Riepilogo

Questo articolo descrive le modifiche Windows PowerShell incluse nell'aggiornamento cumulativo 4 (CU4) per Microsoft System Center 2012 R2 Configuration Manager. Altre correzioni cu4 sono descritte nel seguente articolo Microsoft Knowledge Base:

3026739 Descrizione dell'aggiornamento cumulativo 4 per System Center 2012 R2 Configuration Manager

Problemi risolti

  • Add-CMDeploymentType

    • Quando si usa un tipo di distribuzione che importa le relative informazioni, ad esempio AppV, il parametro DeploymentTypeName viene ignorato.

    • Il parametro WindowsPhoneStoreInstaller crea tipi di distribuzione non corretti. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 1.

    • Le posizioni non valide possono essere specificate in modo non corretto per i tipi di distribuzione seguenti:

      • Windows Phone Store

      • Google Play Store

      • Apple Store

    • È possibile configurare quanto segue come DownloadContentAsStreaming:

      • Distribuzione MSI

      • Windows .appx tipo OnSlowNetworkMode valori



  • L'affinità Utente-dispositivo Add-CMDeviceAffinityToUser

    per gli utenti non personali non può essere impostata nei dispositivi. Ad esempio, questi utenti possono essere utenti individuati tramite Active Directory.

  • Add-CMDistributionPoint

    È possibile specificare un certificato scaduto CertificateExpirationTimeUtc.

  • I valori di Add-CMFallbackStatusPoint

    StateMessageNum non vengono convalidati rispetto all'intervallo accettabile (da 100 a 100.000).

  • Export-CMPackage

    Errori non corretti vengono segnalati quando ExportFilePath è in un formato imprevisto.

  • Get-CMSoftwareUpdate

    Il parametro Id che consente di eseguire query per gli aggiornamenti software in base al valore ID non è presente.

  • Get-CMStatusFilterRule

    Non vengono restituiti risultati se il parametro Name non è specificato.

  • Get-CMUser

    • Vengono restituiti tipi di oggetto non coerenti (SMS_CombinedUserResources o SMS_Collection), a seconda dei parametri di input. Si tratta di una regressione rispetto alla versione di rilascio di System Center 2012 R2 Configuration Manager. Per altre informazioni sull'impatto di questa correzione, vedere Get-CMUser note nella sezione "Modifiche alla rottura".

    • Gli oggetti non utente vengono associati quando si usa Name o ResourceId.

    • Non esegue query su valori "SMSID" e "Name" per record SMS_CombinedUserResource. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.



  • Import-CMCertificate

    Unable per leggere il certificato specificato dal parametro Path. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.

  • New-CMActiveDirectoryForest

    Unable to create new Active Directory forest object. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.

  • New-CMBoundary

    Nessuna convalida del parametro Value rispetto a Type. Ciò consente la configurazione dei limiti non valida.

  • Errori non corretti di New-CMClientSetting

    vengono segnalati quando si crea un'impostazione client con l'argomento Tipo "Predefinito".

  • New-CMCollectionVariable Non è possibile

    aggiungere nuove variabili a un insieme con variabili preesistenti. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.

  • È possibile specificare New-CMSecondarySite

    Expired CertificateExpirationTimeUtc.

  • Remove-CMDeviceCollection

    Consente di rimuovere la raccolta non dispositivo quando la si usa con InputObject o con una pipeline.

  • Remove-CMUserCollection

    Consente la rimozione della raccolta non utente quando la si usa con InputObject o con una pipeline.

  • Set-CMAssetIntelligenceSynchronizationPoint

    Unable to clear Asset Intelligence proxy certificate by setting CertificateFile to "$null".

  • Set-CMBoundary

    Il parametro Value non viene convalidato per la sintassi corretta in base al tipo di limite o al parametro Type. Ciò consente la configurazione dei limiti non valida.

  • Le esecuzioni dei cmdlet Set-CMClientPushInstallation

    Successive non riescono dopo l'esecuzione del cmdlet.

  • Set-CMDeploymentType

    • Il cmdlet non riesce automaticamente se si prova a impostare un tipo di distribuzione che non esiste in un'applicazione.

    • Consente di configurare una distribuzione MSI o Windows tipo .appx OnSlowNetworkMode valore come DownloadContentAsStreaming.

    • Il cmdlet non riesce automaticamente se si prova a modificare un programma di installazione del tipo di distribuzione non riconosciuto dal cmdlet.



  • Set-CMDeviceCollection

    Consente la configurazione della raccolta non dispositivo quando la si usa con InputObject o con una pipeline.

  • Set-CMDistributionPoint

    • È possibile specificare CertificateExpirationTimeUtc scaduto.

    • Il valore AllowFallbackForContent non si applica al punto di distribuzione.



