Introduzione

Questo articolo descrive i problemi risolti nell'aggiornamento cumulativo 34 per le seguenti versioni di Ripristino del sito di Microsoft Azure:

Note

  • Si tratta di un hotfix per un problema menzionato nella sezione "Problemi risolti in questo aggiornamento".

  • Vedere la sezione "Prerequisiti" prima di applicare questo aggiornamento.

Riepilogo

Per installare Microsoft Aggiornamento cumulativo 34 del provider di Ripristino sito di Azure (versione 5.1.3950.0), è necessario è installato uno dei seguenti elementi:

  • Gestione ripristino Hyper-V di Microsoft Azure (versione 3.4.486 o successiva)

  • Provider Hyper-V di Microsoft Azure Site Recovery (versione 4.6.660 o successiva)

  • Provider di site recovery di Microsoft Azure (versione 5.1.3500 o successiva)

  • Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery (da VMware ad Azure) (versione 9.18.Microsoft Azure Site Recovery Unified Setup (VMware to Azure) (version 9.18. xxxx. x o versione successiva)

Nota:È possibile verificare la versione del provider installato nell'elemento Programmi e funzionalità del Pannello di controllo.

Problemi risolti in questo aggiornamento

Dopo aver applicato questo aggiornamento, il seguente problema è stato risolto e i seguenti miglioramenti sono Incluso.

Servizio di mobilità

Problema risolto (si applica al ripristino di emergenza della macchina virtuale di Azure e Macchine virtuali VMware)

  • Consente di correggere un problema in cui veniva presa in considerazione l'integrità degli autori di account, indipendentemente dal fatto che fossero applicabili. Ciò significa che i punti coerenti con l'applicazione non sono stati generati quando un writer si trovava in uno stato di errore.

Aggiornamento dei componenti locali di Azure Site Recovery

Tra due Siti VMM

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo più recente perProvider di site recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare prima l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale che gestisce il sito di ripristino.

  3. Dopo l'aggiornamento del sito di ripristino, installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM che gestisce il sito primario.

Nota:Se VMM è un VMM disponibile (Clustered VMM), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un Sito VMM e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo perProvider di site recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale.

  3. Installare la versione più recenteMARTEsu tutti gli host Hyper-V.

Nota:Se il vostro VMM è un VMM disponibile (Clustered VMM), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un Sito Hyper-V e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo perProvider di site recovery di Microsoft Azure..

  2. Installare il provider in ogni nodo dei server Hyper-V registrati in Azure Site Recovery.

Nota:Se l'Hyper-V è un ospitare il server Hyper-V in cluster, assicurarsi di installare l'aggiornamento su tutti i nodi del cluster

Tra un VMware o sito fisico in AzureVMware or physical site to Azure

  1. Aggiornare il server di gestione locale scaricando Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery. Questo è il server con i ruoli del server di configurazione e del server di elaborazione.

  2. Se si dispone di server di elaborazione con scalabilità orizzontale, aggiornarli successivamente utilizzando l'installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery.

  3. Passare al portale di Azure > Elementi protetti > pagina Elementi replicati. Selezionare una macchina virtuale in questa pagina. Selezionare il pulsante Aggiorna agente visualizzato nella parte inferiore della pagina per ogni macchina virtuale. In questo modo l'agente del servizio Mobility viene aggiornato in tutte le macchine virtuali protette.

Si consiglia di riavviare dopo ogni aggiornamento dell'agente Mobility per assicurarsi che tutte le ultime modifiche vengono caricati nel computer di origine. Tuttavia, questo passaggio non è obbligatorio. Se il differenza tra la versione dell'agente durante l'ultimo riavvio e la versione è maggiore di 4, un riavvio è obbligatorio. Fare riferimento alle seguenti tabella per una spiegazione dettagliata.

Versione dell'agente durante l'ultimo riavvio

Aggiornamento alla versione

Il riavvio è obbligatorio?

9.16

9.18

Non obbligatorio

9.16

9.19

Non obbligatorio

9.16

9.20

Non obbligatorio

9.16

9.21

sì. Prima l'aggiornamento alla versione 9.20, quindi riavviare prima l'aggiornamento alla versione 9.21 perché la differenza tra le versioni (9.16 in cui l'ultimo riavvio è stato eseguito e la versione di destinazione 9.21) è maggiore di 4 versioni.

Informazioni sull'aggiornamento

A risolvere questi problemi, scaricare e installare i seguenti file dal Area download Microsoft:

per ulteriori informazioni su come scaricare i file di supporto Microsoft, vedere la seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:

119591 Come ottenere i file di supporto Microsoft dai servizi online

Microsoft ha analizzato questo file alla ricerca di virus. Microsoft ha utilizzato il rilevamento antivirus più recente software disponibile alla data in cui il file è stato pubblicato. Il file è archiviati su server con protezione avanzata che consentono di impedire modifiche non autorizzate nel file.

Requisiti

A Installare l'aggiornamento cumulativo 33 del provider di ripristino del sito di Microsoft Azure (versione 5.1.3900.0), è necessario disporre di uno dei seguenti Installato:

  • Gestione ripristino Hyper-V di Microsoft Azure (versione 3.4.486 o versione successiva)

  • Provider Hyper-V di Microsoft Azure Site Recovery (versione 4.6.660 o versione successiva)

  • Provider di site recovery di Microsoft Azure (versione 5.1.3500 o versione successiva)

A installare l'aggiornamento cumulativo 33 per l'installazione di Microsoft Azure Site Recovery 9.22.5109.1), è necessario che sia installato quanto segue:

  • Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery (VMware per Azure) (versione 9.17. xxxx. x o versione successiva)

Nota: È possibile verificare la versione del provider installato nella nel Pannello di controllo.

Riferimenti

Scopri la terminologia che Microsoft utilizza per descrivere gli aggiornamenti software. 

Dichiarazione di non responsabilità per le informazioni di terze parti

I prodotti di terze parti che questo articolo discute sono fabbricati da aziende che sono indipendenti di Microsoft. Non facciamo alcuna garanzia, implicita o meno, sulle prestazioni o l'affidabilità di questi prodotti.

Forniamo terze parti informazioni di contatto e del sito web per aiutarti a trovare supporto tecnico. questo informazioni possono cambiare senza preavviso. Non garantiamo l'accuratezza di questo informazioni di terze parti.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della traduzione?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×