Informazioni sulle modifiche apportate all'indirizzo usato per inviare messaggi di posta elettronica di notifica da SharePoint

Riepilogo

In questo articolo vengono illustrate le modifiche che influiscono sull'indirizzo da usato per inviare SharePoint nei messaggi di notifica di Micreosoft 365.

Altre informazioni

A partire dal 2016 gennaio si è verificato un cambiamento impercettibile nell'indirizzo di posta elettronica "da" usato nei messaggi di notifica inviati da SharePoint in Microsoft 365. Questa modifica deve ridurre il rischio che i messaggi di notifica di SharePoint vengano instradati alla cartella posta indesiderata e non causino effetti negativi. È consigliabile rimuovere i record SPF (Sender Policy Framework) di SharePoint dai record SPF del dominio e rimuovere anche eventuali eccezioni per SharePoint che potrebbero essere state aggiunte ai filtri per la posta indesiderata. 

È stata apportata la modifica per iniziare a usare i servizi Web Exchange per inviare messaggi per le azioni generate dall'utente da SharePoint in Microsoft 365. Ad esempio, prima di cambiare un utente di nome Alice, che non ha una cassetta postale di Exchange Online, condivide un file in SharePoint con Roberto. Poiché Alice non ha una cassetta postale di Exchange Online, è necessario inviare il messaggio dal SharePoint server SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) e quindi falsificare il campo da del messaggio per avere il nome e l'indirizzo di posta elettronica di Alice. Se il messaggio falsificato contiene conflitti con i filtri della posta indesiderata, il messaggio viene recapitato nella cartella posta indesiderata o completamente rifiutato. In passato, ti consigliamo di includere i record SPF per "sharepointonline.com" nei record SPF come mitigazione per questo problema. La modifica a SharePoint non falsifica più l'indirizzo di posta elettronica per tali messaggi. Questi messaggi avranno lo stesso nome visualizzato, ad esempio la persona che sta eseguendo la condivisione, ma useranno sempre No-Reply@sharepointonline.comcome indirizzo mittente

I clienti non dovranno più modificare i propri record SPF o aggiungere regole ai relativi filtri per la posta indesiderata per consentire il recapito dei messaggi di notifica da SharePoint. Inoltre, i messaggi generati dall'utente avviato-azioni in cui l'utente ha una cassetta postale di Exchange Online continueranno a essere inviati dalla cassetta postale dell'utente e non sono soggetti a essere contrassegnati come posta indesiderata. 

A causa di questa modifica, SharePoint in Microsoft 365 non consentirà più di impostare le notifiche tramite posta elettronica per le notifiche del newsfeed disponibili nell'interfaccia di amministrazione di SharePoint. I messaggi di posta elettronica di notifica provenienti dai newsfeed utilizzeranno sempre No-Reply@sharepointonline.comcome indirizzo mittente . Questa impostazione verrà rimossa in una versione futura.

Le caratteristiche interessate da questa modifica includono le seguenti:
 

  • Condivisione dei messaggi se l'utente non ha una cassetta postale di Exchange Online

  • Richieste di accesso se l'utente non ha una cassetta postale di Exchange Online

  • Messaggi di notifica di SharePoint Newsfeed

  • Messaggi personalizzati generati dai flussi di lavoro se l'indirizzo da è stato modificato in un indirizzo diverso

La schermata seguente mostra un esempio di messaggio di notifica di avviso SharePoint. 
 

Screenshot di una notifica di avviso di SharePoint


Serve ancora aiuto? Accedere alla community Microsoft.

Nota:  Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L'intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Queste informazioni sono risultate utili' Questo è l'articolo in inglese per riferimento.

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×