  • Set-CMFileReplicationRoute

    FileReplicationAccountName non convalida correttamente il nome utente in alcuni casi.

  • Il valore Set-CMStateMigrationPoint

    AllowFallbackForContent non si applica al punto di migrazione dello stato.

  • Set-CMSystemHealthValidatorPointComponent

    Unable to clear Active Directory publishing or query accounts by setting Null or empty value for PublishAccount and QueryAccount.

  • Set-CMUserCollection

    Consente la configurazione della raccolta non utente quando la si utilizza con InputObject o con una pipeline.

  • È possibile specificare Il certificato scaduto Start-CMDistributionPointUpgradeExpirationTimeUtc

    .

  • Update-CMCertificate

    Unable per leggere il certificato specificato dal parametro Path. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.


Modifiche aggiuntive

Nuovi cmdlet

  • Add-CMDeploymentTypeDependency

    Aggiunge un tipo di distribuzione come dipendenza a un gruppo di dipendenze. L'input richiesto è un oggetto di tipo distribuzione da Get-CMDeploymentType e un gruppo di dipendenze da [Get| New]-CMDeploymentTypeDependencyGroup.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp New-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup |
    Add-CMDeploymentTypeDependency -DeploymentTypeDependency '
    (Get-CMDeploymentType -ApplicationName MyChildApp) '
    -IsAutoInstall $true


  • Add-CMDeploymentTypeSupersedence

    Imposta un tipo di distribuzione per sostituisce un altro. L'input obbligatorio è un tipo di override di Get-CMDeploymentType e di un tipo di distribuzione sovrapposto da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Add-CMDeploymentTypeSupersedence -SupersedingDeploymentType '
    (Get-CMDeploymentType -ApplicationName MySupersedingApp)


  • ConvertFrom-CMApplication

    Converts an AppMgmt SDK "Application" object into an SMS_Application object for insert into the SMS Provider. Si noti che in questo modo viene creata solo un'istanza di SMS_Application. Spetta al codice chiamante inserirlo effettivamente in WMI.

    Esempio

    $app = Get-CMApplication -Name MyApp |
    ConvertTo-CMApplication
    # (placeholder code to make changes against $app object)
    $obj = ConvertFrom-CMApplication -Application $app
    $obj.Put()




  • ConvertFrom-CMConfigurationItem

    Converte un oggetto DCM Object Model SDK ConfigurationItem o un oggetto derivato in una stringa XML.

    Esempio

    $rule = Get-CMConfigurationItem | ConvertTo-CMConfigurationItem
    $xml = ConvertFrom-CMConfigurationItem -ConfigurationItem $rule



  • ConvertTo-CMApplication

    Converts an SMS_Application or SMS_DeploymentType into an AppMgmt SDK "Application" object. Può essere convertito di nuovo in un "SMS_Application" usando il cmdlet ConvertFrom-CMApplication.

    Esempio

    $app = Get-CMApplication -Name MyApp | ConvertTo-CMApplication



  • ConvertTo-CMConfigurationItem

    Converts a CI-based object from the SMS Provider or XML string to a DCM Object Model SDK object derived from ConfigurationItem.

    Esempio

    Get-CMConfigurationItem | ConvertTo-CMConfigurationItem


  • Get-CMCertificate

    Ottiene certificati archiviati per il sito. Può trattarsi di proxy ISV, supporti di avvio o certificati dei punti di distribuzione. L'output di questo cmdlet può essere pipelineato in altri cmdlet Certificate, ad esempio Block-CMCertificate. Si noti che le query eseguite con Thumbprint possono essere più lente di altre query, in particolare con set di risultati di grandi dimensioni.

    Esempio

    $bootmedia = Get-CMCertificate -CertificateType BootMedia


  • Get-CMDeploymentTypeDependency

    Ottiene tipi di distribuzione dipendenti esistenti da un gruppo di dipendenze. L'input richiesto è un oggetto gruppo di dipendenze da Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup |
    Get-CMDeploymentTypeDependency

  • Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup

    Ottiene un gruppo di dipendenze del tipo di distribuzione esistente. Può essere modificata usando Add-CMDeploymentTypeDependency o Remove-CMDeploymentTypeDependency. L'input richiesto è un oggetto di tipo distribuzione da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup

  • Get-CMDeploymentTypeSupersedence

    Ottiene le sovrasedenze per un tipo di distribuzione sovrapposto. L'input richiesto è un tipo di distribuzione sovrapposto.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Get-CMDeploymentTypeSupersedence

  • Get-CMMigrationSource

    Ottiene informazioni per una gerarchia di origine di cui è stata eseguita la migrazione. Può essere usato con Sync-CMMigrationSource per visualizzare lo stato della migrazione.

