Con Power Query (denominato Ottieni & Trasforma dati nelle versioni precedenti di Excel), è possibile importare o connettersi a dati esterni e quindi modellare i dati, ad esempio rimuovere una colonna, modificare un tipo di dati o unire tabelle in base alle proprie esigenze. È quindi possibile caricare la query in Excel per creare grafici e report. Periodicamente, è possibile aggiornare i dati per renderli aggiornati.

L'uso di Power Query è in quattro fasi.

Power Query common steps

  1. Connetti    Creare connessioni ai dati nel cloud, in un servizio o in locale

  2. Trasforma    Modellare i dati in base alle proprie esigenze, mentre l'origine originale rimane invariata

  3. Combina    Integrare dati da più origini per ottenere una visualizzazione univoca nei dati

  4. Carica   Completare la query e caricarla in un foglio di lavoro o in un modello di dati e aggiornarla periodicamente.

Esploriamo ogni fase in modo più dettagliato. La sezione finale contiene una cronologia di Power Query in Excel. Per un riepilogo di tutti gli argomenti della Guida di Power Query, vedere la Guida di Power Query per Excel.

È possibile usare Power Query per eseguire l'importazione in una singola origine dati, ad esempio una cartella di lavoro di Excel, oppure in più database, feed o servizi sparsi nel cloud. Le origini dati includono dati dal Web, file, database, Azure o persino   tabelle di Excel nella cartella di lavoro corrente. Con Power Query è quindi possibile riunire tutte queste origini dati usando le proprie trasformazioni e combinazioni univoche per scoprire informazioni che altrimenti non si sarebbero viste. 

Dopo l'importazione, è possibile aggiornare i dati per aggiungere, modificare ed eliminare dall'origine dati esterna. Per altre informazioni, vedere Aggiornare una connessione dati esterna in Excel.  

Importare comandi nell'interfaccia utente

Trasformare i dati significa modificarli in qualche modo per soddisfare i requisiti di analisi dei dati. Ad esempio, è possibile rimuovere una colonna, modificare un tipo di dati o filtrare le righe. Ognuna di queste operazioni è una trasformazione dei dati. Questo processo di applicazione delle trasformazioni (e della combinazione) a uno o più set di dati è anche detto data shaping.

Pensala in questo modo. Un vaso inizia come un pezzo di terracotta che si trasforma in qualcosa di pratico e bello. I dati sono uguali. Deve essere modellata in una tabella adatta alle proprie esigenze e che consenta di creare report e dashboard accattivanti.

Power Query usa una finestra dedicata denominata Editor di Power Query per facilitare e visualizzare le trasformazioni dei dati. È possibile aprire l'editor di Power Query selezionando Avvia editor di query dal comando Carica dati nel gruppo Carica dati di trasformazione di &, ma si apre anche quando ci si connette a un'origine dati, si crea una nuova query o si carica una query.

Interfaccia utente delle impostazioni di query

L'editor di Power Query tiene traccia di tutto ciò che si esegue con i dati registrando ed etichettando ogni trasformazione, o passaggio, applicata ai dati. Se la trasformazione è una connessione dati, una rimozione di colonne, un'unione o una modifica del tipo di dati, è possibile visualizzare e modificare ogni trasformazione nella sezione PASSAGGI APPLICATI del riquadro Impostazioni query.

Dall'interfaccia utente è possibile eseguire molte trasformazioni. Ogni trasformazione viene registrata come passaggio in background. È anche possibile modificare e scrivere i propri passaggi usando il linguaggio M di Power Query nell'editor avanzato.

Tutte le trasformazioni applicate alle connessioni dati costituiscono collettivamente una query, ovvero una nuova rappresentazione dell'origine dati originale (e non modificata). Quando si aggiorna una query, ogni passaggio viene eseguito automaticamente. Le query sostituiscono la necessità di connettere e modellare manualmente i dati in Excel.

È possibile combinare più query nella cartella di lavoro di Excel aggiungendole o unendole. Le operazioni di accodamento e unione vengono eseguite su qualsiasi query con una forma tabulare e sono indipendenti dalle origini dati da cui provengono i dati.

Accoda   Un'operazione di accodamento crea una nuova query che contiene tutte le righe di una prima query seguite da tutte le righe di una seconda query. È possibile eseguire due tipi di operazioni di accodamento:

  • Accodamento intermedio    Crea una nuova query per ogni operazione di accodamento.

  • Accodamento in linea    Accoda i dati alla query esistente finché non si raggiunge un risultato finale.

Concetto di query di accodamento

Unisci    Un'operazione di unione crea una nuova query da due query esistenti. Questa query contiene tutte le colonne di una tabella primaria, con una colonna che funge da collegamento di spostamento a una tabella correlata. La tabella correlata contiene tutte le righe che corrispondono a ogni riga di un valore di colonna comune nella tabella principale. Inoltre, è possibile espandere o aggiungere colonne da una tabella correlata in una tabella primaria.

