FIX: Ad Hoc accesso scorrettamente consentito se la chiave di registro DisallowAdhocAccess mancante

Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 328569
Questo articolo è stato archiviato. L’articolo, quindi, viene offerto “così come è” e non verrà più aggiornato.
BUG #: 361943 (RIFERIMENTO)

BUG #: 102857 (SQLBUG_70)
Sintomi
Quando si configura un provider OLE DB per utilizzare per le query distribuite di SQL Server, un numero di chiavi del Registro di sistema sono disponibili che controllare come SQL Server tenta di utilizzare il provider. Queste opzioni sono descritte nella sezione seguente della documentazione in linea di:
  • Configurazione dei provider OLE DB per query distribuite
Una di queste opzioni, DisallowAdhocAccess , controlla se un utente non di sysadmin può utilizzare la funzione OPENROWSET o la funzione OPENDATASOURCE. Se un provider OLE DB è disponibile nel computer ma non esiste nessuna chiave del Registro di sistema corrispondente specificata per questo provider, SQL Server consente erroneamente un utente di non di sysadmin accedere al provider con la funzione OPENROWSET o la funzione OPENDATASOURCE. In assenza di qualsiasi chiave del Registro di sistema, il comportamento predefinito deve essere per negare l'accesso.

Dopo aver installato la correzione descritta in questo articolo, quando il valore DisallowAdhocAccess non esiste per il provider specificato, le richieste di sysadmin-non utilizzare OPENROWSET o OPENDATASOURCE esito negativo con il seguente messaggio di errore:
Server: Messaggio 7415, livello 16, stato 1, riga 1
È stato negato l'accesso ad hoc al provider OLE DB 'CustomOLEDBProvider'. È necessario accedere al provider tramite un server collegato.
Risoluzione
Per risolvere il problema, ottenere il service pack più recente per Microsoft SQL Server 2000. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
290211INF: Come ottenere il Service Pack più recente per SQL Server 2000
Status
Microsoft ha confermato che questo problema riguarda i prodotti Microsoft elencati all'inizio di questo articolo.
SQL Server 2000
Questo problema è stato innanzitutto corretto in SQL Server 2000 Service Pack 3.
Informazioni
Inizialmente, la chiave del Registro di sistema di DisallowAdhocAccess non presenti in SQL Server 7.0; tuttavia, in è stato aggiunto in SQL Server 7.0 Service Pack 2. Per la compatibilità con le versioni precedenti, se questa chiave manca, SQL Server 7.0 ancora consente l'accesso tramite il provider SQLOLEDB perché il server remoto prima sarà di autenticare si utilizzando le credenziali di protezione fornito. Per impostazione predefinita, le installazioni di SQL Server 2000 includono la chiave DisallowAdhocAccess (di conseguenza, consentendo l'accesso). Se per il provider SQLOLEDB in un'installazione di SQL Server 2000 viene rimossa la chiave del Registro di sistema, Nega l'accesso come per qualsiasi altro provider.

Se il provider è noto per rispettare le informazioni di autenticazione passate al metodo e l'accesso ad hoc per gli utenti non di sysadmin è quello desiderato, questa chiave del Registro di sistema deve essere presente una volta applicato l'hotfix. È possibile trovare le voci per ciascun provider nel seguente percorso del Registro di sistema

HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ < Nome istanza > \Providers\ < nome del provider >
dove < Nome istanza > è il nome dell'istanza di SQL Server (MSSQLServer per l'istanza predefinita) e < nome del provider > è il nome del provider OLE DB specificato nel OPENROWSET o la funzione OPENDATASOURCE.

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 328569 - Ultima revisione: 12/07/2015 12:28:14 - Revisione: 5.2

Microsoft SQL Server 2000 Standard Edition, Microsoft SQL Server 7.0 Standard Edition

  • kbnosurvey kbarchive kbmt kbhotfixserver kbqfe kbbug kbfix kbsqlserv2000presp3fix kbsqlserv2000sp3fix KB328569 KbMtit
Feedback