Una tabella dati è un intervallo di celle in cui è possibile modificare i valori in alcune celle e trovare risposte diverse a un problema. Un buon esempio di tabella dati usa la funzione RATA con diversi importi di prestito e tassi di interesse per calcolare l'importo conveniente di un mutuo per la casa. La sperimentazione con valori diversi per osservare la variazione corrispondente nei risultati è un'attività comune nell'analisi dei dati.

In Microsoft Excel, le tabelle dati fanno parte di una famiglia di comandi noti come strumenti What-If di analisi. Quando si creano e analizzano tabelle di dati, si esegue un'analisi di tipo what-if.

L'analisi di simulazione è il processo di modifica dei valori nelle celle per osservare l'effetto di tali modifiche sul risultato delle formule nel foglio di lavoro. Ad esempio, è possibile usare una tabella dati per variare il tasso di interesse e la durata di un prestito, per valutare i potenziali importi dei pagamenti mensili.

Nota: È possibile eseguire calcoli più veloci con le tabelle dati e Visual Basic, Applications Edition (VBA). Per altre informazioni, vedere Excel What-If tabelle dati: calcolo più rapido con VBA.

Tipi di analisi di what-if    

Sono disponibili tre tipi di strumenti di analisi di Excel: scenari,tabelle dati e ricerca obiettivo. Gli scenari e le tabelle dati usano set di valori di input per calcolare i possibili risultati. La ricerca obiettivo è distintamente diversa, usa un singolo risultato e calcola i possibili valori di input che produrrebbe tale risultato.

Analogamente agli scenari, le tabelle dati consentono di esplorare un set di possibili risultati. A differenza degli scenari, le tabelle dati mostrano tutti i risultati in una tabella di un foglio di lavoro. Le tabelle dati consentono di esaminare facilmente una serie di possibilità in modo immediato. I risultati sono facilmente leggibili in formato tabulare perché si usano solo una o due variabili.

Una tabella dati non può accettare più di due variabili. Se si vogliono analizzare più di due variabili, è possibile usare gli scenari. Anche se è limitato a una o due variabili, una per la cella di input della riga e una per la cella di input della colonna, una tabella dati può includere tutti i valori variabili desiderati. Uno scenario può avere al massimo 32 valori diversi, ma è possibile creare un numero illimitato di scenari.

Per altre informazioni, vedere l'articolo Introduzione What-If analisi.

Creare tabelle dati a una o due variabili, a seconda del numero di variabili e formule da testare.

Tabelle dati a una variabile    

Usare una tabella dati a una variabile per vedere come valori diversi di una stessa variabile in una o più formule incideranno sui risultati di tali formule. Ad esempio, è possibile usare una tabella dati a una variabile per vedere in che modo i diversi tassi di interesse influiscono su un pagamento mensile di un mutuotramite la funzione RATA. I valori variabili vengono inseriti in una colonna o in una riga e i risultati vengono visualizzati in una colonna o riga adiacente.

Nella figura seguente la cella D2 contiene la formula di pagamento, = PMT(B3/12,B4,-B5),che fa riferimento alla cella di input B3.

Tabelle dati a una variabile

Tabelle dati a due variabili    

Usare una tabella dati a due variabili per vedere come valori diversi di due variabili in una formula incideranno sui risultati di tale formula. Usare una tabella dati di questo tipo ad esempio per verificare gli effetti di combinazioni diverse di tassi di interesse e termini di restituzione del prestito sulla rata mensile di un mutuo.

Nella figura seguente la cella C2 contiene la formula di pagamento= PMT(B3/12,B4,-B5), che usa due celle di input, B3 e B4.

Data table with two variables
 

Calcoli delle tabelle dati    

Ogni volta che un foglio di lavoro viene ricalcolato, verranno ricalcolate anche le tabelle dati, anche se non sono state apportate modifiche ai dati. Per velocizzare il calcolo di un foglio di lavoro che contiene una tabella dati, è possibile modificare le opzioni di calcolo per ricalcolare automaticamente il foglio di lavoro ma non le tabelle dati. Per altre informazioni, vedere la sezione Velocizzare il calcolo in un foglio di lavoro che contiene tabelle dati.

Una tabella dati a una variabile contiene i valori di input in una singola colonna (orientata alla colonna) o in una riga (orientata alle righe). Qualsiasi formula in una tabella dati a una variabile deve fare riferimento a una sola cella di input.

