Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

Download dello strumento Dskcache.exe per la configurazione dell'opzione "Power Protected" per la write-behind

Il supporto per Windows XP è terminato

Il supporto Microsoft per Windows XP è terminato l'8 aprile 2014. Questa modifica ha interessato gli aggiornamenti software e le opzioni di sicurezza. Ulteriori informazioni su come continuare a essere protetti.

Il supporto per Windows Server 2003 è terminato il 14 luglio 2015.

Microsoft ha sospeso il supporto per Windows Server 2003 in data 14 luglio 2015. Questa modifica ha interessato gli aggiornamenti software e le opzioni di sicurezza. Ulteriori informazioni su come continuare a essere protetti.

Sommario
In questo articolo viene spiegato come ottenere Dskcache.exe, uno strumento della riga di comando che consente di configurare l'opzione Power Protected per la cache write-behind, disponibile nell'hotfix descritto nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:

332023 Lentezza delle prestazioni del disco se è abilitata la cache in scrittura
Nota Prima di utilizzare lo strumento Dskcache.exe per configurare l'opzione Power Protected per la cache write-behind, è necessario installare l'aggiornamento descritto nell'articolo della Microsoft Knowledge Base 332023 sopra indicato e quindi riavviare il computer.
Informazioni
Avviso Se si attiva l'opzione Power Protected per la cache write-behind per un'unità disco di caching, verranno disattivate le routine predefinite dei driver del disco di Windows 2000 in base alle quali i dati critici vengono scritti sul disco immediatamente anziché in un secondo tempo dalla cache write-behind del disco. Evitare di attivare l'opzione Power Protected per la cache write-behind se il computer e qualsiasi disco rigido connesso non sono protetti da interruzioni dell'alimentazione accidentali o casuali mediante una struttura hardware che potrebbe comprendere funzionalità quali alimentatori basati su batterie ridondanti o batterie integrate nei controller delle operazioni di caching. Contattare i fornitori del computer e delle periferiche di archiviazione per determinare il grado di protezione supportato dall'hardware. Non attivare l'opzione Power Protected per la cache write-behind prima di avere compreso e accettato il livello di rischio che potrebbe comportare e se non si è certi che questo rischio sia stato limitato da un'appropriata protezione dell'alimentazione nell'hardware.

Per ulteriori informazioni su questo problema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
281672 Possibile perdita di dati dopo l'attivazione della funzionalità di cache write-behind (in inglese)
Nota In Windows XP la modalità di protezione dell'alimentazione non viene visualizzata nell'output dello strumento Dskcache.exe.

È disponibile una funzionalità che modifica il comportamento predefinito del prodotto e che è tuttavia destinata esclusivamente alla modifica del comportamento descritto in questo articolo. Applicarla solo nei computer in cui è effettivamente necessaria. È possibile che su questa funzionalità vengano eseguiti ulteriori test. Se dunque l'assenza della funzionalità non causa gravi difficoltà, si consiglia di attendere la versione successiva dell'aggiornamento del software contenente tale funzionalità.

Se la funzionalità è disponibile per il download, è presente la sezione "Hotfix disponibile per il download" all'inizio di questo articolo della Knowledge Base. Se questa sezione non compare, rivolgersi al Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft per ottenere la funzionalità.

Nota Se si verificano ulteriori problemi o se occorrono attività di risoluzione, può essere necessario creare una richiesta di assistenza separata. I normali costi del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft verranno applicati per ulteriori domande e problemi che non dovessero rientrare nella specifica funzionalità in questione. Per un elenco completo di numeri di telefono del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft o per creare una richiesta di assistenza separata, visitare il seguente sito Web Microsoft: Nota Il modulo "Hotfix disponibile per il download" visualizza le lingue per le quali la funzionalità è disponibile. Se la propria lingua non è presente, significa che la funzionalità non è disponibile in tale lingua.
La versione in lingua inglese di questo hotfix presenta gli attributi di file elencati nella tabella seguente (o attributi successivi). Date e ore elencate di seguito sono espresse in UTC. Quando si visualizzano le informazioni sui file, l'ora viene convertita in ora locale. Per calcolare la differenza tra l'ora UTC e quella locale, utilizzare la scheda Fuso orario dello strumento Data e ora del Pannello di controllo.
   Data         Ora    Versione       Dimensione       Nome file   -------------------------------------------------   24/02/2003  20:19  1.0.0.0  10,512  Dskcache.exe

