Descrizione dello strumento il tempo di ritardo curatore oggetto

IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 3141939
Introduzione
Il Il tempo di ritardo curatore oggetto(LOL) è uno strumento per automatizzare il rilevamento e la rimozione di oggetti supplementari. Lo strumento utilizza il metodoDRSReplicaVerifyObjects, che viene raggiunto tramite il comandorepadmin /removelingeringobjects e lo strumento repldiagin combinazione con rootDSEremoveLingeringObjectprimitivo utilizzato da LDP. EXE

Prestazioni e disponibilità

  • Combina l'individuazione e la rimozione di oggetti supplementari in un'interfaccia.
  • Lo strumento è disponibile da Microsoft Connect.

Caratteristiche principali

  • Rimuove tutti gli oggetti supplementari in tutti i controller di dominio (DC) senza richiedere alcun intervento.
  • Esegue un (n * (n-1)) confronto tra ciascun controller di dominio nell'insieme di strutture.
  • Esegue il rilevamento della topologia, che consente di scegliere un controller di dominio da utilizzare per il confronto degli oggetti Lingering (origine e destinazione).
  • Un elenco di tempo di ritardo oggetti in un formato CSV file di esportazione, in modo da può essere modificato non in linea e quindi importarli nuovamente lo strumento per rimuovere gli oggetti se necessario (utile per le operazioni di rimozione avanzate).
  • Salva il contenuto dell'oggetto in un file di registro nel caso in cui un nuovo objectmust essere idrato dall'oggetto supplementari.

Requisiti di strumenti

  • Scaricare ed eseguire il tempo di ritardo curatore oggetto in un computer membro o controller di dominio nell'insieme di strutture che si desidera rimuovere gli oggetti in sospeso da.
  • Installare nel computer che esegue lo strumento Microsoft .NET Framework 4.5.
  • Autorizzazioni: L'account utente che esegue lo strumento necessario disporre di credenziali di amministratore di dominio per ciascun dominio nell'insieme di strutture in cui risiede il computer in esecuzione. I membri del gruppo Enterprise Administrators dispongono di credenziali di amministratore di dominio in tutti i domini all'interno di un insieme di strutture per impostazione predefinita. Le credenziali di amministratore di dominio sono sufficienti in un singolo dominio o un insieme di strutture di dominio singolo.
  • È necessario attivare la regola del firewall su qualsiasi controller di dominio che richiede la scansione del registro eventi gestione RPC (Remote). In caso contrario, lo strumento restituisce un "eccezione: il server RPC non è disponibile" errore.
    Regola del firewallEccezione di RPC
  • La liquidazione del tempo di ritardo gli oggetti in Active Directory Lightweight Directory Services (AD LDS / ADAM) ambienti non è supportato.

Procedura dettagliata

Oggetto residuo

Eseguire lo strumento come amministratore di dominio (o come amministratore dell'organizzazione se si desidera eseguire la scansione dell'intero insieme di strutture). Per eseguire questa procedura.

Nota Se lo strumento non viene eseguito come elevato, verrà visualizzato l'errore 8453.

Il tempo di ritardo curatore oggetto

  1. Nella sezioneRilevamento della topologia , selezionare veloce.

    Rapido rilevamento popola il Contesto dei nomi, Controller di dominio di riferimento, ed elenchi di Controller di dominio di destinazione eseguendo una query di controller di dominio locale. Rilevamento approfondito esegue una ricerca più approfondita di tutti i controller di dominio e si avvale di DC Locator e DSBindchiama. Si tenga presente che il rilevamento completo avrà probabilmente esito negativo se uno o più controller di dominio non sono raggiungibili.

  2. Di seguito sono riportati i campi nella scheda Oggetti supplementari :

    Contesto dei nomi

    Contesto dei nomi

    Controller di dominio di riferimento

    Questo è il controller di dominio si confronteranno al controller di dominio di destinazione. Il controller di dominio di riferimento contiene una copia scrivibile della partizione.

