"Impossibile ricevere FederationInformation" e "405 metodo non consentito" errori in una distribuzione di ibridi di Office 365 e l'ambiente locale

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 2773628
Nota La procedura guidata Configurazione ibrida inclusa in di Exchange Management Console in Microsoft Exchange Server 2010 non è più supportata. Pertanto, è non devono più utilizzare la procedura guidata Configurazione ibrida precedente. Utilizzare invece la procedura guidata di configurazione di Office 365 ibrida disponibile alla http://aka.ms/HybridWizard. Per ulteriori informazioni, vedere Office 365 ibrida configurazione guidata di Exchange 2010.
PROBLEMA
In una distribuzione di ibridi di Exchange Online in Office 365 e l'ambiente di Exchange Server 2010 locale, si verifichi uno o più dei seguenti sintomi:
  • Quando si crea la relazione organizzazione dall'organizzazione di Office 365 utilizzando l'opzione di individuazione automatica, è visualizzato il seguente messaggio di errore:
    Informazioni di federazione potrebbero non essere ricevute dall'organizzazione esterna
  • Quando un utente di Office 365 tenta di individuare le informazioni sulla disponibilità per un utente locale, non viene visualizzata alcuna informazione sulla disponibilità.
  • Quando si esegue il Get-FederationInformationCmdlet di Windows PowerShell, è visualizzato il seguente messaggio di errore:
    Errore HTTP
    405 metodo non consentito
Quando si visualizzano i registri Internet Information Services (IIS) nella cartella C:\Inetpub\logs del server locale Exchange 2010 ibrido, viene visualizzato un errore 405 per la connessione all'endpoint di tipo associato. Gli endpoint sono i seguenti:
  • L'endpoint di spostamento di cassette postali è MrsProxy.svc.
  • L'endpoint di individuazione automatica è Autodiscover.svc.
La voce di errore nel Registro di IIS può ad esempio, simile al seguente:
<Date><Time>10.10.10.1 POST /EWS/mrsproxy.svc - 443 test\admin 10.10.10.12 - 405 0 1 15</Time></Date>
CAUSA
Questo problema si verifica se la configurazione di IIS non è presente il mapping del gestore integrata svc. Nella schermata che segue mostra un esempio di mapping del gestore svc integrata in IIS:

Schermata di configurazione di IIS, evidenziata svc integrata
SOLUZIONE
Per risolvere il problema, in Gestione Internet Information Services (IIS), verificare i mapping del gestore a livello di server:
  • Se manca il mapping del gestore integrata svc, passare al metodo 1.
  • Se il mapping del gestore integrata svc è presente, passare al metodo 2

Metodo 1: Reinstallare il mapping del gestore in IIS

Nota Prima di questa procedura, eseguire il backup della configurazione di IIS.

Eseguire il comando ServiceModelReg.exe – r per reinstallare il mapping del gestore in IIS. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
  1. Il server di Exchange 2010 ibrido, aprire una finestra del prompt dei comandi e quindi passare alla cartella seguente:
    C:\Windows\Microsoft.Net\Framework\v3.0\Windows Communication Foundation
  2. Digitare il comando seguente e premere INVIO:
    ServiceModelReg.exe –r
    Nota Potrebbe essere necessario riavviare IIS dopo aver eseguito questo comando.

Metodo 2: Verificare i mapping del gestore a livello di server

  1. In Gestione IIS, espandere sito Web predefinitoe quindi selezionare la directory virtuale individuazione automatica.
  2. Aprire il mapping del gestore.
    • Se il mapping del gestore integrata svc è presente, andare al passaggio 8.
    • Se manca il mapping del gestore integrata svc, andare al passaggio 3.
  3. Il backup del file Web. config nella directory virtuale individuazione automatica.
  4. Nel riquadro Azioni , fare clic su Ripristina padree quindi fare clic su per confermare.
  5. Confermare che il mapping del gestore svc integrata nella directory virtuale individuazione automatica.
  6. Reimpostare la directory virtuale individuazione automatica. A tale scopo, aprire Exchange Management Shell ed eseguire i seguenti comandi:
    Remove-AutodiscoverVirtualDirectory “<ServerName>\Autodiscover (Default Web Site)”
    New-AutodiscoverVirtualDirectory -WebSiteName "Default Web Site" -WSSecurityAuthentication:$True
  7. Copiare i gestori dal file Web. config di backup e quindi incollarle nel file Web. config. I gestori devono trovarsi all'interno di <system.webServer></system.webServer> e > tag del file Web. config.

    Come minimo, il file Web. config deve contenere i seguenti gestori:
    <handlers>      <add name="AutodiscoverAsmxHandler" path="*.asmx" verb="*" type="System.ServiceModel.Activation.HttpHandler, System.ServiceModel, Version=3.0.0.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=b77a5c561934e089" preCondition="integratedMode,runtimeVersionv2.0" />      <add name="AutodiscoverXMLHandler" path="*.xml" verb="POST" type="System.ServiceModel.Activation.HttpHandler, System.ServiceModel, Version=3.0.0.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=b77a5c561934e089" preCondition="integratedMode,runtimeVersionv2.0" />      <add name="AutodiscoverDiscoveryLegacyHandler" path="*.xml" verb="GET" type="Microsoft.Exchange.Autodiscover.WCF.LegacyHttpHandler, Microsoft.Exchange.Autodiscover, Version=14.0.0.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=31bf3856ad364e35" preCondition="integratedMode,runtimeVersionv2.0" />      <add name="AutodiscoverDiscoveryHandler" path="*.svc" verb="GET" type="Microsoft.Exchange.Autodiscover.WCF.AutodiscoverDiscoveryHttpHandler, Microsoft.Exchange.Autodiscover, Version=14.0.0.0, Culture=neutral, PublicKeyToken=31bf3856ad364e35" preCondition="integratedMode,runtimeVersionv2.0" />    </handlers> 
  8. Riavviare IIS. A tale scopo, eseguire iisreset /noforce al prompt dei comandi.
ULTERIORI INFORMAZIONI
Quando si verifica questo problema, è possibile notare che le altre connessioni al server di accesso Client (CA), ad esempio quando si imposta i profili utente tramite il servizio di individuazione automatica, non sono interessate. Ciò avviene perché questa operazione non utilizza l'endpoint svc. Qualsiasi connessione che utilizza l'endpoint svc non funziona in questa situazione, ma altri endpoint in genere non vengono toccati.

Ulteriore assistenza? Vai al Community di Office 365sito Web o ilForum TechNet di Exchange.

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 2773628 - Ultima revisione: 04/26/2016 01:16:00 - Revisione: 8.0

Microsoft Exchange Online, Microsoft Exchange Server 2010 Enterprise, Microsoft Exchange Server 2010 Standard

  • o365 kbgraphxlink o365a o365e hybrid o365m o365022013 kbgraphic kbmt KB2773628 KbMtit
Feedback