Microsoft distribuisce Microsoft SQL Server 2008 R2, SQL Server 2008 R2 SP1 e SQL Server 2008 correzioni come un file scaricabile. Poiché le correzioni sono cumulative, ogni nuova versione contiene tutti gli hotfix e tutti gli aggiornamenti della sicurezza inclusi nelle versioni precedenti di SQL Server 2008 R2, SQL Server 2008 R2 SP1 e SQL Server 2008 FIX.

Introduzione

Il comando DBCC CHECKDB bilancia la necessità tra prestazioni e risorse. Di conseguenza, per impostazione predefinita il comando DBCC CHECKDB non può massimizzare l'utilizzo delle risorse quando vengono eseguiti controlli di coerenza per un database. Il comando DBCC CHECKDB , ad esempio, potrebbe non massimizzare l'uso di I/O del disco quando vengono eseguiti controlli di coerenza per un database.

Risoluzione

Informazioni sull'aggiornamento cumulativo

SQL Server 2008 Service Pack 2

La correzione di questo problema è stata rilasciata per la prima volta in aggiornamento cumulativo 9 per SQL Server 2008 Service Pack 2. Per altre informazioni su questo pacchetto di aggiornamento cumulativo, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base seguente per visualizzare l'articolo:

2673382 Pacchetto di aggiornamento cumulativo 9 per SQL Server 2008 Service Pack 2

Nota Poiché le build sono cumulative, ogni nuova versione di correzione contiene tutti gli hotfix e tutti gli aggiornamenti della sicurezza inclusi nella versione precedente di SQL Server 2008 FIX. Ti consigliamo di considerare l'applicazione della versione di correzione più recente che contiene questo hotfix. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo seguente per visualizzare l'articolo nella Microsoft Knowledge Base:

2402659 Build di SQL Server 2008 rilasciate dopo il rilascio di SQL Server 2008 Service Pack 2

Microsoft SQL Server 2008 hotfix vengono creati per specifici Service Pack di SQL Server. È necessario applicare un hotfix di SQL Server 2008 Service Pack 2 a un'installazione di SQL Server 2008 Service Pack 2. Per impostazione predefinita, qualsiasi hotfix fornito in un Service Pack di SQL Server è incluso nel prossimo Service Pack di SQL Server.

SQL Server 2008 Service Pack 3

La correzione di questo problema è stata rilasciata per la prima volta in aggiornamento cumulativo 4 per SQL Server 2008 Service Pack 3. Per altre informazioni su questo pacchetto di aggiornamento cumulativo, vedere l'articolo seguente nella Microsoft Knowledge Base:

2673383 Pacchetto di aggiornamento cumulativo 4 per SQL Server 2008 Service Pack 3

Nota Poiché le build sono cumulative, ogni nuova versione di correzione contiene tutti gli hotfix e tutti gli aggiornamenti della sicurezza inclusi nella versione precedente di SQL Server 2008 FIX. Microsoft consiglia di applicare l'ultima versione di correzione che contiene questo hotfix. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo seguente per visualizzare l'articolo nella Microsoft Knowledge Base:

2629969 Build di SQL Server 2008 rilasciate dopo il rilascio di SQL Server 2008 Service Pack 3

Microsoft SQL Server 2008 hotfix vengono creati per specifici Service Pack di SQL Server. È necessario applicare un hotfix di SQL Server 2008 Service Pack 3 a un'installazione di SQL Server 2008 Service Pack 3. Per impostazione predefinita, qualsiasi hotfix fornito in un Service Pack di SQL Server è incluso nel prossimo Service Pack di SQL Server.

Pacchetto di aggiornamento cumulativo 11 per SQL Server 2008 R2

La correzione di questo problema è stata rilasciata per la prima volta nell'aggiornamento cumulativo 11. Per altre informazioni su come ottenere questo pacchetto di aggiornamento cumulativo per SQL Server 2008 R2, vedere l'articolo seguente nella Microsoft Knowledge Base:

2633145 Pacchetto di aggiornamento cumulativo 11 per SQL Server 2008 R2

Nota Poiché le build sono cumulative, ogni nuova versione di correzione contiene tutti gli hotfix e tutti gli aggiornamenti della sicurezza inclusi nella versione precedente di SQL Server 2008 R2 Fix. Ti consigliamo di considerare l'applicazione della versione di correzione più recente che contiene questo hotfix. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo seguente per visualizzare l'articolo nella Microsoft Knowledge Base:

981356 Build di SQL Server 2008 R2 rilasciate dopo il rilascio di SQL Server 2008 R2

Pacchetto di aggiornamento cumulativo 4 per SQL Server 2008 R2 SP1

La correzione di questo problema è stata rilasciata per la prima volta nell'aggiornamento cumulativo 4. Per altre informazioni su come ottenere questo pacchetto di aggiornamento cumulativo per SQL Server 2008 R2 SP1, vedere l'articolo seguente nella Microsoft Knowledge Base:

