Aggiornamento cumulativo 35 per Azure Site Recovery

Introduzione

Questo articolo descrive i problemi risolti nell'aggiornamento cumulativo 35 nelle seguenti versioni di Componenti di Microsoft Azure Site Recovery:

Note

  • Si tratta di un hotfix per i problemi menzionati nella sezione "Problemi risolti in questo aggiornamento".

  • Vedere la sezione "Problemi risolti in questo aggiornamento" e la sezione "Prerequisiti" perdeve essere convalidato prima di installare questo aggiornamento.

Per ulteriori informazioni su come scaricare il supporto Microsoft file, vedere la seguente Microsoft Knowledge Articolo di base:

119591 Come ottenere i file di supporto Microsoft dai servizi online

Microsoft analizzato questi file alla ricerca di virus. Microsoft ha utilizzato il sistema più software antivirus disponibile alla data in cui il file è stato Pubblicato. Il file viene archiviato in server con protezione avanzata che modifiche non autorizzate al file.

Requisiti

Per installare l'aggiornamento cumulativo 35 di Microsoft Azure Site Recovery Provider (versione 5.1.4000.0), è necessario che sia installato uno dei seguenti prerequisiti:

  • Gestione ripristino Hyper-V di Microsoft Azure (versione 3.4.486 o successiva)

  • Provider Hyper-V di Microsoft Azure Site Recovery (versione 4.6.660 o successiva)

  • Provider di site recovery di Microsoft Azure (versione 5.1.3600 o successiva)

  • Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery (da VMware ad Azure) (versione 9.19.Microsoft Azure Site Recovery Unified Setup (VMware to Azure) (version 9.19. xxxx. x o versione successiva)

Nota: È possibile controllare il versione del provider installato nell'elemento Programmi e funzionalità in Control gruppo.

Problemi risolti in questo aggiornamento

Dopo aver installato questo aggiornamento, vengono risolti i seguenti problemi e sono inclusi i seguenti miglioramenti.

Microsoft Azure Provider di Site Recovery

Miglioramenti

azzurro ad Azure DR

  • Gli aggiornamenti apportati ai mapping di rete non influiscono più sulle configurazioni di destinazione per le repliche esistenti. Se il mapping di rete tra rete virtuale di origine e rete virtuale di destinazione viene modificato, la rete virtuale di destinazione per le repliche esistenti non vengono aggiornate. La configurazione della rete virtuale di destinazione scelta in precedenza rimarrà intatta.

Da VMware ad Azure DIripristino di emergenzaVMware to Azure DR

  • Scrivere direttamente su dischi gestiti.Tutte le nuove protezioni vengono ora replicate direttamente nei dischi gestiti. I dati dell'ambiente locale vengono inviati a un account di archiviazione della cache in Azure.Data from on-premise is sent to a cache storage account in Azure. I punti di ripristino vengono creati nei dischi gestiti sul lato di destinazione. Ciò significa che non è necessario gestire più account di archiviazione di destinazione nella destinazione.

Problemi risolti

Da Azure ad Azure DIripristino di emergenzaAzure to Azure DR

  • Miglioramento del messaggio di errore quando un failover che genera errori viene completato dopo l'eliminazione di una macchina virtuale primaria.

  • Messaggio di errore durante un'operazione di eliminazione o disabilitazione se la pulizia dei collegamenti alle risorse non riesce viene migliorata includendo i dettagli utilizzabili.

  • Se sono presenti problemi di accesso, vengono aggiunti messaggi di avviso durante la protezione delle macchine virtuali crittografate di Azure.Warning messages are added during Azure Encrypted VM protection if there are access issues.

  • Consente di correggere un problema durante la riprotezione in cui si è verificato il messaggio di errore "Impossibile proteggere la macchina virtuale perché il disco è già configurato con un URI BLOB di serie diverso per la protezione".

  • Migliorato il flusso di lavoro di protezione delle macchine virtuali crittografate per ridurre i messaggi di eccezione.

  • Valide di preparazione al failover migliorate.

  • Sottoscrizione incrociata di ripristino di emergenza: consenti il mapping di rete a una sottoscrizione diversa anche se è già mappata.

  • Consente di risolvere un problema nei flussi di lavoro di riprotezione in cui un'opzione per il disco gestito non è stata visualizzata.

  • Aggiunto il supporto per mantenere la proprietà ApplicationGateway BackendAddressPools in IpConfigurations quando si aggiornano le schede di interfaccia di rete esistenti.

  • Generazione di problemi di integrità del failover se viene apportata una modifica alla protezione post del tipo di disco.

Microsoft Azure Modello del server di installazione e configurazione unificato di Site Recovery

Miglioramenti  

  • Supporto per il server di configurazione che utilizza più schede di interfaccia di rete.

    • Se si progetta una rete locale come rete separata che non ha accesso all'archiviazione Internet o di Azure (con più schede di interfaccia di rete nel server di configurazione), è necessario registrare entrambe le reti durante la registrazione del server di configurazione o questa versione.

    • Dopo aver registrato entrambe le reti tramite Azure Site Recovery, le reti non possono essere modificate.

    • Il failback non è supportato se entrambe le reti non sono registrate.

