Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

Correzione: Non è possibile utilizzare un qualificatore non standard nell'accordo e identità per un'estensione dello schema del servizio EDIFACT in BizTalk Server

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 2976004
Sintomi
Si supponga che si implementa uno scambio di Electronic data interchange (EDI) in Microsoft BizTalk Server. Per utilizzare un qualificatore non standard per il partner commerciale, effettuare le seguenti:

  • Creare un nuovo progetto di Visual Studio BizTalk.
  • Aggiungere l'estensione dello schema EDIFACT servizio fornito da Setup.By di BizTalk Server predefinito, questo schema viene salvato nel percorso seguente:

    C:\Program Files\Microsoft BizTalk Server nnnn\XSD_Schema\EDI
    Nota In questo percorso, nnnnè il numero di versione di BizTalk Server installato. Il nome dello schema è "Edifact_ServiceSchemaExtension.xsd".
  • Aprire lo schema e quindi aggiungere il valore desiderato per i segmenti UNB2.2 e UNB3.2. Ad esempio, aggiungere "ZZ" come valore.
  • Distribuire lo schema.
  • Creare un nuovo destinatario di terze parti utilizzando un nuovo profilo e una nuova identità, come segue:

    • Creare una nuova identità utilizzando l'enumerazione personalizzata ("ZZ," come specificato nel passaggio 3).
    • Creare un contratto utilizzando l'identità appena creato ("ZZ").
  • Creare un nuovo mittente di terze parti utilizzando un nuovo profilo e una nuova identità.
  • Creare un nuovo contratto tra le due parti.
  • Nell'accordo, impostare UNB2.2 e UNB3.2 come "ZZ".
In questo caso, è che venga visualizzato il seguente messaggio di errore:

Un'identità QualifierIdentity:ZZ: Destinatario è già presente nel profilo. (Microsoft.BizTalk.B2B.PartnerManagement).
Risoluzione

Informazioni sull'aggiornamento cumulativo

La correzione che risolve questo problema è inclusa in Aggiornamento cumulativo 3 per BizTalk Server 2013 e in Aggiornamento cumulativo 1 per per BizTalk Server 2013 R2.
Status
Microsoft ha confermato che questo è un problema per i prodotti Microsoft elencati nella sezione "Si applica a".
Riferimenti
Per informazioni sui service pack e un elenco di aggiornamento cumulativo per BizTalk Server, vedere KB 2555976: Service pack e l'elenco di aggiornamento cumulativo di BizTalk Server.

Per ulteriori informazioni sugli aggiornamenti rapidi di BizTalk Server, vedere KB 2003907: Informazioni sugli aggiornamenti rapidi di BizTalk e il supporto di Service Pack.

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 2976004 - Ultima revisione: 10/10/2015 21:18:00 - Revisione: 1.0

Microsoft BizTalk Server 2013 R2 Enterprise, Microsoft BizTalk Server 2013 R2 Branch, Microsoft BizTalk Server 2013 R2 Developer, Microsoft BizTalk Server 2013 R2 Standard, Microsoft BizTalk Server 2013 Branch, Microsoft BizTalk Server 2013 Developer, Microsoft BizTalk Server 2013 Enterprise, Microsoft BizTalk Server 2013 Standard

  • kbqfe kbfix kbsurveynew kbexpertiseadvanced kbmt KB2976004 KbMtit
Feedback