2633146 Pacchetto di aggiornamento cumulativo 4 per SQL Server 2008 R2 SP1

Nota Poiché le compilazioni sono cumulative, ogni nuova versione di correzione contiene tutti gli hotfix e tutti gli aggiornamenti della sicurezza inclusi nella versione precedente di SQL Server 2008 R2 SP1 FIX. Ti consigliamo di considerare l'applicazione della versione di correzione più recente che contiene questo hotfix. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo seguente per visualizzare l'articolo nella Microsoft Knowledge Base:

2567616 Build di SQL Server 2008 R2 rilasciate dopo il rilascio di SQL Server 2008 R2 SP1

SQL Server 2012

SQL Server 2012 contiene le modifiche al codice per queste correzioni. I flag di traccia 2562 e 2549 descritti di seguito si applicano anche a SQL Server 2012. Tuttavia, la correzione per ridurre il conflitto nella DBCC_MULTIOBJECT_SCANNER latch non richiede il contrassegno di traccia 2562 in SQL Server 2012. Queste modifiche sono state incluse per impostazione predefinita in SQL Server 2012.

Ulteriori informazioni

Questo aggiornamento cumulativo introduce due flag di traccia per massimizzare l'uso delle risorse di I/O su disco quando un utente esegue il comando DBCC CHECKDB . Anche se questi miglioramenti sono destinati solo all'opzione PHYSICAL_ONLY  , possono anche migliorare le prestazioni complessive dei comandi DBCC CHECKDB che non usano l'opzione PHYSICAL_ONLY . Flag di traccia 2562 Questo flag di traccia include le modifiche seguenti:

  • Eseguire il comando DBCC CHECKDB in un singolo "batch" indipendentemente dal numero di indici nel database. Per impostazione predefinita, il comando DBCC CHECKDB cerca di ridurre al minimo le risorse di tempdb limitando il numero di indici o "Facts" generati usando un concetto di "batch". Questo flag di traccia impone l'elaborazione di tutte le elaborazioni in un unico batch.

  • Migliorare l'elaborazione interna per determinare quali pagine leggere dal database. In questo modo si riduce il conflitto sul blocco DBCC_MULTIOBJECT_SCANNER.

Un effetto dell'uso di questo flag di traccia è che i requisiti di spazio per tempdb  possono aumentare. Tempdb  può aumentare fino al 5% o più del database degli utenti in fase di elaborazione tramite il comando DBCC CHECKDB . Di conseguenza, è consigliabile predimensionare tempdb  per almeno il 5% delle dimensioni del database quando si usa questo flag di traccia per evitare una crescita automatica, che potrebbe rallentare le prestazioni del comando DBCC CHECKDB . Nota Il flag di traccia 2562 è un flag di traccia a livello di sessione. Puoi abilitarlo a livello di sessione. Flag di traccia 2549 Il comando DBCC CHECKDB crea un elenco interno di pagine da leggere per ogni singola unità disco in tutti i file di database. Questa logica determina le unità disco esclusive in base alla lettera dell'unità del nome di file fisico di ogni file. Se i dischi sottostanti sono effettivamente univoci quando le lettere dell'unità o meno, il comando DBCC CHECKDB tratterebbe questi come un unico disco. Quando questo flag di traccia è abilitato, ogni file di database viene considerato in un'unità disco univoca. Non usare questo contrassegno di traccia a meno che non si sappia che ogni file si basa su un disco fisico univoco. Nota Il flag di traccia 2549 è un contrassegno di traccia globale. Per abilitarlo, devi usarlo come parametro di avvio o usare DBCC TRACEON (2549,-1). Anche se questi flag di traccia migliorano le prestazioni dei comandi DBCC CHECKDB che consentono di utilizzare l'opzione DBCC CHECKDB  , alcuni utenti potrebbero non vedere alcun miglioramento delle prestazioni. Mentre questi flag di traccia migliorano l'utilizzo delle risorse di I/O del disco, le prestazioni sottostanti delle risorse disco possono limitare le prestazioni complessive del comando DBCC CHECKDB . Tenere presente le restrizioni seguenti:

  • I miglioramenti delle prestazioni non sono progettati per migliorare le prestazioni quando si usa l'opzione Ripristina. I miglioramenti delle prestazioni, ad esempio, non sono progettati per migliorare le prestazioni quando si usa l'opzione REPAIR_ALLOW_DATA_LOSS.

  • I miglioramenti non influiscono sul comando DBCC CHECKALLOC.

  • I miglioramenti possono aiutare le prestazioni del comando DBCC CHECKTABLEper gli indici con molte pagine. Tuttavia, i miglioramenti non sono mirati per migliorare le prestazioni del comando DBCC CHECKTABLE .

Stato

Microsoft ha confermato che questo problema si verifica nei prodotti elencati nella sezione "Si applica a".

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze

Esplora i corsi di formazione >

Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche

Partecipa a Microsoft Insider >

Queste informazioni sono risultate utili?

Come valuti la qualità della lingua?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×