    Esempio

    Get-CMMigrationSource | seleziona Stato

  • Get-CMObjectSecurityScope

    Ottiene tutti gli ambiti di sicurezza associati all'Oggetto Input specificato. Può essere usato su qualsiasi oggetto che usa ambiti di sicurezza.

    Esempio

    Get-CMSoftwareUpdateGroup | Get-CMObjectSecurityScope
    Get-CMBoundaryGroup | Get-CMObjectSecurityScope

  • Get-CMQuery

    Ottiene una query.

    Esempio

    Get-CMQuery -Name "Tutti i dispositivi personali"

  • Get-CMSiteDefinition

    Ottiene informazioni sulla definizione del sito da SMS_SiteDefinition classe. Contiene varie impostazioni di configurazione e a livello di sito.

    Esempio

    Get-CMSiteDefinition -CodiceSito PRI

  • Get-CMSiteRole

    Ottiene un elenco di ruoli del sito da un server del sito o da server del sito.

    Esempio

    myserver.contoso.com Get-CMSiteRole -SiteSystemServerName

  • Get-CMSupportedPlatforms

    Ottiene un elenco di piattaforme supportate. Può essere utilizzato per la pipelining in Import-CMDriver.

    Esempio

    Get-CMSupportedPlatforms -Name 'All Windows*'

  • Invoke-CMQuery

    Richiama una query e restituisce i risultati.

    Esempio

    Get-CMQuery -Name "My Systems" | Invoke-CMQuery

  • Invoke-CMSystemDiscovery

    Indica al sito di avviare l'individuazione del sistema Active Directory il prima possibile.

    Esempio

    Invoke-CMSystemDiscovery -SiteCode ABC

  • Invoke-CMUserDiscovery

    Indica al sito di avviare l'individuazione degli utenti di Active Directory il prima possibile.

    Esempio

    Invoke-CMUserDiscovery -SiteCode ABC

  • Invoke-GroupDiscovery

    Indica al sito di avviare l'individuazione del gruppo di Active Directory il prima possibile.

    Esempio

    Invoke-CMGroupDiscovery -SiteCode ABC

  • New-CMADGroupDiscoveryScope

    Crea un oggetto che può essere utilizzato per configurare un ambito di individuazione dei gruppi di Active Directory insieme a Set-CMDiscoveryMethod.

    Esempio

    Set-CMDiscoveryMethod -ActiveDirectoryGroupDiscovery '
    -AddGroupDiscoveryScope (New-CMADGroupDiscoveryScope '
    -name MyScope -SiteCode R2s -LdapLocation '
    "LDAP://CN=ScopeLocation,DC=contoso,DC=com"-RecursiveSearch $true)

  • New-CMDeploymentTypeDependencyGroup

    Crea un gruppo di dipendenze tipo di distribuzione astratta. Deve essere aggiunto a un tipo di distribuzione esistente utilizzando Add-CMDeploymentTypeDependency. L'input richiesto è un oggetto di tipo distribuzione da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp New-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup

  • New-CMEmbeddedObjectInstance

    Per i casi di utilizzo avanzati in cui è necessario modificare direttamente gli oggetti risultato dal provider SMS o dalle query oggetto. Crea un nuovo oggetto incorporato di una classe ad hoc. Si noti che per i tipi "SMS_EmbeddedProperty" o "SMS_EmbeddedPropertyList", sono presenti New-CMEmbeddedProperty e New-CMEmbeddedPropertyList.

    Esempio

    $prop = New-CMEmbeddedObjectInstance -ClassName "SMS_EmbeddedProperty"

  • New-CMEmbeddedProperty

    Per i casi d'uso avanzati in cui è necessario modificare direttamente i risultati dal provider SMS o dalle query oggetto. Crea una nuova istanza di SMS_EmbeddedProperty e può anche impostare valori.

    Esempio

    $dp = Get-CMDistributionPoint -SiteSystemServerName mydp001.contoso.com
     $embeddedProperty = New-CMEmbeddedProperty -PropertyName "UpdateBranchCacheKey" -Value 1
     $props = $dp.EmbeddedProperties
     $props["UpdateBranchCacheKey"] = $embeddedProperty
     $dp.EmbeddedProperties = $props
     $dp.Put()


  • New-CMEmbeddedPropertyList

    Per i casi d'uso avanzati in cui è necessario modificare direttamente gli oggetti dei risultati dal provider SMS o dalle query oggetto. Crea una nuova istanza di SMS_EmbeddedPropertyList e può anche impostare valori.

    Esempio

    $propList = New-CMEmbeddedPropertyList -PropertyListName MyList -Values ("abc", "def", "xyz")

  • New-CMQuery

    Crea una nuova query.

    Esempio

    New-CMQuery -Name "My Systems" -Expression '
    "select * from SMS_R_System where Name LIKE 'ABC%'

  • Remove-CMCollection

    Rimuove una raccolta invariante in base al valore, può essere usata al posto di Remove-CMUserCollection e Remove-CMDeviceCollection per la rimozione della raccolta.

