Funzione PREZZO.PRIMO.IRR

Questo articolo descrive la sintassi della formula e l'uso della funzione PREZZO.PRIMO.IRR in Microsoft Excel.

Descrizione

Restituisce il prezzo di un titolo dal valore nominale di € 100 avente il primo periodo (breve o lungo) di durata irregolare.

Sintassi

PREZZO.PRIMO.IRR(liquid; scad; emiss; prima_ced; tasso_int; rend; prezzo_rimb; num_rate; [base])

Importante: Le date devono essere immesse utilizzando la funzione DATA o devono essere il risultato di altre formule o funzioni. Usare ad esempio DATA(2008;5;23) per il 23 maggio 2008. Possono verificarsi dei problemi se le date vengono immesse come testo.

Gli argomenti della sintassi della funzione PREZZO.PRIMO.IRR sono i seguenti:

  • Liquid    Obbligatorio. Data di liquidazione del codice. La data di liquidazione del sicurezza è la data successiva alla data di emissione in cui il security viene scambiato al compratore.

  • Scad    Obbligatorio. Data di scadenza del titolo. La data di scadenza è la data in cui il codice è scaduto.

  • Emiss    Obbligatorio. Data di emissione del titolo.

  • Prima_ced    Obbligatorio. Data della prima cedola.

  • Tasso_int Obbligatorio. Tasso di interesse del titolo.

  • Rend    Obbligatorio. Rendimento annuo del titolo.

  • Prezzo_rimb    Obbligatorio. Valore di rimborso del titolo per valore nominale di € 100.

  • Num_rate    Obbligatorio. Numero di pagamenti per anno. Se i pagamenti sono annuali, num_rate = 1; se sono semestrali, num_rate = 2; se sono trimestrali, num_rate = 4.

  • Base    Facoltativo. Tipo di base da utilizzare per il conteggio dei giorni.

Base

Base per il conteggio dei giorni

0 oppure omesso

Americana - NASD (Associazione nazionale operatori di borsa, National Association of Securities Dealers) 30/360

1

Effettivo/effettivo

2

Effettivo/360

3

Effettivo/365

4

Europea 30/360

Osservazioni

  • Per poter essere usate nei calcoli, le date vengono memorizzate come numeri seriali in sequenza. Per impostazione predefinita, 1 gennaio 1900 è il numero seriale 1 e 1 gennaio 2008 è il numero seriale 39448 essendo trascorsi 39.448 giorni dal 1 gennaio 1900.

  • La data di liquidazione è la data in cui il compratore acquista una cedola, ad esempio un'obbligazione. La data di scadenza è la data in cui il titolo scade. Si supponga, ad esempio, che un'obbligazione trentennale venga emessa il 1 gennaio 2008 e acquistata da un compratore sei mesi dopo. La data di emissione sarà 1 gennaio 2008, la data di liquidazione sarà 1 luglio 2008 e la data di scadenza sarà 1 gennaio 2038, ovvero 30 anni dopo la data di emissione del 1° gennaio 2008.

  • La parte decimale di liquid, scad, emiss, prima_ced e base viene troncata.

  • Se liquid, scad, emissione o first_coupon non è una data valida, PREZZO.PRIMO.IND restituirà il valore #VALUE! .

  • Se tasso_< 0 o rend < 0, PREZZO.#NUM! .

  • Se base < 0 o base > 4, PREZZO.#NUM! .

  • È necessario che sia soddisfatta la condizione di data seguente. in caso contrario, PREZZO.IR.#NUM! In caso contrario, REND.PRIMO.IRR restituirà il valore di errore #NUM!:

    scad > prima_ced > liquid > emiss

  • La funzione PREZZO.PRIMO.IRR viene calcolata nel seguente modo:

    Prima cedola a breve periodo irregolare:

    Equazione

    dove:

    • A = numero di giorni che vanno dall'inizio del periodo della cedola alla data di liquidazione (giorni maturati).

    • DSC = numero di giorni che vanno dalla data di liquidazione alla data della cedola successiva.

    • DFC = numero di giorni compresi tra l'inizio della prima cedola irregolare e la data della prima cedola.

    • E = numero di giorni che costituiscono il periodo di durata della cedola.

    • N = numero di cedole pagabili tra la data di liquidazione e la data di rimborso. Se questo numero è frazionario, sarà approssimato al numero intero successivo.

      Prima cedola a lungo periodo irregolare:

      Equazione

      dove:

    • Ai = numero di giorni maturati dall'inizio dell'i-esimo o dell'ultimo periodo di quasi cedola all'interno di un periodo irregolare.

    • DCi = numero di giorni maturati dalla data di inizio (o di emissione) alla prima quasi cedola (i = 1) oppure il numero di giorni nel periodo di quasi cedola (i = 2;...; i = NC).

    • DSC = numero di giorni che vanno dalla data di liquidazione alla data della cedola successiva.

    • E = numero di giorni che costituiscono il periodo di durata della cedola.

    • N = numero di cedole pagabili tra la data della prima cedola reale e la data di rimborso. Se questo numero è frazionario, verrà approssimato al numero intero successivo.

    • NC = numero di periodi di quasi cedola presenti nel periodo irregolare. Se questo numero è frazionario, verrà approssimato al numero intero successivo.

    • NLi = numero di giorni che costituisce l'i-esimo, ovvero l'ultimo, periodo di quasi cedola all'interno di un periodo irregolare.

    • Nq = numero di periodi di quasi cedola incluso tra la data di liquidazione e la prima cedola.

Esempio

Copiare i dati di esempio contenuti nella tabella seguente e incollarli nella cella A1 di un nuovo foglio di lavoro di Excel. Per visualizzare i risultati delle formule, selezionarle, premere F2 e quindi premere INVIO. Se necessario, è possibile regolare la larghezza delle colonne per visualizzare tutti i dati.

Dati

Descrizione argomento

11/11/2008

Data liquidazione

1/3/2021

Data scadenza

15/10/2008

Data di emissione

1/3/2009

Data prima cedola

7,85%

Cedola percentuale

6,25%

Rendimento percentuale

€ 100,00

Valore rimborso

2

Frequenza semestrale

1

Base Effettivo/effettivo

Formula

Descrizione

R isultato

=PREZZO.PRIMO.IRR(A2; A3; A4; A5; A6; A7; A8; A9; A10)

Prezzo di un titolo dal valore nominale di € 100 con un primo periodo irregolare (breve o lungo), per l'obbligazione con i termini indicati nelle celle A2:A10 come argomenti della funzione.

€ 113,60

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze su Office
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa al programma Office Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×