Parole e simboli riservati di Access

Le "parole riservate" sono parole e simboli che hanno un significato specifico in Microsoft Access. Se si usa una parola riservata o un simbolo per assegnare un nome a un campo in un database desktop o in una tabella delle app Web, Access segnala che la parola è riservata e che possono verificarsi errori quando si fa riferimento al campo.

Possono verificarsi errori anche se si usa una parola riservata per assegnare un nome a un controllo, a un oggetto o a una variabile. I messaggi di errore visualizzati non indicano necessariamente che una parola riservata è la causa del problema. Di conseguenza, può essere difficile identificare cosa deve essere modificato. Ad esempio, Access potrebbe visualizzare un messaggio simile al seguente:

Impossibile visualizzare l'anteprima del report. È possibile che un altro utente abbia aperto in modalità esclusiva una tabella di origine.

Se una parola riservata è già in uso, è possibile evitare i messaggi di errore racchiudendo ogni occorrenza della parola tra parentesi quadre ([]). Tuttavia, la soluzione migliore consiste nell'usare una parola non riservata per il nome.

Nota:  Non è utile fornire un elenco di tutte le parole riservate, ad esempio i nomi di funzioni predefiniti o i nomi definiti dall'utente. Se si imposta un riferimento a una libreria dei tipi, a una libreria di oggetti o a un controllo ActiveX, le parole riservate della raccolta sono anche le parole riservate nel database.

In questo articolo

Parole riservate di Access

-A

ADD

ALL

Alphanumeric

ALTER

AND

ANY

Application

AS

ASC

Assistant

AUTOINCREMENT

Avg

-B

BETWEEN

BINARY

BIT

BOOLEAN

BY

BYTE

-C

CHAR, CHARACTER

COLUMN

CompactDatabase

CONSTRAINT

Container

Count

COUNTER

CREATE

CreateDatabase

CreateField

CreateGroup

CreateIndex

CreateObject

CreateProperty

CreateRelation

CreateTableDef

CreateUser

CreateWorkspace

CURRENCY

CurrentUser

-D

DATABASE

DATE

DATETIME

DELETE

DESC

Description

DISALLOW

DISTINCT

DISTINCTROW

Document

DOUBLE

DROP

-E

Echo

Else

End

Eqv

Error

EXISTS

Exit

-F

FALSE

Field, Fields

FillCache

FLOAT, FLOAT4, FLOAT8

FOREIGN

Form, Forms

FROM

Full

FUNCTION

-G

GENERAL

GetObject

GetOption

GotoPage

GROUP

GROUP BY

GUID

-H

HAVING

-I

Idle

IEEEDOUBLE, IEEESINGLE

If

IGNORE

Imp

IN

INDEX

Index, Indexes

INNER

INSERT

InsertText

INT, INTEGER, INTEGER1, INTEGER2, INTEGER4

INTO

IS

-J

JOIN

-K

KEY

-L

LastModified

LEFT

Level

Like

LOGICAL, LOGICAL1

LONG, LONGBINARY, LONGTEXT

-M

Macro

Match

Max, Min, Mod

MEMO

Module

MONEY

Move

-N

NAME

NewPassword

NO

Not

Note

NULL

NUMBER, NUMERIC

-O

Object

OLEOBJECT

OFF

ON

OpenRecordset

OPTION

OR

ORDER

Orientation

Outer

OWNERACCESS

-P

Parameter

PARAMETERS

Partial

PERCENT

PIVOT

PRIMARY

PROCEDURE

Property

-Q

Queries

Query

Quit

-R

REAL

Ricalcola

Recordset

REFERENCES

Aggiorna

RefreshLink

RegisterDatabase

Relazione

Aggiorna

RepairDatabase

Report

Report

Rieseguire una query

DESTRA

-S

SCREEN

SECTION

SELECT

SET

SetFocus

SetOption

SHORT

SINGLE

SMALLINT

SOME

SQL

StDev, StDevP

STRING

Somma

-T

TABLE

TableDef, TableDefs

TableID

TEXT

ORA, TIMESTAMP

TOP

TRANSFORM

VERO

Tipo

-U

UNION

UNIQUE

UPDATE

USER

-V

VALORE

VALUES

Var, VarP

VARBINARY, VARCHAR

-W

WHERE

WITH

Area di lavoro

-X

Xor

-Y

Anno

YESNO

Inizio pagina

Simboli riservati di Access

I simboli seguenti non devono essere usati come parte di un nome di campo o come parte di un nome di oggetto:

.

/

*

;

:

!

#

&

-

?

"

'

$

%

Inizio pagina

Parole riservate del motore di database di Access

Il motore di database di Access viene eseguito in diverse modalità, a seconda che venga chiamato da Access, dagli oggetti di accesso ai dati, dal provider Microsoft OLE per il motore di database di Access o dal driver ODBC di Microsoft Access. Può essere eseguito in modalità ANSI o non ANSI (tradizionale).

L'uso di queste due modalità comporta due set leggermente diversi di parole riservate, quindi una query che usa una parola riservata potrebbe funzionare in una modalità e non funzionare in un'altra.

