Concetti OLE e panoramica dei requisiti

Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 86008
Dichiarazione di non responsabilità per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non più supportati
Questo articolo è stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre più supporto. L’articolo, quindi, viene offerto ‘così come è’ e non verrà più aggiornato.
Sommario
OLE è una tecnologia che consente a un'applicazione creare documenti compositi che contengono informazioni da un numero di origini diverse. Ad esempio, un documento in un elaboratore di testo abilitati all'utilizzo di OLE può accettare un oggetto foglio di calcolo incorporato. A differenza dei tradizionali "Taglia e Incolla" metodi in cui l'applicazione ricevente cambia il formato delle informazioni incollate, documenti incorporati mantengono tutte le relative proprietà originale. Se l'utente decide di modificare i dati incorporati, Windows attiva l'applicazione di origine e carica il documento incorporato.

In questo articolo vengono forniti cenni preliminari le librerie OLE, viene illustrata la struttura di dati VTBL (tabella di metodo virtuale), che è un elemento obbligatorio di ciascuna applicazione OLE; e viene illustrato come utilizzare gli Appunti di Windows in un'applicazione OLE.
Informazioni

OLECLI.DLL--La libreria di client OLE

OLECLI.DLL, la libreria OLE del client nell'ambiente di Microsoft Windows, fornisce servizi per semplificare l'applicazione client OLE. Accetta comunicazioni bidirezionali posizionare tra un'applicazione client e la libreria client OLE. Un'applicazione client chiama le funzioni nella libreria client per eseguire attività OLE, ad esempio creazione dell'oggetto, eseguire il rendering, il caricamento e il salvataggio. La libreria client invia le informazioni sullo stato all'applicazione chiamando una funzione di richiamata definita dall'applicazione. I dati di stato che la libreria passa alla funzione di callback del client includono la notifica che un oggetto è stato modificato, rinominato, salvato o chiuso da un'applicazione server OLE.

OLESVR.DLL--La raccolta di server OLE

OLESVR.DLL, la libreria del server OLE, fornisce servizi per un'applicazione server OLE. Accetta comunicazioni bidirezionali posizionare tra un'applicazione server e la libreria del server OLE. Un'applicazione server chiama le funzioni della libreria server per registrarsi come disponibili o per revocare la disponibilità. Chiama anche server funzioni della libreria per indicare quando salva o si rinomina un documento. La libreria server fornisce informazioni all'applicazione server attraverso una serie di funzioni di richiamata definita dall'applicazione 27. Ogni di funzioni di callback dell'applicazione server generalmente vengono chiamate i metodi, è denominato per richiedere che il server esegue una specifica azione o per informare che si è verificato un evento specifico.

Gestori di oggetto

Un utente finale in genere riguarda solo due tipi di applicazioni OLE: le applicazioni client e server applicazioni. Tuttavia, gli sviluppatori di applicazioni occorre conoscere anche di un terzo tipo di modulo OLE chiamato un gestore di oggetti. Un gestore di oggetto è una libreria a collegamento dinamico (DLL) che può essere visuale come applicazione server limitata a funzioni. Un gestore di oggetti contiene le funzioni necessarie per supportare classi di oggetti dell'applicazione di un server. Ad esempio, quando un'applicazione client richiama il verbo di un oggetto, è possibile elaborare la chiamata da un gestore oggetti che carica in memoria, elabora la chiamata e lo scaricamento dalla memoria senza alcuna assistenza dall'applicazione server principale. Un gestore di oggetti consente di gestire gli oggetti, perché un gestore viene in genere limitato e può essere caricato e scaricato in modo più efficiente rispetto a un'applicazione server completo (spesso molto grandi) in modo efficiente. Un gestore di oggetti viene implementato utilizzando la libreria del server OLE come un'applicazione server completamente funzionava.

Utilizzando VTBLs

Come indicato in precedenza, comunicazione dalla libreria client OLE a un'applicazione client e dalla libreria dei server OLE a un'applicazione server avviene tramite funzioni di richiamata definita dall'applicazione. Durante l'inizializzazione di un'applicazione client o server, chiama la libreria appropriata con un puntatore a una struttura di dati VTBL. La libreria utilizza i puntatori nel VTBL di chiamare le funzioni di callback dell'applicazione.