Concetto di query di unione

Esistono due modi principali per caricare le query nella cartella di lavoro:

  • Nell'editor di Power Query è possibile usare i comandi Chiudi e Carica nel gruppo Chiudi della scheda Home.

  • Nel riquadro Query cartella di lavoro di Excel (Selezione query & connessioni), è possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su una query e scegliere Carica in.

È anche possibile ottimizzare le opzioni di caricamento usando la finestra di dialogo Opzioni query (Selezionare Opzioni e impostazioni di> file>Opzioni query)per selezionare la modalità di visualizzazione dei dati e la posizione in cui caricare i dati, in un foglio di lavoro o in un modello di dati, ovvero un'origine dati relazionale di più tabelle che si trovano in una cartella di lavoro. 

L'integrazione di Ottieni & trasforma dati (ora denominata Power Query) in Excel ha subito una serie di modifiche nel corso degli anni. 

Excel 2010 e 2013 per Windows

In Excel 2010 per Windows, power query è stato introdotto per la prima volta ed è disponibile come componente aggiuntivo gratuito che può essere scaricato da qui: Scaricare il componente aggiuntivo Power Query. Una volta abilitata, la funzionalità Power Query era disponibile nella scheda Power Query sulla barra multifunzione.

Barra multifunzione di Power Query di Excel 2013

Microsoft 365

Power Query è stato aggiornato per essere l'esperienza principale in Excel per l'importazione e la pulizia dei dati. È possibile accedere alle procedure guidate e agli strumenti di importazione dei dati di Power Query dal gruppo & Trasforma dati della scheda Dati della barra multifunzione di Excel.

Barra multifunzione di Power Query di Excel 2016

Questa esperienza includeva funzionalità avanzate per l'importazione dei dati, comandi ridisporti nella scheda Dati, un nuovo riquadro laterale Query & Connessione e la continua capacità di modellare i dati in modi efficaci ordinando, modificando i tipi di dati, suddividendo le colonne, aggregando i dati e così via.

Questa nuova esperienza ha anche sostituito le procedure guidate di importazione dei dati legacy precedenti nel comando Dati del gruppo Scarica dati esterni. È comunque possibile accedervi dalla finestra di dialogo Opzioni di Excel (Selezionare File> Opzioni> Dati> Mostra procedure guidate per l'importazione dei dati legacy).

Excel 2016 e 2019 per Windows

È stata aggiunta la stessa esperienza & Trasforma dati basata sulla tecnologia Power Query di Microsoft 365.

Excel per Microsoft 365 per Mac

Nel 2019 abbiamo iniziato il percorso per supportare Power Query in Excel per Mac. Da allora è stata aggiunta la possibilità di aggiornare le query di Power Query da file TXT, CSV, XLSX, JSON e XML. Abbiamo anche aggiunto la possibilità di aggiornare i dati da SQL server e dalle tabelle & intervalli nella cartella di lavoro corrente.

A ottobre 2019 è stata aggiunta la possibilità di aggiornare le query di Power Query esistenti e di usare VBA per creare e modificare nuove query.

A gennaio 2021 è stato aggiunto il supporto per l'aggiornamento delle query di Power Query da origini OData e SharePoint.

Per altre informazioni, vedere Usare Power Query in Excel per Mac.

Nota:   Non è disponibile alcun supporto per Power Query in Excel 2016 ed Excel 2019 per Mac.

Deprecazione del Catalogo dati

Con il Catalogo dati è possibile visualizzare le query condivise e quindi selezionarle per caricarle, modificarle o usarle in altro modo nella cartella di lavoro corrente. Questa funzionalità è stata gradualmente deprecata:

  • Il 1° agosto 2018 è stato interrotto l'onboarding di nuovi clienti nel Catalogo dati.

  • Il 3 dicembre 2018 gli utenti non potevano condividere query nuove o aggiornate nel Catalogo dati.

  • Il 4 marzo 2019 il Catalogo dati ha smesso di funzionare. Dopo questa data, è consigliabile scaricare le query condivise in modo da poterle continuare a usare all'esterno del Catalogo dati usando l'opzione Apri del riquadro attività Query catalogo dati personali.

Deprecazione del componente aggiuntivo Power Query

All'inizio dell'estate 2019 è stato ufficialmente deprecato il componente aggiuntivo Power Query necessario per Excel 2010 e 2013 per Windows. Per gentile gentile richiesta, è comunque possibile usare il componente aggiuntivo, ma questo potrebbe cambiare in un secondo momento.

Connettore dati di Facebook ritirato

L'importazione e l'aggiornamento dei dati da Facebook in Excel hanno smesso di funzionare ad aprile 2020. Tutte le connessioni di Facebook create prima di tale data non funzionano più. È consigliabile rivedere o rimuovere le query di Power Query esistenti che usano il connettore di Facebook il prima possibile per evitare risultati imprevisti.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Quanto ti soddisfa la qualità della traduzione?

Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Altri commenti e suggerimenti? (Facoltativo)

Grazie per il feedback!

×