    Esempio

    Get-CMUserCollection -Name MyCollection | Remove-CMCollection -Force
    Get-CMDeviceCollection -Name MyDeviceCollection |
    Remove-CMCollection -Force

  • Remove-CMDeploymentTypeDependency

    Rimuove una dipendenza del tipo di distribuzione da un gruppo di dipendenze del tipo di distribuzione. Se la rimozione di una dipendenza fa sì che il gruppo non abbia più dipendenze, il gruppo verrà rimosso. L'input obbligatorio è un oggetto tipo di distribuzione da Get-CMDeploymentType o Get-CMDeploymentTypeDependency e un gruppo di dipendenze da Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup.

    Esempio

    $dpGroup = Get-CMDeploymentType -ApplicationName myApp |
    Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup '
    $dpDeps = Get-CMDeploymentTypeDependency -Group $dpGroup
    Remove-CMDeploymentTypeDependency -Group $dpGroup '
    -DeploymentTypeDependency $dpDeps[1] -Force

  • Remove-CMDeploymentTypeDependencyGroup

    Rimuove un gruppo di dipendenze del tipo di distribuzione (e le relative dipendenze) da un tipo di distribuzione. L'input obbligatorio è un gruppo di dipendenze di Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup |
    Remove-CMDeploymentTypeDependencyGroup -Force

  • Remove-CMDeploymentTypeSupersedence

    Rimuove un tipo di distribuzione sovrapposto da un tipo di distribuzione sovrapposto. L'input obbligatorio è un tipo che sostituisce da Get-CMDeploymentType o Get-CMDeploymentTypeSupersedence e tipo di distribuzione sovrapposto da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Remove-CMDeploymentTypeSupersedence -SupersedingDeploymentType '
    (Get-CMDeploymentType -ApplicationName MySupersedingApp)

  • Remove-CMQuery

    Rimuove una query.

    Esempio

    Get-CMQuery -Name "My Systems" | Remove-CMQuery -Force

  • Set-CMDeploymentTypeDependencyGroup

    Configura le impostazioni per un gruppo di tipi di distribuzione. L'input obbligatorio è un gruppo di dipendenze di Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Get-CMDeploymentTypeDependencyGroup -GroupName MyGroup |
    Set-CMDeploymentTypeDependencyGroup -NewName MyNewGroup

  • Set-CMDeploymentTypeSupersedence

    Configura le impostazioni per la sostituzione del tipo di distribuzione. L'input obbligatorio è un tipo che sostituisce da Get-CMDeploymentType o Get-CMDeploymentTypeSupersedence e tipo di distribuzione sovrapposto da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName |
    MyApp Set-CMDeploymentTypeSupersedence -SupersedingDeploymentType '
    (Get-CMDeploymentType -ApplicationName MySupersedingApp) '
    -IsUninstall $true

  • Set-CMQuery

    Configura una query.

    Esempio

    Get-CMQuery -Name "My Systems" |
    Set-CMQuery -NewName "My ABC Systems"

  • Sync-CMMigrationSource

    Avvia una sincronizzazione per una gerarchia di origine di cui è stata eseguita la migrazione.

    Esempio

    Sync-CMMigrationSource


Modifiche unificatore

Queste modifiche rappresentano miglioramenti ai cmdlet esistenti. Si tratta di modifiche additive e non devono causare problemi di compatibilità per l'automazione esistente.

  • Add-CMDeploymentType

    • Nuovo parametro facoltativo per le regole dei requisiti: AddRequirement. Le regole devono essere create utilizzando DCM Object Model SDK.

    • Nuovo parametro facoltativo: Applicazione. Accetta l'input da Get-CMApplication come alternativa a ApplicationName.



  • Add-CMDistributionPoint

    New EnableBranchCache parameter added to enable branch cache for new distribution point.

  • I parametri Add-CMFallbackStatusPoint

    ThrottleInterval e StateMessageNum non sono più obbligatori. I valori predefiniti verranno usati per ThrottleInterval (3.600) e StateMessageNum (10.000) se non sono definiti valori.

  • Parametro Block-CMCertificate

    New Certificate per consentire l'oggetto pipelining da Get-CMCertificate.

  • Clear-CMClientOperation

    New optional Operation parameter that accepts input from Get-CMClientOperation.

  • Disable-CMStatusFilterRule

    Il parametro Name ora accetta valori jolly.

  • Enable-CMStatusFilterRule

    Il parametro Name ora accetta valori jolly.

  • Export-CMSecurityRole

    Supporto aggiuntivo per l'esportazione dei ruoli di sicurezza in base al nome (RoleName) o al valore (ruolo).