    Controller di dominio di riferimento

    Nota Vengono visualizzati tutti i domain controller della foresta, anche se non sono più adatti come controller di dominio (ChildDC2 un RODC e non è un controller di dominio di riferimento valido in quanto esso non ospita una copia scrivibile di un controller di dominio).

    Controller di dominio di destinazione

    Controller di dominio che gli oggetti in sospeso vengono rimossi dalla destinazione.

    Controller di dominio di destinazione

  3. Fare clic su rileva per utilizzare questi controller di dominio per il confronto o lasciare tutti i campi per eseguire la scansione dell'intero ambiente.

    Lo strumento esegue un confronto tra tutti i domain controller per tutte le partizioni in modo che quando tutti i campi sono vuoti. In un ambiente di grandi dimensioni, il confronto avrà una notevole quantità di tempo (eventualmente anche giorni) come destinazioni dell'operazione (n * (n-1)) indica il numero dei controller di dominio nell'insieme di strutture per tutti dagli localmente le partizioni. Per le operazioni più brevi e mirate, selezionare un contesto dei nomi, fare riferimento a controller di dominio e controller di dominio di destinazione. Il controller di dominio di riferimento deve contenere una copia modificabile del contesto di denominazione selezionato. Si noti che facendo clic suInterrompinon arrestano l'API lato server, si interrompe immediatamente il lavoro nello strumento lato client.

    Pulsante rileva

    Durante l'analisi, diversi pulsanti sono disattivati, e viene visualizzato il numero corrente di oggetti supplementari sulla barra di stato nella parte inferiore dello schermo, con lo stato corrente di strumento. Durante questa fase di esecuzione, lo strumento è in esecuzione in modalità di consulenza e leggere i dati del registro eventi viene registrati per ogni controller di dominio di destinazione.

    Numero corrente di oggetti supplementari

    Una volta completata la scansione, verranno nuovamente attivati gli aggiornamenti della barra di stato, pulsanti e viene visualizzato il numero totale di oggetti obsoleti. Riquadro dei risultati nella parte inferiore della finestra verrà aggiornato con eventuali errori rilevati durante l'analisi.

    Se viene visualizzato l'errore 1396 o 8440 nel riquadro di stato, si utilizza una versione precedente beta-anteprima dello strumento e occorre aggiornare alla versione più recente.
    • Se lo strumento utilizzato in modo errato un RODC come un controller di dominio di riferimento, viene registrato l'errore 1396.
    • Errore 8440 viene registrato quando il controller di dominio di riferimento mirato non ospita una copia scrivibile della partizione.


    Note sul metodo di individuazione il tempo di ritardo curatore oggetto
    • Utilizza il metodo DRSReplicaVerifyObjects in modalità consultivo.
    • Viene eseguito per tutti i domain controller e tutte le partizioni.
    • Raccoglie i residui oggetto evento ID 1946s e visualizza gli oggetti nel riquadro del contenuto principale.
    • Elenco può essere esportato in formato CSV per l'analisi non in linea (o modifica per l'importazione).
    • Supporta l'importazione e la rimozione di oggetti dall'importazione CSV (utilizzo per gli oggetti non rilevabili tramite DRSReplicaVerifyObjects).
    • Supporta la rimozione di oggetti modifica rootDSE removeLingeringobjects a DRSReplicaVerifyObjects e LDAP.


    Lo strumento utilizza il metodo Consultivo modalità esposto da DRSReplicaVerifyObjectsrepadmin /removelingeringobjects /Advisory_Mode e repldiag /removelingeringobjectsutilizzano entrambi. Oltre ai normali eventi relative a modalità consultivo connessi a ciascun controller di dominio, vengono visualizzati tutti gli oggetti supplementari all'interno del riquadro del contenuto principale.

    Visualizzazione di oggetti supplementari

    Nel riquadro risultati vengono registrati i risultati dell'analisi. Vengono registrati molti più dettagli di tutte le operazioni in ritardo di<Date-TimeStamp>. il file di log. txt nella stessa directory come lo strumento dell'eseguibile.