Problemi risolti

  • Miglioramento dei messaggi di errore per errori di individuazione di vCenter.

  • Viene aggiunto un messaggio di errore quando si tenta di proteggere i componenti di Azure Site Recovery, ad esempio Server di configurazione, Server di elaborazione e Destinazione master.

Servizio di mobilità

Problemi risolti

  • I server fisici sono ora idonei per la non idratazione al momento del failover. Questo riduce l'obiettivo del tempo di recupero (RTO). Ulteriori informazioni sulla non idratazione.

  • Supporto per SUSE Linux Enterprise Server 12 Service Pack 4 (SP4)

  • Miglioramenti all'installazione dell'agente Mobility:

    • Prima della versione 9.23, gli errori nell'installazione del provider VSS di Azure Site Recovery causavano errori di installazione dell'agente Mobility. Nella versione 9.23 e versioni successive, se l'installazione del provider VSS non riesce durante l'installazione dell'agente Mobility, si verificano i seguenti miglioramenti:

    • L'installazione dell'agente Mobility continua e l'installazione del provider VSS viene ignorata.

    • Lo stato del processo verrebbe aggiornato come "Avviso" e verrà visualizzato un messaggio di errore chiaro che indica il motivo esatto per cui l'installazione del provider VSS di Azure Site Recovery non è riuscita. Seguire l'azione consigliata fornita nel messaggio di errore per una generazione corretta di punti coerenti dell'applicazione.

    • È necessario tenere presente che gli errori di installazione del provider VSS non influiscono sulla generazione di punti con coerenza degli arresti anomali. I server continueranno a generare punti coerenti con gli arresti anomali.

Aggiornamento dei componenti locali di Azure Site Recovery

Tra due Siti VMM

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo più recente perProvider di site recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare prima l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale che gestisce il sito di ripristino.

Dopo l'aggiornamento del sito di ripristino, installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM che gestisce il sito primario.

Note

  • Se VMM è un VMM a disponibilità elevata (VMM clustered), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

  • Non è necessario riavviare l'host se non diversamente specificato.

Tra un Sito VMM e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo perProvider di site recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale.

  3. Installare la versione più recenteMARTEsu tutti gli host Hyper-V.

Note

  • Se VMM è disponibile a disponibilità elevata (VMM in cluster), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

  • Non è necessario riavviare l'host se non diversamente specificato.

Tra un Sito Hyper-V e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo perProvider di site recovery di Microsoft Azure.

  2. Installare il provider in ogni nodo dei server Hyper-V registrati in Azure Site Recovery.

Note

  • Se Hyper-V è un server Hyper-V con cluster host, assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster.

  • Non è necessario riavviare l'host se non diversamente specificato.

Tra un VMware o sito fisico in AzureVMware or physical site to Azure

  1. Aggiornare il server di gestione locale scaricando Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery . Questo è il server con i ruoli del server di configurazione e del server di elaborazione.

  2. Se si dispone di server di elaborazione con scalabilità orizzontale, aggiornarliutilizzandoInstallazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery .

  3. Passare al portale di Azure e quindi passare alla pagina Elementi protetti > Elementi replicati. Selezionare una macchina virtuale in questa pagina. Selezionare il pulsante Aggiorna agente visualizzato nella parte inferiore della pagina per ogni macchina virtuale. In questo modo l'agente del servizio Mobility viene aggiornato in tutte le macchine virtuali protette.

Nota:Un riavvio è raccomandata dopo ogni aggiornamento dell'agente Mobility per assicurarsi che tutti i le ultime modifiche vengono caricate nel computer di origine. Tuttavia, questo non è obbligatorio. Se la differenza tra le versioni dell'agente dall'ultimo riavvio e il versione corrente è maggiore di 4, quindi è obbligatorio riavviare il sistema. Vedere la tabella seguente per una spiegazione dettagliata.

Versione agente durante l'ultimo riavvio

Aggiornamento a

È un riavvio obbligatorio?

9.16

9.18

Non obbligatorio

9.16

9.19

Non obbligatorio

9.16

9.20

Non obbligatorio

9.16

9.21

Sì, prima eseguire l'aggiornamento alla versione 9.20, quindi riavviare prima dell'aggiornamento alla versione 9.21 come differenza tra le versioni (versione 9.16 dove l'ultimo riavvio è stato eseguito e la versione di destinazione 9.21) è >4,

Problemi noti

lì non sono noti problemi in questo aggiornamento.

Riferimenti

Scopri la terminologia che Microsoft utilizza per descrivere gli aggiornamenti software.

Dichiarazione di non responsabilità per le informazioni di terze parti

I prodotti di terze parti discussi in questo articolo sono prodotti da società indipendenti da Microsoft. Non facciamo garanzia, implicito o in caso contrario, sulle prestazioni o l'affidabilità di questi prodotti.

Forniamo informazioni di contatto e sito web di terze parti per aiutarti a trovare supporto tecnico. Queste informazioni possono cambiare senza preavviso. Noi non garantire l'accuratezza di queste informazioni di terze parti.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Grazie per il feedback!

Grazie per il tuo feedback! Potrebbe essere utile metterti in contatto con uno dei nostri operatori del supporto di Office.

×