Informazioni sull'utilizzo di Dskcache.exe

dskcache [ +p | -p ] [ +w | -w ] [/i | /s | Drive_Specifier ]
  • Impostare (+) o deselezionare (-) il valore della cache del disco:
    • p : Power Protected per cache write-behind con protezione dell'alimentazione (non supportata in tutte le versioni del sistema operativo)
    • w : cache write-behind
  • Selezione unità (tutte le unità sono selezionate per impostazione predefinita)
    • /i : solo dischi IDE (Integrated Device Electronics)
    • /s : solo dischi SCSI (Small Computer System Interface) (include Fiber Channel)
    • Identificatore_unità : lettera di unità, nome di volume o unità fisica. Utilizzare i formati riportati di seguito:
      • Lettera di unità nel seguente formato: c:, d: e altri
      • Nome di volume nel seguente formato:
        \\?\Volume{8fc37c41-bdd3-11d5-b897-806d6172696f}\
      • Unità fisica: UnitàFisica0, UnitàFisica1, e altre
  • Se non si utilizza alcuna opzione, verranno visualizzate le impostazioni correnti per tutti i dischi fissi.
Note
  • Utilizzare l'opzione w per attivare e disattivare la cache write-behind al fine di migliorare le prestazioni del disco.
  • Utilizzare l'opzione p per attivare e disattivare l'opzione Power Protected per la cache write-behind.
Attivando l'opzione Power Protected, si aumenta il rischio di perdita o danneggiamento dei dati che potrebbe verificarsi a seguito di un'interruzione dell'alimentazione o di un errore dell'hardware. È quindi opportuno attivare questa opzione solo per le periferiche disco con un'adeguata protezione da interruzioni accidentali dell'alimentazione. Fare riferimento all'avviso riportato all'inizio di questa sezione.

Nota L'opzione Power Protected per la cache write-behind può essere attivata solo per i dischi attualmente disponibili. Poiché l'opzione Power Protected per la cache write-behind viene disattivata per impostazione predefinita, sarà disattivata per qualsiasi disco eventualmente aggiunto dopo l'applicazione di questa impostazione. Se si aggiungono ulteriori dischi, per rendere effettiva l'impostazione sarà necessario attivare l'opzione Power Protected per la cache write-behind per tali dischi.

Output del comando Dskcache.exe

Se si esegue Dskcache senza parametri, verranno visualizzate le impostazioni correnti della cache write-behind per tutti i dischi rigidi. Per ogni disco rigido attualmente disponibile nel computer vengono visualizzate informazioni analoghe alle seguenti:
Periferica disco:
Nome di volume nel formato: \\?\Volume{8fc37c41-bdd3-11d5-b897-806d6172696f}\

Impostazioni correnti:
La cache write-behind è [ attivata | disattivata ]
La protezione dell'alimentazione è [ attivata | disattivata ]
Se si esegue Dskcache con l'opzione w o p, le impostazioni specificate verranno immediatamente applicate ai dischi indicati. Questo comportamento è applicabile se i dischi e le relative unità supportano l'esecuzione di query e la modifica delle opzioni di configurazione richieste (vedere "Messaggi di errore comuni" di seguito).

Per ogni disco fisso attualmente disponibile nel computer vengono visualizzate informazioni analoghe alle seguenti:
Periferica disco:
Nome di volume nel formato: \\?\Volume{8fc37c41-bdd3-11d5-b897-806d6172696f}\

Impostazioni correnti:
La cache write-behind è [ attivata | disattivata ]
La protezione dell'alimentazione è [ attivata | disattivata ]

Nuove impostazioni:
La cache write-behind è [ attivata | disattivata ]
La protezione dell'alimentazione è [ attivata | disattivata ]