Effettuare questi passaggi:

  1. Digitare l'elenco di valori da sostituire nella cella di input, in basso di una colonna o in una riga. Lasciare alcune righe e colonne vuote su entrambi i lati dei valori.

  2. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Se la tabella dati è orientata alle colonne (i valori variabili si trova in una colonna), digitare la formula nella cella una riga sopra e una cella a destra della colonna di valori. Questa tabella dati a una variabile è orientata alle colonne e la formula è contenuta nella cella D2.


      Tabelle dati a una variabile
      Se si vogliono esaminare gli effetti di vari valori su altre formule, immettere le formule aggiuntive nelle celle a destra della prima formula.

    • Se la tabella dati è orientata alle righe (i valori variabili sono in una riga), digitare la formula nella cella una colonna a sinistra del primo valore e una cella sotto la riga di valori.

      Se si vogliono esaminare gli effetti di vari valori su altre formule, immettere le formule aggiuntive nelle celle sotto la prima formula.

  3. Selezionare l'intervallo di celle contenente le formule e i valori da sostituire. Nella figura precedente questo intervallo è C2:D5.

  4. Nella scheda Dati fare clic su Analisi di >tabella dati (nel gruppo Strumenti dati o Previsione di Excel 2016 ). 

  5. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Se la tabella dati è orientata alle colonne, immettere la riferimento di cella per la cella di input nel campo Cella di input colonna. Nella figura precedente la cella di input è B3.

    • Se la tabella dati è orientata alle righe, immettere il riferimento di cella per la cella di input nel campo Cella di input riga.

      Nota: Dopo aver creato la tabella dati, è consigliabile modificare il formato delle celle risultato. Nella figura le celle dei risultati sono formattate come valuta.

È necessario che le formule utilizzate in una tabella dati a una variabile facciano riferimento alla stessa cella di input.

Seguire questa procedura

  1. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Se la tabella dati è orientata alle colonne, immettere la nuova formula in una cella vuota a destra di una formula esistente nella prima riga della tabella dati.

    • Se la tabella dati è orientata alle righe, immettere la nuova formula in una cella vuota sotto una formula esistente nella prima colonna della tabella dati.

  2. Selezionare l'intervallo di celle contenente la tabella dati e la nuova formula.

  3. Nella scheda Dati fare clic su Analisi di> tabella dati (nel gruppo Strumenti dati o Previsione di Excel 2016 ).

  4. Eseguire una delle operazioni seguenti:

    • Se la tabella dati è orientata alle colonne, immettere il riferimento di cella per la cella di input nella casella Cella di input colonna.

    • Se la tabella dati è orientata alle righe, immettere il riferimento di cella per la cella di input nella casella Cella di input riga.

Una tabella dati a due variabili utilizza una formula contenente due elenchi di valori di input. È necessario che la formula faccia riferimento a due celle di input diverse.

Effettuare questi passaggi:

  1. In una cella del foglio di lavoro immettere la formula che fa riferimento alle due celle di input.

    Nell'esempio seguente, in cui i valori iniziali della formula vengono immessi nelle celle B3, B4 e B5, si digita la formula = PMT(B3/12;B4;-B5) nella cella C2.

  2. Digitare un elenco di valori di input nella stessa colonna, sotto la formula.

    In questo caso, digitare tassi di interesse diversi nelle celle C3, C4 e C5.

  3. Immettere il secondo elenco nella stessa riga della formula, a destra.

    Digitare i termini del prestito (in mesi) nelle celle D2 ed E2.

  4. Selezionare l'intervallo di celle contenente la formula (C2), sia la riga che la colonna di valori (C3:C5 e D2:E2) e le celle in cui devono essere visualizzati i valori calcolati (D3:E5).

    In questo caso, selezionare l'intervallo C2:E5.

  5. Nel gruppo Strumenti dati o Previsione della scheda Dati ( in Excel 2016 ) fare clic su Analisi di what-if >Tabella dati (nel gruppo Strumenti dati o Previsione di Excel 2016 ).  

  6. Nel campo Cella di input riga immettere il riferimento alla cella di input per i valori di input nella riga.
    Digitare la cella B4 nella casella Cella di input riga.

  7. Nel campo Cella di input colonna immettere il riferimento alla cella di input per i valori di input nella colonna.
    Digitare B3 nella casella Cella di input colonna.