    Pulsante Esporta consente di esportare un elenco di tutti gli oggetti in sospeso elencati nel riquadro principale in un file CSV. Visualizzare il file in Excel, se necessario, modificare e utilizzare il pulsante Importa successivamente per visualizzare gli oggetti senza dover eseguire una nuova analisi. È utile se si scopre oggetti abbandonati (non rilevabili con DRSReplicaVerifyObjects) che è necessario rimuovere anche la funzionalità di importazione .

    Nota sugli oggetti supplementari temporanei:
    </Date-TimeStamp>
    Procedura di Garbage collection è un processo indipendente che viene eseguito su ogni controller di dominio ogni 12 ore per impostazione predefinita. Uno dei relativi processi consiste nel rimuovere gli oggetti che sono stati eliminati e già esistenti per la rimozione definitiva per maggiore il numero di giorni della durata di rimozione. È un periodo di 12 ore in sequenza in un oggetto idoneo per garbage collection è presente su alcuni controller di dominio, ma è già stato rimosso dal processo di garbage collection su altri controller di dominio. Tali oggetti verranno segnalati anche come oggetto supplementare dallo strumento, tuttavia, essi verranno automaticamente ottenere rimossi alla successiva esecuzione del processo di garbage collection sul controller di dominio è richiesta alcuna azione.
  4. Per rimuovere i singoli oggetti, selezionare un singolo oggetto o la selezione più oggetti utilizzando il tasto Ctrl o MAIUSC . Premere Ctrl per selezionare più oggetti o MAIUSC per selezionare un intervallo di oggetti e quindi scegliere Rimuovi.

    Rimuovere i singoli oggetti
    Sei sicuro?

    Barra di stato viene aggiornata con il nuovo numero di oggetti supplementari e lo stato dell'operazione di rimozione:

    Barra di stato

    Lo strumento esegue il dump di un elenco di attributi per ogni oggetto prima della rimozione e si registra insieme ai risultati della rimozione oggetto nel file di registro removedLingeringObjects.log.txt. Questo file di registro è nella stessa posizione come file eseguibile dello strumento.

    C:\tools\LingeringObjects\removedLingeringObjects<>

    Contenuto di esempio del file di registro:

    obj DN: <GUID=0bb376aa1c82a348997e5187ff012f4a>;<SID=010500000000000515000000609701d7b0ce8f6a3e529d669f040000>; CN Dick Schenk, OU = = & R D, DC = directory principale, DC = contoso, DC = com
    objectClass:top, person, organizationalPerson, utente;
    sn:Schenk;
    whenCreated:20121126224220.0Z;
    nome: Dick Schenk;
    objectSid:S-1-5-21-3607205728-1787809456-1721586238-1183;primaryGroupID:513;
    sAMAccountType:805306368;
    uSNChanged:32958;
    objectCategory:<GUID=11ba1167b1b0af429187547c7d089c61>; CN = persona, CN = Schema, CN = Configuration, DC = directory principale, DC = contoso, DC = com;
    whenChanged:20121126224322.0Z;
    CN:Dick Schenk;
    uSNCreated:32958;
    l:Boulder;
    distinguishedName:<GUID=0bb376aa1c82a348997e5187ff012f4a>;<SID=010500000000000515000000609701d7b0ce8f6a3e529d669f040000>; CN Dick Schenk, OU = = & R D, DC = directory principale, DC = contoso, DC = com;
    displayName:Dick Schenk;
    St:Colorado;
    dSCorePropagationData:16010101000000.0Z;
    userPrincipalName:Dick@root.contoso.com;
    givenName:Dick;
    instanceType:0;
    sAMAccountName:Dick;
    userAccountControl:650;
    objectGUID:aa76b30b-821 c-48a3-997e-5187ff012f4a;
    valore:<GUID=70ff33ce-2f41-4bf4-b7ca-7fa71d4ca13e>:<GUID=aa76b30b-821c-48a3-997e-5187ff012f4a>
    Supplementari Obj CN Dick Schenk, OU = & R D, DC = = directory principale, DC = contoso, DC = com viene rimosso dalla directory, il codice di risultato risposta mod = operazione riuscita
    ----------------------------------------------
    RemoveLingeringObject positivo</GUID=aa76b30b-821c-48a3-997e-5187ff012f4a></GUID=70ff33ce-2f41-4bf4-b7ca-7fa71d4ca13e></SID=010500000000000515000000609701d7b0ce8f6a3e529d669f040000></GUID=0bb376aa1c82a348997e5187ff012f4a></GUID=11ba1167b1b0af429187547c7d089c61></SID=010500000000000515000000609701d7b0ce8f6a3e529d669f040000></GUID=0bb376aa1c82a348997e5187ff012f4a>

