INTRODUZIONE

Un modello di manutenzione incrementale (ISM) è disponibile dal team di Microsoft SQL Server per distribuire gli aggiornamenti rapidi per i problemi segnalati. L'obiettivo dell'ISM è quello di fornire correzioni di alta qualità in un tempo accettabile e in una pianificazione prevedibile.

Ulteriori informazioni

Il SQL Server si sta spostando dal modello di rilascio dell'aggiornamento rapido basato sulla priorità corrente a un modello di recapito pianificato. Nel modello di recapito pianificato, un cliente può ricevere un aggiornamento rapido per risolvere le situazioni più critiche con un breve tempo di consegna. Inoltre, un cliente può ricevere una correzione che è stata sottoposta a più test e che viene rilasciata in base alla pianificazione. Di conseguenza, il team SQL Server ha creato i meccanismi di recapito seguenti.

Critico su richiesta (COD)


  • Il problema deve soddisfare determinati criteri per questa richiesta. Questi includono la mancanza di una soluzione alternativa efficace, un effetto aziendale critico e così via.

  • L'aggiornamento rapido può essere richiesto da qualsiasi cliente, indipendentemente dall'offerta di supporto, purché soddisfi i criteri per la richiesta.

  • L'aggiornamento rapido viene rilasciato il giorno o prima di una data concordata reciprocamente in base alle esigenze del cliente.

  • Questa build dell'aggiornamento rapido può contenere una o più correzioni.

Su richiesta (OD)

  • Il problema deve soddisfare determinati criteri per questa richiesta. Questi includono la mancanza di una soluzione alternativa efficace, un effetto aziendale critico e così via.

  • L'aggiornamento rapido può essere richiesto da qualsiasi cliente, indipendentemente dall'offerta di supporto, purché soddisfi i criteri per la richiesta.

  • L'aggiornamento rapido viene rilasciato il giorno o prima di una data concordata reciprocamente in base alle esigenze del cliente.

  • Questa build dell'aggiornamento rapido può contenere una o più correzioni.

Aggiornamento cumulativo (CU)

  • L'aggiornamento può essere richiesto da qualsiasi cliente, indipendentemente dall'offerta di supporto.

  • L'aggiornamento viene rilasciato ogni 2 mesi.

  • L'aggiornamento contiene quanto segue:

    • Tutti gli aggiornamenti rapidi critici su richiesta precedenti.

    • Correzioni per i problemi che soddisfano i criteri di accettazione degli aggiornamenti rapidi. Questi criteri includono la disponibilità della soluzione alternativa, l'effetto del cliente, la riproducibilità, la complessità del codice che deve essere modificato e così via.

GDR (General Distribution Release)


  • Una GDR risolve un problema che ha un ampio impatto sui clienti, che ha implicazioni sulla sicurezza o che ha entrambi. Una GDR viene determinata ed emessa da Microsoft in base alle esigenze e quando appropriato. I GDR vengono mantenuti al minimo.

  • Un GDR non può essere richiesto da un cliente. Microsoft determina internamente se un aggiornamento rapido segnalato viene classificato come e recapitato come GDR.

  • Una GDR viene rilasciata tramite l'area download. Un rapporto di mancato recapito viene rilasciato anche tramite Microsoft Update, Windows Update o entrambi.

Per impostazione predefinita, tutti gli aggiornamenti rapidi vengono utilizzati tramite i rilasci GDR, i rilasci CU e i rilasci COD. Quando il volume di richieste di aggiornamenti rapidi di un prodotto rientra in una determinata soglia, ad esempio dieci richieste di aggiornamenti rapidi al mese, il team di SQL interrompe i rilasci cu e fornisce gli aggiornamenti rapidi tramite rilasci GDR, con rilasci OD e con rilasci COD. Il SQL Server team esegue la determinazione in base ai costi di supporto e alla richiesta dei clienti.

La figura seguente mostra una panoramica del ciclo di supporto ISM per un prodotto tipico. Vengono visualizzati sia il ciclo di supporto della versione originale che il primo ciclo di supporto dei Service Pack. Questo tipo di sequenza temporale si applica anche a tutte le versioni future di un prodotto. Ad esempio, la sequenza temporale si applica tra Service Pack 1 e Service Pack 2. La sequenza temporale si applica a tutti i prodotti nella matrice di supporto.

testo alternativo

Tenere presente che prodotti diversi possono avere periodi diversi tra la versione originale e la prima versione del Service Pack. GDR e COD possono verificarsi durante il ciclo di vita del supporto di un prodotto.

Con un modello di manutenzione non ISM, i rilasci di rollup dopo un rilascio principale coprono il gap di manutenzione che si verifica tra un rilascio precedente e un rilascio corrente. Ad esempio, i rilasci cumulativi coprono il divario tra la versione originale e il Service Pack 1. Poiché un ISM elimina le lacune di manutenzione, un ISM elimina la necessità di rilasci dell'aggiornamento cumulativo. Il primo aggiornamento cumulativo dopo una nuova versione contiene l'aggiornamento cumulativo, oltre a eventuali altre QFE.

Un pacchetto di aggiornamenti rapidi non sostituisce un Service Pack. Un pacchetto di aggiornamenti rapidi è facoltativo. Un pacchetto di aggiornamenti rapidi può essere installato o disinstallato in qualsiasi momento. Inoltre, i pacchetti di aggiornamenti rapidi sono cumulativi. Di conseguenza, il pacchetto di aggiornamenti rapidi OD o cu più recente include tutti gli aggiornamenti rapidi rilasciati in precedenza.

Il team SQL Server sta introducendo questo modello rivisto, concentrandosi sui modi per migliorare la qualità SQL Server per ridurre la necessità di aggiornamenti rapidi.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della lingua?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×