Messaggi di errore comuni

È possibile che venga visualizzato un messaggio di errore analogo a uno dei seguenti:
Errore durante l'impostazione del valore della cache write-behind. (1) Funzione non corretta.
Questo messaggio di errore indica che la periferica disco specificata (o il driver corrispondente) non supporta modifiche allo stato della relativa cache write-behind mediante i comandi dei driver implementati da Microsoft (IOCTL). In questa categoria rientrano molti controller RAID. Per questi dischi non è possibile configurare la cache write-behind utilizzando gli strumenti forniti da Microsoft, ma solo i meccanismi resi disponibili dai fornitori di hardware. I driver del disco forniti da Microsoft non consentono di attivare la cache write-behind per queste unità, pertanto, in questi casi, lo strumento Dskcache illustrato in questo articolo e l'hotfix descritto nell'articolo della Microsoft Knowledge Base 332023 non sono applicabili.
Errore durante il recupero del valore della cache write-behind.
(50) La cache write-behind non è modificabile.
Questo messaggio di errore indica che la periferica disco specificata (o il driver corrispondente) non fornisce informazioni sullo stato della relativa cache write-behind mediante i meccanismi standard di settore (ovvero in base alle corrispondenti specifiche SCSI o ATAPI [IDE]). In questa categoria rientrano molti controller RAID. Per questi dischi non è possibile configurare la cache write-behind utilizzando gli strumenti forniti da Microsoft, ma solo i meccanismi resi disponibili dai fornitori di hardware. I driver del disco forniti da Microsoft non consentono di attivare la cache write-behind per queste unità, pertanto, in questi casi, lo strumento Dskcache illustrato in questo articolo e l'hotfix descritto nell'articolo della Microsoft Knowledge Base 332023 non sono applicabili.
Errore durante il recupero del valore della cache write-behind.
(1117) Impossibile eseguire la richiesta a causa di un errore di periferica I/O.
Questo messaggio di errore indica che la periferica disco non restituisce informazioni sullo stato della cache write-behind in risposta al comando SCSI o ATAPI appropriato. Il messaggio è semplicemente un'indicazione delle capacità (o della mancanza) della periferica o del driver e di solito implica che la periferica non supporta la cache write-behind o che il relativo driver non supporta i comandi richiesti per eseguire query e configurare l'impostazione della cache write-behind della periferica.

Per risolvere questo problema, contattare il fornitore della periferica disco.
Errore durante il recupero del valore relativo alla protezione dell'alimentazione.
(21) Periferica non pronta.
Questo errore può essere determinato da varie cause. Se l'errore si verifica per un solo disco e questo fa parte di un array di archiviazione esterno, il messaggio potrebbe indicare che il disco è semplicemente non in linea. Portare il disco in linea e ripetere il comando dskcache dskcache per applicare le impostazioni che si desidera utilizzare. Se l'errore si verifica su tutti i dischi appartenenti a un array di archiviazione condiviso da più server in un cluster, il messaggio indica di solito che il comando dskcacheviene eseguito su un server (nodo) non proprietario dell'array di archiviazione o della periferica.

Per applicare l'impostazione Power-Protected per la cache write-behind a tutti i server del cluster, attenersi alla seguente procedura:
  1. Installare l'aggiornamento dall'articolo 332023 in tutti i nodi (server) del cluster, quindi riavviare ogni server in modo da caricare i driver aggiornati.
  2. Impostare uno dopo l'altro ogni server (nodo) come proprietario del disco o dell'array, utilizzando Sposta gruppo per spostare le risorse disco al singolo nodo, quindi eseguire il comando dskcache sul server in questione.
  3. Ripetere il passaggio 2, secondo le esigenze, per ogni server (nodo) nel cluster.
Proprietà

ID articolo: 811392 - Ultima revisione: 08/18/2008 20:41:07 - Revisione: 5.3

Microsoft Windows 2000 Service Pack 3, Microsoft Windows 2000 Advanced Server SP3, Microsoft Windows 2000 Service Pack 3, Microsoft Windows XP Professional, Microsoft Windows XP Home Edition, Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86), Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition for Itanium-Based Systems, Microsoft Windows Server 2003, Datacenter x64 Edition, Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86), Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition, Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition for Itanium-based Systems, Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86), Microsoft Windows Server 2003, Standard x64 Edition, Windows Server 2008 Datacenter without Hyper-V, Windows Server 2008 Enterprise without Hyper-V, Windows Server 2008 Standard without Hyper-V, Windows Server 2008 Datacenter, Windows Server 2008 Enterprise, Windows Server 2008 Standard, Windows Server 2008 for Itanium-Based Systems

  • kbautohotfix kbhotfixserver kbqfe kbwin2000presp4fix kbfix KB811392
Feedback