  8. Fare clic su OK.

Esempio di tabella dati a due variabili

Una tabella dati a due variabili può mostrare in che modo diverse combinazioni di tassi di interesse e termini del prestito avranno effetto su un mutuo mensile. Nella figura seguente la cella C2 contiene la formula di pagamento, = PMT(B3/12,B4,-B5), che usa due celle di input, B3 e B4.

Data table with two variables

Quando si imposta questa opzione di calcolo, non viene eseguito alcun calcolo della tabella dati quando viene eseguito un ricalcolo nell'intera cartella di lavoro. Per ricalcolare manualmente la tabella dati, selezionarne le formule e quindi premere F9.

Seguire questa procedura per migliorare le prestazioni di calcolo:

  1. Fare clic su > opzioni >formule.

  2. Nella sezione Opzioni di calcolo, in Calcola,fare clic su Automatico ad eccezione delle tabelle dati.

    Suggerimento: Facoltativamente, nella scheda Formule fare clic sulla freccia in Opzioni di calcolo, quindi fare clic su Tabelle dati automatiche tranne (nel gruppo Calcolo).

È possibile usare alcuni altri strumenti Excel per eseguire analisi di what-if se si hanno obiettivi specifici o set più grandi di dati variabili.

Ricerca obiettivo

Se si conosce il risultato previsto da una formula, ma non si sa esattamente quale valore di input la formula deve ottenere, usare la funzionalità Goal-Seek. Vedere l'articolo Usare Ricerca obiettivo per trovare il risultato desiderato modificando un valore di input.

Excel Risolutore

È possibile usare il Excel risolutore per trovare il valore ottimale per un set di variabili di input. Il Risolutore funziona con un gruppo di celle ,denominate variabili di decisione o semplicemente celle variabili, usate nel calcolo delle formule nelle celle obiettivo e vincolo. Il Risolutore modifica inoltre i valori nelle celle variabili di decisione in modo da soddisfare i limiti nelle celle vincolo e produrre i risultati desiderati per la cella obiettivo. Per altre informazioni, vedere Definire e risolvere un problema usando il Risolutore.

Collegando numeri diversi in una cella, è possibile trovare rapidamente risposte diverse a un problema. Un ottimo esempio è l'uso della funzione INTERESSE con tassi di interesse e periodi di prestito diversi (in mesi) per calcolare la quantità di un prestito che è possibile pagare per una casa o un'auto. I numeri vengono immessi in un intervallo di celle denominato tabella dati.

In questo caso, la tabella dati è l'intervallo di celle B2:D8. È possibile modificare automaticamente il valore in B4, l'importo del prestito e i pagamenti mensili nella colonna D. Usando un tasso di interesse del 3,75%, D2 restituisce un pagamento mensile di $ 1.042,01 usando questa formula: =SPESO.FISSO(C2/12,$B$ 3.$B$ 4).

L'intervallo di celle B2:D8 è una tabella dati

È possibile usare una o due variabili, a seconda del numero di variabili e formule da testare.

Usare un test a una variabile per vedere in che modo i diversi valori di una variabile in una formula cambieranno i risultati. Ad esempio, è possibile modificare il tasso di interesse per un pagamento mensile del mutuo usando la funzione RATA. I valori variabili (i tassi di interesse) vengono immessi in una colonna o riga e i risultati vengono visualizzati in una colonna o riga vicina.

In questa cartella di lavoro attiva la cella D2 contiene la formula di pagamento =SPESO(C2/12,$B$ 3.$B$ 4). La cella B3 è la cella variabile, in cui è possibile collegare una durata diversa (numero di periodi di pagamento mensili). Nella cella D2 la funzione INTERESSE collega il tasso di interesse 3,75%/12, 360 mesi e un prestito di $ 225.000 e calcola un pagamento mensile di $ 1.042,01.

Usare un test a due variabili per verificare in che modo valori diversi di due variabili in una formula cambieranno i risultati. Ad esempio, è possibile testare diverse combinazioni di tassi di interesse e numero di periodi di pagamento mensili per calcolare un pagamento di un mutuo.

In questa cartella di lavoro attiva, la cella C3 contiene la formula di pagamento, =SPESO($B$12.$B$2,B4), che usa due celle variabili, B2 e B3. Nella cella C2 la funzione INTERESSE collega il tasso di interesse 3,875%/12, 360 mesi e un prestito di $ 225.000 e calcola un pagamento mensile di $ 1.058,03.

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel oppure ottenere supporto nella community Microsoft.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Quanto ti soddisfa la qualità della traduzione?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×