Al momento sei offline in attesa che la connessione Internet venga ristabilita

Il comando STSADM MergeContentDBs può causare danneggiamento del database Windows SharePoint Services 3.0

Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.

Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 969242
Sintomi
In determinate circostanze, il STSADM MergeContentDBs comando potrebbe non riuscire in Windows SharePoint Services 3.0. Tali circostanze includono combinazioni di dimensioni dell'insieme significativo del sito, il traffico di utenti e carico di SQL Server. Quando il comando STSADM MergeContentDBs ha esito negativo, database di origine e di destinazione possono essere danneggiati.
Cause
Questo problema può verificarsi quando si utilizza il STSADM MergeContentDBs comando in una raccolta siti di dimensioni superiori a 10 gigabyte (GB).
Workaround
Quando si utilizza il comando STSADM MergeContentDBs per risolvere questo problema, adottare le seguenti operazioni:
  • Sempre una copia di backup i database origine e di destinazione prima di utilizzare il comando STSADM MergeContentDBs .
  • Evitare di annullare l'operazione sul server Web front-end o sul server che esegue SQL Server.
  • Eseguire il comando STSADM MergeContentDBs durante le ore di minore utilizzo della rete poiché il comando STSADM MergeContentDBs posizionata notevole carico aggiuntivo sul server che esegue SQL Server.
In alternativa, è possibile utilizzare batch Site Manager ed il metodo descritto nella sezione "Spostamento di raccolte siti" nel sito Microsoft TechNet. A questo scopo visitare il seguente sito Web Microsoft: Poiché la funziona di batch Site Manager con raccolte di siti utilizzando il STSADM backup e ripristino operazioni con il parametro –url , consigliamo di non utilizzare batch Site Manager raccolte di siti sono maggiori di 15 GB.

Il batch Site Manager incluso in SharePoint Toolkit di amministrazione:
La soluzione nell'articolo KB è per distribuzioni di SharePoint che eseguono aggiornamenti cumulativi di aprile di pre o pacchetti di aggiornamento rapido (hotfix).
I problemi nell'articolo KB non vengono applicate ai server in cui sono stati corretti con l'aggiornamento cumulativo di aprile o il pacchetto di Hotfix e versioni successive.
Per ottenere la correzione:
Descrizione del pacchetto hotfix di Windows SharePoint Services 3.0 (Sts.msp): 28 aprile 2009: http://support.microsoft.com/kb/968857
Descrizione del pacchetto di aggiornamento cumulativo Windows SharePoint Services 3.0: 30 aprile 2009: http://support.microsoft.com/kb/968850
Descrizione del pacchetto hotfix di Microsoft Office SharePoint Server 2007 (Coreserver.msp): 2009, Aprile 28: http://support.microsoft.com/kb/968859
Status
Microsoft ha confermato che questo problema riguarda i prodotti sono elencati nella sezione "Si applica a".

Avviso: questo articolo è stato tradotto automaticamente

Proprietà

ID articolo: 969242 - Ultima revisione: 06/03/2009 18:00:42 - Revisione: 4.0

Microsoft Windows SharePoint Services 3.0, Microsoft Office SharePoint Server 2007

  • kbmt kbexpertiseinter kbsurveynew kbprb KB969242 KbMtit
Feedback
nt.createElement('meta');m.name='ms.dqp0';m.content='true';document.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(m);" onload="var m=document.createElement('meta');m.name='ms.dqp0';m.content='false';document.getElementsByTagName('head')[0].appendChild(m);" src="http://c1.microsoft.com/c.gif?">