  • Get-CMAppV5XDeploymentTypeItem

    ora accetta input con pipeline da Get-CMDeploymentType.

    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName "MyApp" '
    -DeploymentTypeName "AppV5X" | Get-CMAppV5XDeploymentTypeItem

  • Get-CMClientPushInstallation

    Non richiede più un parametro di ricerca obbligatorio per trovare i dettagli dell'installazione push del client.

  • Get-CMDeploymentType

    Oggetto risultato della pipeline Can da Get-CMApplication per ottenere tipi di distribuzione.

    Esempio

    Get-CMApplication -Name "App Contoso" |
    Get-CMDeploymentType s-Name "Programma di installazione MSI"

  • Get-CMManagementPointComponent

    Non richiede più parametri SiteCode e SiteSystemName obbligatori.

  • Get-CMSoftwareUpdate

    New optional OnlyExpired parameter to scope query to scope query to only get expired updates for faster queries.

  • Get-CMStatusFilterRule

    Il parametro Name accetta ora valori jolly.

  • Get-CMUser Miglioramenti

    delle prestazioni con set di risultati di grandi dimensioni.

  • Import-CMComputerInformation

    SmBiosId e MacAddress possono essere definiti quando si utilizza ComputerName invece di entrambi. Se non viene definita alcuna delle due opzioni, il cmdlet avrà esito negativo.

  • Import-CMDriver

    • Nuovo parametro ImportFolder facoltativo per indicare che tutti i driver nella cartella specificata tramite UncFileLocation devono essere elaborati.

    • Nuovo parametro SupportedPlatforms facoltativo che accetta l'input da Get-CMSupportedPlatforms per l'impostazione delle piattaforme supportate da un driver.



  • Blocca-CMObject

    ora accetta oggetti tramite pipeline.

    Esempio

    Get-CMDriverPackage | Blocca-CMObject

  • Il parametro Facoltativo DisplaySupersedencesInApplicationCatalog New-CMApplication

    New consente di visualizzare le supersedenze nel catalogo applicazioni.

  • New-CMMaintenanceWindow

    New optional Collection parameter accepts input from Get-CMCollection.

  • Nuovo parametro EnableBranchCache new-CMSecondarySite

    aggiunto per abilitare la cache di succursale per il punto di distribuzione del sito secondario.

  • Remove-CMApplicationRevisionHistory

    Accetta input con pipeline da Get-CMApplicationRevisionHistory per la rimozione di una revisione specifica dell'applicazione.

    Esempio

    Get-CMApplicationRevisionHistory -Name "App Contoso" -Revisione 2 |
    Remove-CMApplicationRevisionHistory

  • Remove-CMClientOperation

    New optional Operation parameter accepts input from Get-CMClientOperation.

  • Remove-CMDeployment

    New optional Deployment parameter accetta un oggetto da Get-CMDeployment che consente l'eliminazione di aggiornamenti, pacchetti, sistemi operativi e distribuzioni di applicazioni.

    Nota DeploymentId e ApplicationName continueranno a supportare solo le distribuzioni di applicazioni. Questo comportamento è soggetto a modifiche in una versione futura.

  • Remove-CMDeploymentType

    Il parametro ApplicationName non è più necessario quando si utilizza DeploymentType o la pipeline da Get-CMDeploymentType.

  • Remove-CMMaintenanceWindow

    New optional Collection parameter accepts input from Get-CMCollection.

  • Remove-CMStatusFilterRule

    Il parametro Name ora accetta valori jolly.

  • Set-ClientPushInstallation

    Now supporta il pipelining da Get-CMClientPushInstallation.

  • Set-CMApplication

    New optional DisplaySupersedencesInApplicationCatalog parametro attiva o disattiva la possibilità di visualizzare le supersedenze nel catalogo applicazioni.

  • Set-CMDeploymentType

    • Nuovi parametri facoltativi per le regole dei requisiti:

      • AddRequirement

      • RemoveRequirement

      • ClearRequirements

      Le regole devono essere create utilizzando DCM Object Model SDK.
      NotaRemoveRequirement input must match the RuleId value of the requirement rule in the deployment type. In caso contrario, non verrà rimosso.

    • ApplicationName non è più un parametro obbligatorio se viene usato un oggetto di input DeploymentType.

    • Ora supporta il pipelining da Get-CMDeploymentType.


    Esempio

    Get-CMDeploymentType -ApplicationName sccmapp '
    -DeploymentTypeName adberdr934_4.6.33.315 |
    Set-CMDeploymentType -AppV5xInstaller -OnSlowNetworkMode DoNothing

  • Set-CMDiscoveryMethod

    • Nuovi parametri facoltativi quando si configura l'individuazione dei gruppi con ActiveDirectoryGroupDiscovery:

      • AddGroupDiscoveryScope

      • RemoveGroupDiscoveryScope

    • AddGroupDiscoveryScope richiede input creato dal cmdlet New-CMADGroupDiscoveryScope.

