Introduzione

Importante: Questa versione non fornisce aggiornamenti per l'esperienza di anteprima delle replica VMware ad Azure. 

Questo articolo descrive i problemi risolti nell'aggiornamento cumulativo 62 nelle versioni seguenti di Microsoft Azure Site Recovery:

Informazioni sui dettagli dei problemi risolti e sui prerequisiti che devono essere verificati prima di installare questo aggiornamento.

Requisiti

Per installare l'aggiornamento cumulativo 62 di Microsoft Azure Site Recovery Provider Update, è necessario che sia installata una delle opzioni seguenti:

  • Microsoft Azure Site Recovery Provider (versione 5.1.6900 o successiva)

  • Microsoft Azure Site Recovery Installazione unificata (da VMware ad Azure) (versione 9.45.xxxx.x o successiva)

  • Microsoft Azure Recovery Services Agent (versione 2.0.9202.0 o successiva)

Nota:È possibile controllare la versione del provider installata nella voce Programmi e funzionalità di لوحة التحكم.

Miglioramenti apportati e problemi risolti in questo aggiornamento

Dopo aver installato questo aggiornamento, vengono risolti i problemi seguenti e sono inclusi i miglioramenti seguenti.

Servizio di mobilità

Supporto del sistema operativo Linux

  • Da Azure ad Azure

    • RHEL 8.6

    • Cent OS 8.6

  • VMware/Fisica in Azure

    • RHEL 8.6

    • Cent OS 8.6

Problemi risolti

  • È stato risolto un problema per cui la replica diventava critica a causa di un riferimento a un oggetto Null da parte di un agente Site Recovery.

  • È stato risolto un problema per cui la replica non avanzava dopo il rinnovo dei certificati del server di configurazione. È consigliabile aggiornare tutti i componenti alla versione 9.49 prima di eseguire un'operazione di rinnovo del certificato.

  • L'installazione del servizio di mobilità non rispondeva a causa di un'operazione interna che gestiva erroneamente un parametro Null.

  • È stato risolto un problema per cui la creazione di punti di ripristino uniformi per le app non veniva gestito correttamente a causa di uno scenario non supportato. 

  • È stato risolto un problema per cui i database SAP HANA si danneggiavano dopo l'aggiornamento del servizio per dispositivi mobili alla versione 9.47.

  • Registrazione migliorata per migliorare i problemi di debug.

Microsoft Azure Site Recovery (servizio)

Miglioramenti

  • Il supporto per la configurazione delle regole di bypass proxy è ora disponibile per le replica VMware e Hyper-V, tramite endpoint privati.

Microsoft Azure Site Recovery (portale)

Nessuna modifica aggiunta.

Microsoft Azure Site Recovery Configuration Server

Sono stati risolti i seguenti problemi di sicurezza: 

Microsoft Azure Site Recovery Process Server

Sono stati risolti i seguenti problemi di sicurezza: 

Importante: È consigliabile aggiornare sia il server di configurazione che tutte le istanze del server di processo per assicurarsi che queste correzioni per la sicurezza siano state applicate all'infrastruttura.

Aggiornamento dei componenti di Azure Site Recovery locale

Tra due siti VMM locali

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo più recente per il provider di Site Recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare prima l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale che gestisce il sito di ripristino.

  3. Dopo aver aggiornato il sito di ripristino, installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM che gestisce il sito principale.

NotaSe VMM è un VMM altamente disponibile (VMM cluster), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un sito VMM locale e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo per il provider di Site Recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale.

  3. Installa l'agente dei servizi di ripristino di Microsoft Azure più recente in tutti gli host Hyper-V.

Note Se VMM è un VMM altamente disponibile (VMM cluster), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un sito Hyper-V locale e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo per il provider di Site Recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare il provider in ogni nodo dei server Hyper-V registrati in Azure Site Recovery.

NotaSe Hyper-V è un server Hyper-V con cluster host, assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster.

Tra un VMware locale o un sito fisico ad Azure

  1. Aggiornare il server di gestione locale scaricando Microsoft Azure Site Recovery Unified Setup. Questo è il server che ha i ruoli Server di configurazione e Processo server.

  2. Se si dispone di server di processo con scalabilità orizzontale, aggiornarli successivamente eseguendo Microsoft Azure Site Recovery installazione unificata.

  3. Passare alla Azure-Portal e quindi passare alla pagina Elementi protetti > Elementi replicati. Seleziona una macchina virtuale in questa pagina. Seleziona il pulsante Agente di aggiornamento visualizzato nella parte inferiore della pagina per ogni macchina virtuale. L'agente del servizio di mobilità verrà aggiornato in tutte le macchine virtuali protette.

Nota: Se stai aggiornando o protegge i computer SUSE Linux Enterprise Server 11 SP3, SUSE Linux Enterprise Server 11 SP4, RHEL5, CentOS 5, DEBIAN7 e DEBIAN8, assicurati di seguire i passaggi seguenti -

  1. Scarica il programma di installazione appropriato per i tuoi computer:

  2. Copiare il programma di installazione nelle cartelle INSTALL_DIR\home\svsystems\pushinstallsvc\repository in Configuration Server e Scale Out Process Servers prima di aggiornare o proteggere il 虛擬機器. Ad esempio, di seguito verrà visualizzato il nome della cartella quando il percorso di installazione di Server di configurazione/Process Server è C:\Programmi (x86)\Microsoft Azure Site Recovery

    • C:\Programmi (x86)\Microsoft Azure Site Recovery\home\svsystems\pushinstallsvc\repository

  3. Dopo aver copiato il programma di installazione, passare a services.msc e riavviare il servizio InMage PushInstall .

Nota: È consigliabile riavviare dopo ogni aggiornamento dell'agente di mobilità per assicurarsi che tutte le ultime modifiche vengano caricate nel computer di origine. Questo non è necessariamente obbligatorio. Tuttavia, un riavvio è obbligatorio se la differenza tra le versioni agente dell'ultimo riavvio e la versione di destinazione è maggiore di quattro (4) nell'ultima posizione decimale. Per una spiegazione dettagliata, vedere la tabella seguente.

Versione agente durante l'ultimo riavvio

Aggiornamento a

Il riavvio è obbligatorio?

9.25

9.27

Non obbligatorio

9.25

9.28

Non obbligatorio

9.25

9.29

Non obbligatorio

9.25

9.30

Obbligatorio

Eseguire prima l'aggiornamento alla versione 9.29 e quindi riavviare prima di eseguire l'aggiornamento alla versione 9.30 (perché la differenza tra l'ultima versione di riavvio e la versione di destinazione è maggiore di 4)

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze

Esplora i corsi di formazione >

Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche

Partecipa a Microsoft Insider >

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della lingua?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×