.
    2. Connect-MsolService –credential $cred
    3. Set-MSOLDomainAuthentication -Authentication Managed -DomainName <federated domain name>
      Nota. In questo comando, il segnaposto <federated domain="" name="">rappresenta il nome del dominio per il quale non funziona SSO.</federated>
  3. Per ogni utente che dispone di un suffisso di nome principale (UPN) utente che ha associato al dominio, eseguire il comando riportato di seguito:
    Convert-MSOLFederatedUser -UserPrincipalName <string>
    Nota. In questo comando, il segnaposto <string>rappresenta il valore di UPN per l'utente che si sta convertendo.</string>
ULTERIORI INFORMAZIONI
Importante In scenari in cui l'ultimo amministratore di organizzazione di servizi cloud Microsoft viene assegnato il suffisso di dominio del dominio federato e in cui tale amministratore diventa abilitato SSO, i successivi errori ADFS limiteranno l'esecuzione del cmdletMSOLService connettersi e potrebbero impedire il monitoraggio e aggiornamento dei problemi SSO. È una procedura consigliata che Microsoft cloud services gli amministratori dell'organizzazione sempre mantenere almeno un account di amministratore globale non è abilitato per consentire la risoluzione dei problemi SSO utilizzando la Azure Active Directory Module per Windows PowerShell SSO.

Se si verifica questo problema, contattare il supporto Microsoft per la federazione di dominio temporaneamente invertita in modo che l'amministratore (che non è più abilitato SSO) può riottenere l'accesso per la risoluzione dei problemi relativi al servizio SSO.

Ulteriore assistenza? Vai al Community di Office 365sito Web o ilForum di Azure Active Directory .

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 2662960 - Ultima revisione: 06/26/2014 09:30:00 - Revisione: 19.0

  • Microsoft Azure
  • Microsoft Office 365
  • Microsoft Office 365 for enterprises (pre-upgrade)
  • Microsoft Office 365 for education  (pre-upgrade)
  • CRM Online via Office 365 E Plans
  • Microsoft Azure Recovery Services
  • Office 365 Identity Management
  • o365 o365a o365022013 after upgrade o365062011 pre-upgrade o365e o365m kbmt KB2662960 KbMtit
Feedback
=4050&did=1&t=">.appendChild(m);" src="http://c1.microsoft.com/c.gif?"> > + (window.location.protocol) + "//c.microsoft.com/ms.js'><\/script>");