Ad esempio, uno del VTBLs da un'applicazione server per la libreria del server OLE viene chiamato un OLESERVERVTBL. L'applicazione server riempie la struttura OLESERVERVTBL con puntatori a sei funzioni di callback che implementano i metodi create, CreateFromTemplate, modifica, Esci, Apri e versione. Una volta l'applicazione server passa la VTBL inizializzata la libreria server, la libreria possibile chiamare uno dei metodi di sei solo per la risoluzione del riferimento i puntatori nel VTBL. Si noti che utilizzando un VTBL consente le librerie OLE chiamare una funzione definita dall'applicazione che implementa un metodo indipendente dal nome della funzione del.

Ai programmatori che conoscono il linguaggio c ++, il concetto VTBL potrebbe sembrare simile al concetto di metodo virtuale di c ++. In effetti, VTBLs e metodi virtuali sono strettamente correlati. Un VTBL consente le librerie OLE specificare i metodi che deve implementare un'applicazione client o server, consentendo l'implementazione di ogni metodo sia definito in modo diverso per ogni classe di oggetti.

Comunicazione Inter-Library

Nell'implementazione iniziale delle librerie OLE, fornito con la versione 3.1 di Microsoft Windows Software Development Kit (SDK), le librerie di comunicano tra loro utilizzando il dynamic data exchange (DDE) protocollo di messaggistica. Le librerie client e server di inviano loro un insieme di standard di comandi OLE utilizzando messaggi WM_DDE_EXECUTE. Questa implementazione delle librerie OLE non viene utilizzato il Dynamic Data Exchange Gestione libreria DDEML () sviluppato per Windows versione 3.1, poiché il DDEML e dalle librerie OLE sono state sviluppate in parallelo. Le versioni future delle librerie OLE potrebbero utilizzare il DDEML o un altro meccanismo di comunicazione interprocesso.

Il protocollo di comunicazione inter-library utilizzato dalle librerie OLE è nascosto dalle librerie di se stessi e non dovrebbe influire sulla progettazione di un'applicazione di client o server OLE.

La libreria di shell

Molte applicazioni OLE inoltre utilizzano una terza raccolta, shell.dll. La libreria di shell fornisce funzioni di API che consentono un'applicazione per leggere e modificare database di registrazione di Windows. Il database di registrazione contiene informazioni sui server OLE installate nel sistema e le classi di oggetti e verbi supportata da ogni. La libreria shell fornisce anche il supporto per la modifica di trascinamento e di file utilizzando file Manager di Windows. Se un client OLE implementa il supporto di trascinamento e rilascio, un file può essere trascinato da file Manager e ignorato in un documento in un'applicazione client per incorporare il file nel documento.

Inserimento di un oggetto OLE negli Appunti

Il formato di presentazione utilizzato per visualizzare un oggetto specifica l'aspetto dell'oggetto. Quando un'applicazione server posiziona l'oggetto negli Appunti, fornisce uno o più rappresentazioni grafiche dell'oggetto. Tali rappresentazioni possono includere il formato di metafile (CF_METAFILEPICT), il formato bitmap dipendente dalla periferica (CF_BITMAP) o il formato bitmap indipendente dalla periferica (CF_DIB). L'utente incolla un oggetto in un documento contenitore in un'applicazione client, le librerie OLE utilizzare uno dei seguenti formati di presentazione per visualizzare l'oggetto. Poiché una bitmap o un metafile comunemente Modifica aspetto quando viene ridimensionato, l'aspetto di un oggetto può variare a seconda il formato di presentazione utilizzato per visualizzare l'oggetto.

Un oggetto incorporato viene memorizzato negli Appunti in uno dei formati tre presentazione descritto in precedenza (CF_METAFILEPICT, CF_BITMAP o CF_DIB), il formato nativo e il formato OwnerLink. Ogni presentazione e il formato predefinito di Windows è rappresentato da una costante denominata nel file di intestazione Windows.H incluso in SDK. I formati nativi, utilizzati da ogni applicazione OLE e di OwnerLink, tuttavia, non sono definiti in Windows.H. La funzione RegisterClipboardFormat per registrare i formati OwnerLink e nativo con Windows è necessario chiamare ogni applicazione OLE.
3.10 3.00 1.00

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 86008 - Ultima revisione: 10/27/1999 10:55:00 - Revisione: 1.0

Microsoft OLE 1.0

  • kbmt KB86008 KbMtit
Feedback