Introduzione

In questo articolo vengono descritti i problemi risolti nell'aggiornamento cumulativo 41 nelle seguenti versioni di Microsoft Azure Site Recovery:

Informazioni sui dettagli dei problemi risolti e Prerequisiti che deve essere verificato prima di installare questo aggiornamento.

Requisiti

Per installare l'aggiornamento cumulativo 41 di Microsoft Azure Site Recovery Provider (versione 5.1.5000.0), è necessario che sia installato uno dei seguenti:

  • Provider di site recovery di Microsoft Azure (versione 5.1.4500 o successiva)

  • Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery (da VMware ad Azure) (versione 9.25.xxxx.x o versione successiva)

  • Agente servizi di ripristino di Microsoft Azure (versione 2.0.8700.0 o versione successiva)Microsoft Azure Recovery Services Agent (version 2.0.8700.0 or later version)

Nota:   È possibile controllare la versione del provider installato nell'elemento Programmi e funzionalità del Pannello di controllo.

Miglioramenti apportati e problemi risolti in questo aggiornamento

Dopo aver installato questo aggiornamento, vengono risolti i seguenti problemi e sono inclusi i seguenti miglioramenti.

Modello del server di installazione e configurazione unificato di Microsoft Azure Site Recovery

Miglioramenti

  • Gli errori di configurazione del server di configurazione OVF sono stati migliorato con una chiara causa principale e azioni consigliate per facilitare proposito.

  • Logica di calcolo della velocità effettiva del server di elaborazione è stato migliorato per ridurre al minimo gli avvisi quando non è necessario un intervento manuale.

Servizio di mobilità

Miglioramenti

  • Introdotto nuovo codice di errore per fornire la causa principale & la risoluzione per errore di installazione MSI

  • Miglioramenti al supporto del sistema operativo Linux

    • Ubuntu 18,04

    • RHEL 7,7

Problemi risolti

  • Le informazioni sul disco dei computer Windows vengono rese leggibili dall'utente nei registri di Site Recovery che vengono inseriti nell'area di lavoro di Log Analytics

Microsoft Azure Site Recovery (servizio)

Miglioramenti

Da Azure ad Azure

  • I clienti hanno ora la possibilità di configurare le impostazioni di failover di test per gli elementi replicati Lama di rete. Possono aggiornare Vnet, subnet, indirizzi IP privati per testare il failover e collegare anche la configurazione del gruppo di sicurezza di rete, il bilanciamento del carico interno e Indirizzo IP pubblico.

  • Ripristino configurazione di sistema ora pulisce le macchine virtuali create, NIC,E e i dischi nell'area di ripristino di emergenza dopo il failback dei clienti e quindi disabilitare la replica.

  • Razionalizzata la creazione di tag. Regolato le informazioni acquisite in coppie chiave-valore tag per rendere più facile per clienti di filtrare in base ai tag.

  • Il numero di macchine virtuali supportate in un ripristinoThe number of VMs supported in a recovery piano è stato limitato a 100 al fine di garantire l'affidabilità del failover.

Da VMware ad Azure

  • Il numero di macchine virtuali supportate in un piano di ripristino è stato limitato a 100 per garantire l'affidabilità del failover.

Aggiornamento dei componenti locali di Azure Site Recovery

Tra due siti VMM locali

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo più recente peril provider di siti di Microsoft Azure

  2. Installare prima l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale che gestisce il sito di ripristino.

  3. Dopo l'aggiornamento del sito di ripristino, installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM che gestisce il sito primario.

Nota: Se VMM è un VMM a disponibilità elevata (VMM clustered), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un sito VMM locale e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo per Microsoft Azure Site Recovery Provider.

  2. Installare l'aggiornamento cumulativo nel server VMM locale.

  3. Installare la  versione più recente di Microsoft Agente servizi di ripristino di Azure in tutti gli host Hyper-V.Azure Recovery Services Agent on all Hyper-V hosts.

Nota: Se VMM è disponibile a disponibilità elevata (VMM in cluster), assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster in cui è installato il servizio VMM.

Tra un sito Hyper-V locale e Azure

  1. Scaricare l'aggiornamento cumulativo perMicrosoft Azure Site Recovery Provider.

  2. Installare il provider in ogni nodo dei server Hyper-V registrati in Azure Site Recovery.

Nota: Se Hyper-V è un server Hyper-V con cluster host, assicurarsi di installare l'aggiornamento in tutti i nodi del cluster.

Tra un VMware locale o un sito fisico in Azure

  1. Aggiornare il server di gestione locale scaricando Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery. Questo è il server con i ruoli del server di configurazione e del server di elaborazione.

  2. Se si dispone di server di elaborazione con scalabilità orizzontale, aggiornarli successivamente eseguendo Installazione unificata di Microsoft Azure Site Recovery.

  3. Passare al portale di Azure e quindi passare alla pagina Elementi protetti > Elementi replicati. Selezionare una macchina virtuale in questa pagina. Selezionare il pulsante Aggiorna agente visualizzato nella parte inferiore della pagina per ogni macchina virtuale. In questo modo l'agente del servizio Mobility viene aggiornato in tutte le macchine virtuali protette.

Nota: È consigliabile riavviare dopo ogni aggiornamento dell'agente Mobility per assicurarsi che tutte le modifiche più recenti vengano caricate nel computer di origine. Questo non è necessariamente obbligatorio. Tuttavia, un riavvio è obbligatorio se la differenza tra le versioni dell'agente dall'ultimo riavvio e la versione di destinazione è maggiore di quattro (4) nell'ultima posizione decimale. Per una spiegazione dettagliata, vedere la tabella seguente.

Versione dell'agente durante l'ultimo riavvio

Aggiornamento a

Un riavvio è obbligatorio?

9.16

9.18

Non obbligatorio

9.16

9.19

Non obbligatorio

9.16

9.20

Non obbligatorio

9.16

9.21

MandatoryFirst eseguire l'aggiornamento alla versione 9.20, quindi riavviare prima dell'aggiornamento alla versione 9.21 (perché la differenza tra l'ultima versione di riavvio e la versione di destinazione è maggiore di 4).

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della traduzione?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×