    • RemoveGroupDiscoveryScope richiede il nome dell'ambito di corrispondenza delle stringhe.



    Esempio

    Set-CMDiscoveryMethod -ActiveDirectoryGroupDiscovery '
    -AddGroupDiscoveryScope (New-CMADGroupDiscoveryScope '
    -name MyScope -SiteCode R2S -LdapLocation '
    "LDAP://CN=ScopeLocation,DC=contoso,DC=com" -RecursiveSearch $true)

  • Set-CMDistributionPoint

    New EnableBranchCache parameter added to configure branch cache on distribution point.

  • Set-CMMaintenanceWindow

    New optional Collection parameter accepts input from Get-CMCollection.

  • Set-CMManagementPointComponent

    Ora accetta input con pipeline dai cmdlet seguenti:

    • Get-CMSiteDefinition (nuovo cmdlet)

    • Get-CMManagementPoint

    • Get-CMSite

    • Get-CMManagementPointComponent



  • Set-CMPackage

    • Nuovi parametri facoltativi per la modifica delle proprietà di distribuzione (prestage, multicast) e dell'origine dati (aggiornamento pacchetto) in modo che corrispondano alle finestre delle proprietà della console di amministrazione.

    • Sono stati rinominati diversi parametri per chiarezza e coerenza. Questi nuovi parametri denominati vengono alias ai nomi precedenti per mantenere la compatibilità.



  • Unblock-CMCertificate

    New Certificate parametro consente per pipelining oggetto da Get-CMCertificate.

  • Unlock-CMObject

    Ora accetta oggetti tramite pipeline.

    Esempio

    Get-CMDriverPackage | Unlock-CMObject

  • Update-CMCertificate

    • Il nuovo parametro force facoltativo impedisce la richiesta di sovrascrittura del certificato esistente.

    • Il nuovo parametro Certificate consente l'oggetto pipelining da Get-CMCertificate.


Informazioni importanti per tutti i cmdlet

I nuovi parametri facoltativi DisableWildcardHandling e ForceWildcardHandling-DisableWildcardHandling consentono cmdlet e parametri che supportano i caratteri jolly ("*" o "?") valori per forzare l'analisi del parametro come valore letterale anziché come valore jolly.

Si consideri lo scenario seguente: sono presenti due applicazioni: "Applicazione IT personale" e "Mia*Applicazione". Il cmdlet Get-CMApplication -Name My*Application restituirà sia "My IT Application" che "My*Application". Se l'obiettivo è recuperare solo "My*Application", è possibile aggiungere DisableWildcardHandling ai parametri del cmdlet per recuperare una corrispondenza.

  • Il parametro ForceWildcardHandling ripristina il comportamento precedente a R2 CU1 e consente di riconoscere molti argomenti dei parametri dei cmdlet basati su stringa come valori jolly anziché come valori letterali. Questo parametro può causare il comportamento dei cmdlet in modi imprevisti o non supportati e deve essere usato con grande attenzione.

  • Un messaggio di avviso verrà scritto nel flusso di output di PowerShell quando il comportamento della query interna viene modificato da questi parametri.

  • Si noti che, anche se tutti i cmdlet Configuration Manager supportano questi nuovi parametri, i parametri potrebbero non essere usati o rispettati in tutte le circostanze.

  • I parametri DisableWildcardHandling e ForceWildcardHandling non possono essere usati contemporaneamente. Se si usano entrambi i parametri contemporaneamente, l'esecuzione del cmdlet non riesce.



Altre modifiche unificatore significative
  • Miglioramento della registrazione quando Verbose è abilitato per la creazione, la modifica, la rimozione e il salvataggio di oggetti provider di SMS.

  • Miglioramento dell'efficienza delle query degli account utente del sistema del sito.

  • L'uso di un cmdlet o di un parametro deprecato può causare la scrittura di un avviso nella console Windows PowerShell. I cmdlet o i parametri deprecati possono essere rimossi in una versione futura e il loro uso dovrebbe essere interrotto appena possibile.



Cmdlet e parametri deprecati (che potrebbero essere rimossi in futuro)

L'uso di questi parametri deprecati deve essere interrotto appena possibile per evitare possibili modifiche in una versione futura.

Nota L'uso di un cmdlet o di un parametro deprecato può causare la scrittura di un avviso nella console Windows PowerShell.

  • Add-CMDeploymentType

    • Il parametro ForceForUnknownPublisher non viene più usato quando si creano i tipi di distribuzione seguenti:

      • Apple Store

      • Windows Phone 8

      • Google Play

    • Il parametro AutoIdentifyFromInstallationFile non viene più usato quando si creano i tipi di distribuzione seguenti:

      • Application Virtualization 5

      • Web App

      • Apple Store

      • Windows Phone 8

      • Google Play

    • Il parametro AutoIdentifyFromInstallationFile non è più necessario per diversi tipi di distribuzione.

