Cosa devono sapere gli amministratori sull'esperienza di caricamento di OneDrive in Office

A partire da novembre 2020 verranno implementate due nuove funzionalità di Windows per Word, Excel e PowerPoint, che sono state pensate per aiutare gli utenti a caricare i file su OneDrive. La prima funzionalità impedisce l'esecuzione di copie duplicate dei documenti caricati su OneDrive, mentre la seconda fornirà una richiesta di caricamento su OneDrive che consentirà agli utenti di sfruttare funzionalità quali il salvataggio automatico e la collaborazione in tempo reale. Questo articolo si propone di rispondere ad alcune delle domande più frequenti degli amministratori in merito a questa nuova esperienza.  

Spostamento di un file al caricamento

Alcuni utenti ci hanno segnalato che l'attuale esperienza di caricamento su OneDrive crea confusione perché carica una copia del file. In seguito, è possibile aprire sia una versione locale che una di OneDrive del file in questione. Adesso, durante il caricamento su OneDrive di un file da una posizione diversa, ne consentiremo lo spostamento, in modo che gli utenti si trovino poi a gestire un'unica copia del file per impostazione predefinita. Se gli utenti vogliono conservare due copie, possono deselezionare la casella di controllo "Rimuovi il file locale dopo il caricamento".  

Richiesta di caricamento file su OneDrive 

Quando gli utenti ricevono i file dagli allegati di posta elettronica o da altre origini di sola lettura, i file sono temporaneamente archiviati in locale. In alcuni casi in cui gli utenti apportano modifiche a questi file, all'utente potrebbe essere richiesto di caricare il file su OneDrive per salvare tali modifiche. 

Cosa succede se l'organizzazione o l'utente non fa uso di OneDrive?  

Queste modifiche sono applicabili solo nei casi in cui l'utente abbia connesso l'account di OneDrive a Word, Excel o PowerPoint. Se l'utente non ha connesso il proprio account di OneDrive o se i criteri esistenti disabilitano OneDrive nelle app, queste funzionalità non verranno visualizzate. 

La nuova funzionalità sovrascriverà i criteri impostati dalle organizzazioni?   

No, le configurazioni amministrative esistenti e i criteri dell'organizzazione continueranno a essere in vigore e a essere rispettati. 

Gli utenti possono modificare questi comportamenti? 

No, ma se gli utenti rifiutano la richiesta di caricamento, questa non verrà più visualizzata per un certo periodo di tempo. 

Che succede se l'organizzazione, o l'utente, sincronizza i file su OneDrive e su un altro servizio di sincronizzazione?   

Se si usa Office insieme a OneDrive e a un altro provider di sincronizzazione di terze parti, potrebbe essere consigliabile disabilitare queste funzionalità. Abbiamo fornito due chiavi del registro di sistema che possono essere disattivate dai client di sincronizzazione di terze parti. Se l'organizzazione si avvale di un provider di sincronizzazione di terze parti, è possibile che siano già state implementate le modifiche descritte di seguito, che disabilitano una o entrambe le funzionalità.

Le due chiavi del registro di sistema che disabilitano queste funzionalità si trovano in [HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Microsoft\Office\16.0\Common\FileIO]

  • UploadToCloudDeleteOptionSuppressedTimeStamp 

    – La chiave del registro di sistema rimuove la casella di controllo "Rimuovi il file locale dopo il caricamento." dalla finestra di dialogo di caricamento. Tutti i caricamenti completati tramite questa finestra di dialogo verranno eseguiti come copia, lasciando il file originale nel dispositivo.

  • UploadToCloudPromptSuppressedTimeStamp 

    – La chiave del registro di sistema impedirà che l'utente riceva la richiesta di caricamento dei file su OneDrive. Gli utenti possono comunque caricare i file su OneDrive come al solito, se sono connessi a OneDrive.

Entrambe le chiavi del registro di sistema sono QWORD e devono specificare un valore di tempo in intervalli di 100 nanosecondi a partire dall'1 gennaio 1601 (UTC). Per altre informazioni, vedere la struttura FILETIME. Il valore deve essere impostato con l'ora corrente durante la scrittura della chiave del Registro di sistema. Se il valore di una chiave del registro di sistema rientra negli ultimi 30 giorni, le funzionalità corrispondenti verranno disabilitate.

Importante: Non sarà applicato un indicatore di data e ora che rappresenta una data o un'ora nel futuro. 

Ad esempio, l'indicatore di data e ora riportato di seguito rappresenta il 10 settembre 2020 11:23:30, il che provocherà la disabilitazione della richiesta quandola valutazione avviene nella data e nell'ora del 10 ottobre 2020 11:23:30 o successivamente:

UploadToCloudPromptSuppressedTimeStamp=hex(b): 80,5a,f5,f0,84,86,3f,b7

Anche se una singola organizzazione può impostare queste chiavi, è prevedibile che vengano configurate regolarmente come "valore di heartbeat" per i servizi di sincronizzazione dei file di terze parti per impedire conflitti quando un'organizzazione esegue un ambiente ibrido, sincronizzando i file con OneDrive e altri servizi di sincronizzazione. Se necessario, i dettagli qui descritti possono essere condivisi con il provider di sincronizzazione di terze parti per disabilitare le funzionalità.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×