Di seguito è riportato un elenco di parole riservate da evitare quando si scelgono i nomi degli identificatori.

-A

ABSOLUTE

AZIONE

ADD

ADMINDB

TUTTI

ALLOCATE

ALPHANUMERIC

ALTER

AND

ANY

ARE

AS

ASC

ASSERTION

AT

AUTHORIZATION

AUTOINCREMENT

AVG

-B

BAND

BEGIN

BETWEEN

BINARY

BIT

BIT_LENGTH

BNOT

BOR

BOTH

BXOR

BY

BYTE

-C

CASCADE

CASCADED

CASE

CAST

CATALOG

CHAR

CHARACTER

CHAR_LENGTH

CHARACTER_LENGTH

CHECK

CLOSE

COALESCE

COLLATE

COLLATION

COLUMN

COMMIT

COMP

COMPRESSION

CONNECT

CONNECTION

CONSTRAINT

VINCOLI

CONTAINER

CONTINUA

CONVERTI

CORRISPONDENTE

CONTA.NUMERI

COUNTER

CREATE

CREATEDB

CROSS

CURRENCY

CURRENT

CURRENT_DATE

CURRENT_TIME

CURRENT_TIMESTAMP

CURRENT_USER

CURSOR

-D

DATABASE

DATE

DATETIME

DAY

DEALLOCA

DEC

DECIMAL

DECLARE

DEFAULT

DEFERRABLE

DEFERRED

DELETE

DESC

DESCRIVI

DESCRIPTOR

DIAGNOSTICA

DISALLOW

DISCONNECT

DISTINCT

DOMAIN

DOUBLE

DROP

-E

ELSE

FINE

END-EXEC

ESC

EXCEPT

EXCEPTION

EXCLUSIVECONNECT

EXEC

EXECUTE

EXISTS

EXTERNAL

EXTRACT

-F

FALSE

FETCH

FIRST

FLOAT

FLOAT4

FLOAT8

FOR

FOREIGN

TROVATI

FROM

FULL

-G

GENERAL

Ottieni

GLOBAL

VAI

GOTO

GRANT

GROUP

GUID

-H

HAVING

HOUR

-I

IDENTITY

IEEEDOUBLE

IEEESINGLE

IGNORE

IMMAGINE

IMMEDIATE

ININDEX

INDICATORE

INHERITABLE

INIZIALMENTE

INNER

INPUT

INSENSITIVE

INS

INT

INTEGER

INTEGER1

INTEGER2

INTEGER4

INTERSECT

INTERVAL

INTO

IS

ISOLATION

-J

JOIN

-K

KEY

-L

LANGUAGE

LAST

LEADING

SINISTRA

LEVEL

LIKE

LOCAL

LOGICAL

LOGICO1

LONG

LONGBINARY

LONGCHAR

LONGTEXT

LOWER

-M

CONFRONTA

MAX

MEMO

MIN

MINUTE

MODULE

MONEY

MONTH

-N

NAMES

NATIONAL

NATURAL

NCHAR

AVANTI

NO

NOT

NOTA

NULL

NULLIF

NUMBER

NUMERIC

-O

OBJECT

OCTET_LENGTH

OFOLEOBJECT

ONONLY

APRI

OPTION

ORORDER

OUTER

OUTPUT

SOVRAPPOSIZIONI

OWNERACCESS

-P

PAD

PARAMETERS

PARTIAL

PASSWORD

PERCENT

PIVOT

POSITION

PRECISION

PREPARE

PRESERVE

PRIMARY

PRIOR

PRIVILEGES

PROC

PROCEDURA

PUBLIC

-Q

-R

LEGGI

REAL

REFERENCES

RELATIVE

RESTRICT

REVOKE

DESTRA

ROLLBACK

RIGHE

-S

SCHEMA

SCORRIMENTO

SECOND

SECTION

SELECT

SELECTSCHEMA

SELECTSECURITY

SESSION

SESSION_USER

SET

SHORT

SINGLE

SIZE

SMALLINT

SOME

SPACE

SQL

SQLCODE

SQLERROR

SQLSTATE

STRING

SUBSTRING

SOMMA

SYSTEM_USER

-T

TABLE

TABLEID

TEMPORARY

TEXT

QUINDI

ORARIO

TIMESTAMP

TIMEZONE_HOUR

TIMEZONE_MINUTE

TO

TOP

TRAILING

TRANSACTION

TRANSFORM

TRANSLATE

TRANSLATION

TRIM

VERO

-U

UNION

UNIQUE

UNIQUEIDENTIFIER

UNKNOWN

UPDATE

UPDATEIDENTITY

UPDATEOWNER

UPDATESECURITY

UPPER

USAGE

USER

USING

-V

VALORE

VALUES

VARBINARY

VARCHAR

VARYING

VIEW

-W

QUANDO

WHENEVER

WHERE

WITH

WORK

WRITE

-X

-Y

YEAR

YESNO

-Z

ZONE

Inizio pagina

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

×