    • Il parametro ForceForUnknownPublisher non è più obbligatorio.

    • Il parametro ManualSpecifyDeploymentType non è più obbligatorio e non influisce sulla creazione di tipi di distribuzione.



  • Get-CMClientOperations

    Sostituito da Get-CMClientOperation (denominazione singolare-plurale) per garantire la coerenza con altri cmdlet Verb-CMClientOperation. La funzionalità non cambia.

  • Get-CMManagementPointComponent

    Replaced by the Get-CMSiteDefinition cmdlet. Questo cmdlet funziona in modo analogo a Get-CMManagementPoint ed è deprecato per eliminare la confusione.

  • Import-CMDriver

    SupportedPlatformName è deprecato. In alternativa, è necessario usare gli standard supportati. I valori SupportedPlatforms possono essere recuperati usando il cmdlet Get-CMSupportedPlatform. Non è supportato l'uso di SupportedPlatformName e SupportedPlatforms.

  • Remove-CMDeploymentType

    Il parametro ApplicationName non è più necessario quando si utilizza DeploymentType o la pipeline da Get-CMDeploymentType.

  • Set-CMAssetIntelligenceSynchronizationPoint

    Il parametro EnableSynchronization è deprecato. Impostare ScheduleToken su $null per disabilitare la sincronizzazione pianificata.

  • Set-CMClientPushInstallation

    Il parametro Name non deve essere usato. SiteCode deve invece essere usato per limitare l'output a un sito specifico.

  • Set-CMDeploymentType

    OnFastNetworkMode valore RunFromNetwork è sostituito da DownloadContentForStreaming.

  • Set-CMSystemHealthValidatorPoint

    I parametri Di data e ora sono deprecati anziché il parametro StatementOfHealthStartTime.

  • Start-CMPackageDeployment

    • DeploymentStartDay e DeploymentStartTime vengono sostituiti con DeploymentStartDateTime monouso per impostare sia la data che l'ora.

    • DeploymentAvailableDay e DeploymentAvailableTime vengono sostituiti con DeploymentAvailableDateTime monouso per impostare sia la data che l'ora.

    • DeploymentExpireDay e DeploymentExpireTime vengono sostituiti con DeploymentExpireDateTime monouso per impostare sia la data che l'ora.




Importante L'uso del parametro SecuredScopeNames nei cmdlet supportati deve essere interrotto e deve essere usato Get-CMObjectSecurityScope.

Interruzione delle modifiche

Le modifiche più importanti sono modifiche al comportamento dei cmdlet o a parametri che potrebbero causare incompatibilità con l'automazione di PowerShell esistente. Verificare le modifiche apportate in questo caso rispetto all'automazione esistente per verificare la compatibilità.

  • Il cmdlet Add-CMDeploymentType

    non consente più di aggiungere un tipo di distribuzione con lo stesso nome visualizzato di un tipo di distribuzione aggiunto in precedenza. I nomi dei tipi di distribuzione devono essere univoci.

  • Block-CMCertificate

    Se si verifica un errore nel blocco del certificato, il cmdlet avrà esito negativo invece di stampare un messaggio di avviso.

  • Get-CMSoftwareUpdateGroup

    Il parametro SecuredScopeNames nonfunzionale viene rimosso.

  • Get-CMUser

    In Cumulative Update 1, Get-CMUser ha avuto una modifica comportamentale imprevista in cui avrebbe restituito SMS_CombinedUserResource o SMS_Collection oggetti basati su. Il comportamento della versione finale di System Center 2012 R2 Configuration Manager era restituire solo oggetti basati su SMS_Collection. Questo è corretto. Gli stessi dati si trova in entrambe le classi perché SMS_CombinedUserResource contiene un sottoinsieme dei dati SMS_Collection. Di conseguenza, questa operazione non dovrebbe interrompere l'automazione. Tuttavia, questo viene divulgato per consapevolezza.

  • Remove-CMSoftwareUpdateGroup

    Il parametro SecuredScopeNames nonfunzionale viene rimosso.

  • Remove-CMUser

    Se un utente non può essere rimosso per qualsiasi motivo, il cmdlet avrà esito negativo. Nelle versioni precedenti, determinate condizioni causavano l'esito negativo del cmdlet in modo invisibile all'utente.