    Dopo aver identificati tutti gli oggetti, possono essere rimossi massa selezionando tutti gli oggetti e quindi rimuovereo esportato in un file CSV. Il file CSV può successivamente essere importato nuovamente per la rimozione di massa. Si tenga presente che è disponibile il pulsanteRimuovi tuttoche sfrutta il metodorepadmin /removelingeringobject del tempo di ritardo per la rimozione di oggetti.

Flusso di lavoro


Flusso di lavoro

Informazioni
Metodo di rimozioneOggetto / partizionamento & e le funzionalità di rimozioneDettagli
Il tempo di ritardo curatore oggettoPer oggetto e la rimozione per ogni partizione

Utilizza:
  • RemoveLingeringObjects Modifica di LDAP rootDSE
  • DRSReplicaVerifyObjects metodo
  • Basato su GUI
  • Consente di visualizzare rapidamente tutti gli oggetti in sospeso nell'insieme di strutture a cui appartiene il computer in esecuzione
  • Individuazione incorporati tramite il DRSReplicaVerifyObjects metodo
  • Metodo automatico per rimuovere gli oggetti in sospeso da tutte le partizioni
  • Rimuove oggetti da tutti i controller di dominio (inclusi i RODC) ma i collegamenti non supplementari
  • Windows Server 2008 e versioni successive controller di dominio (non funzionerà con controller di dominio di Windows Server 2003)
/Removelingeringobjects RepldiagRimozione di partizioni

Utilizza:
  • DRSReplicaVerifyObjects metodo
  • Solo riga di comando
  • Metodo automatico per rimuovere gli oggetti in sospeso da tutte le partizioni
  • Individuazione incorporati tramite DRSReplicaVerifyObjects
  • Visualizza individuati oggetti durante gli eventi sui controller di dominio
  • Non rimuovere collegamenti supplementari. Non rimuove gli oggetti in sospeso dal RODC (ancora).
RemoveLingeringObjects LDAP rootDSE primitiva (più comunemente eseguita utilizzando LDP. EXE o uno script di importazione LDIFDE)Rimozione per oggetto
  • Richiede un metodo di rilevamento separato
  • Rimuove un oggetto singolo per l'esecuzione a meno che non sia nello script.
Repadmin /removelingeringobjectsRimozione di partizioni

Utilizza:
  • DRSReplicaVerifyObjects metodo
  • Solo riga di comando
  • Individuazione incorporati tramite DRSReplicaVerifyObjects
  • Visualizza individuati oggetti durante gli eventi sui controller di dominio
  • Richiede numerose esecuzioni se una serie completa (n * (n-1)) pulitura pairwise è obbligatorio.

    Nota Lo strumento di repldiag e lo strumento il tempo di ritardo curatore oggetto automatizzare questa attività.

Nota: questo è un articolo a "PUBBLICAZIONE RAPIDA", creato direttamente all'interno dell'organizzazione di supporto Microsoft. Le informazioni contenute nel presente documento vengono fornite "così come sono" in risposta alle problematiche riscontrate. A causa della rapidità con cui vengono resi disponibili, i materiali possono contenere errori di battitura e sono soggetti a modifica senza preavviso, in qualsiasi momento. Per altre considerazioni, vedere le Condizioni per l'utilizzo.

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 3141939 - Ultima revisione: 08/02/2016 19:21:00 - Revisione: 2.0

Windows Server 2012 R2 Datacenter, Windows Server 2008 R2 Datacenter, Windows Server 2012 Datacenter

  • kbexpertiseinter kbhowto kbsurveynew kbmt KB3141939 KbMtit
Feedback