  • Set-CMBootImage

    I seguenti parametri non applicabili causeranno l'esito negativo del cmdlet se vengono usati con un'immagine di avvio di Windows PE 3.1 o precedente:

    • EnablePrestartCommand

    • PrestartCommandLine

    • IncludeFilesForPrestart

    • PrestartIncludeFilesDirectory

    • BackgroundBitmapPath

    • ScratchSpace

    • EnableCommandSupport

    • PersistContentInCache

    • EnableBinaryDeltaReplication

    • DeployFromPxeDistributionPoint

    • DistributionPointUpdateSchedule

    • CustomPackageShareName

    • DisconnectUsersFromDistributionPoints

    • DisconnectUsersFromDistributionPointsRetries

    • DisconnectUsersFromDistributionPointsMinutes

    • Componenti aggiuntiviOpzioni

    • RemoveOptionalComponents

    • CopyPackageToShareOnDistributionPoints



  • Set-CMBoundary

    Non abilita più valori di input per ID o nome.



    Soluzione alternativa Usare cicli o pipeline da Get-CMBoundary.

  • Set-CMSoftwareUpdateGroup

    Il parametro SecuredScopeNames nonfunzionale viene rimosso.

  • Il cmdlet Set-CMSoftwareUpdatePointComponent

    non riesce se si imposta SynchronizeAction su SynchronizeFromAnUpstreamDataSourceLocation senza specificare un valore per UpstreamSourceLocation.

  • Il cmdlet Start-CMSoftwareUpdateDeployment

    non riesce invece di avvisare se non sono ancora stati scaricati gli aggiornamenti software.



Altri cambiamenti importanti

Molti cmdlet avevano configurato erroneamente "ValueFromPipelineByPropertyName" per i parametri. Questo è corretto. Anche se è improbabile che un'automazione esistente ne avrebbe approfittato, stiamo notando questo per consapevolezza.

Problemi noti

In questa versione non vengono risolti i problemi noti seguenti relativi ai cmdlet.

  • Set-CMAlertSubscription

    Il parametro LocaleId richiede che le impostazioni locali specifiche siano presenti nel sistema invece di essere impostazioni locali valide.

  • Set-CMDeploymentType

    Impossibile configurare le impostazioni del contenuto per i tipi di distribuzione seguenti:

    • Windows Phone

    • Apple App Store

    • Google Play



  • Il cmdlet New-CMVhd

    restituisce un errore "Non trovato" quando si tenta di individuare un riferimento al pacchetto Sequenza attività. Si tratta di una regressione dall'aggiornamento cumulativo 2.

  • Get-CMAccessAccount

    UserName esegue una corrispondenza con distinzione tra maiuscole e minuscole durante l'esecuzione di una query sul provider SMS.

  • Set-CMSoftwareUpdatePoint

    Le modifiche al parametro DefaultWsusServer non si applicano alla configurazione WSUS per un punto di aggiornamento software.

  • Set-CMBootImage

    I valori EnablePrestartCommand e PrestartCommandLine non vengono applicati all'immagine di avvio.

  • Il punto di gestione Di Add-CMManagementPoint

    creato dal cmdlet non può essere visualizzato nella console di amministrazione.

    Soluzione

    $mp = get-cmmanagementpoint -SiteSystemServerName yourmanagementpointfqdn
    $props = $mp. EmbeddedProperties
    $ep = $mp. ConnectionManager.CreateEmbeddedObjectInstance("SMS_EmbeddedProperty")
    $ep. PropertyName = "Authentication type"
    $props. Remove("Tipo di autenticazione")
    $props. Add("Tipo di autenticazione", $ep)
    $mp. EmbeddedProperties = $props
    $mp. Put()

  • Il cmdlet Get-CMStatusReportingComponent

    potrebbe non riuscire se viene eseguito dopo l'esecuzione di Set-CMStatusReportingComponent.

  • Il cmdlet Start-CMSoftwareUpdateDeployment

    non riuscirà se l'aggiornamento richiede l'accettazione delle Condizioni di licenza software Microsoft.

  • Il cmdlet New-CMVhd

    potrebbe non riuscire con un errore "Oggetto non trovato" quando crei un nuovo disco rigido virtuale.

  • Il cmdlet Set-CMOutOfBandManagementComponent

    potrebbe non riuscire se viene usato il parametro EnrollmentPoint.

  • Le modifiche di Add-CMStateMigrationPoint

    AllowFallbackSourceLocationForContent potrebbero non essere applicabili al ruolo del punto di migrazione dello stato.

  • Il valore Add-CMOutOfBandServicePoint

    ThreadsOffset potrebbe non essere applicabile al punto di servizio Fuori banda appena creato.

    Soluzione

    alternativa Usare Set-CMOutOfBandServicePoint -TransmissionStartMinutesInterval dopo aver eseguito Add-CMOutOfBandServicePoint.


Riferimenti

Informazioni sulla terminologia utilizzata da Microsoft per descrivere gli aggiornamenti software.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze

Esplora i corsi di formazione >

Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche

Partecipa a Microsoft Insider >

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della lingua?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×