Sommario
×

I grafici consentono di rappresentare i dati in modo da ottenere il massimo impatto sul pubblico. Ecco le procedure per creare un grafico e aggiungere una linea di tendenza. È possibile iniziare il documento da un grafico consigliato o sceglierne uno dalla raccolta di modelli di grafico predefiniti.

Creare un grafico

  1. Selezionare i dati per il grafico.

  2. Selezionare Inserisci > Grafici consigliati.

  3. Nella scheda Grafici consigliati selezionare un grafico per visualizzarlo in anteprima.

    Nota: È possibile selezionare i dati da inserire nel grafico e premere ALT+F1 per creare il grafico immediatamente, ma potrebbe non essere il grafico più adatto per i dati. Se non si vede un grafico che soddisfa le esigenze, selezionare la scheda Tutti i grafici per visualizzare tutti i tipi di grafico disponibili.

  4. Selezionare un grafico.

  5. Scegliere OK.

Aggiungere una linea di tendenza

  1. Selezionare un grafico.

  2. Selezionare Progettazione > Aggiungi elemento grafico.

  3. Selezionare Linea di tendenza e quindi selezionare il tipo di linea di tendenza desiderato, come Lineare, Esponenziale, Previsione lineare o Media mobile.

Nota: Parte del contenuto di questo argomento potrebbe non essere valido per alcune lingue.

I grafici visualizzano i dati in un formato che consente di identificarne visivamente le relazioni. Quando si crea un grafico, è possibile selezionare uno dei diversi tipi disponibili, ad esempio un istogramma in pila o un grafico a torta esplosa 3D. Dopo aver creato un grafico, è possibile personalizzarlo applicando layout e stili veloci.

I grafici contengono diversi elementi, ad esempio un nome, le etichette degli assi, una legenda e la griglia. È possibile nascondere o visualizzare questi elementi, nonché cambiarne la posizione e la formattazione.

Grafico di Office con callout

Titolo del grafico

Area del tracciato

Legenda

Titoli degli assi

Callout 5 Etichette asse

Callout 6 Segni di graduazione

Callout 7 Linee della griglia

È possibile creare un grafico in Excel, Word e PowerPoint. I dati del grafico vengono tuttavia immessi e salvati in un foglio di lavoro di Excel. Se si inserisce un grafico in Word o in PowerPoint, viene aperto un nuovo foglio in Excel. Quando si salva un documento di Word o una presentazione di PowerPoint che contiene un grafico, i dati di Excel sottostanti del grafico vengono salvati automaticamente nel documento di Word o nella presentazione di PowerPoint.

Nota: La Raccolta cartelle di lavoro di Excel sostituisce la precedente Creazione guidata grafico. Per impostazione predefinita, la Raccolta cartelle di lavoro di Excel si apre all'apertura di Excel. Nella raccolta è possibile sfogliare modelli e sceglierne uno su cui basare una nuova cartella di lavoro. Se la Raccolta cartelle di lavoro di Excel non viene visualizzata, scegliere Nuovo da modello dal menu File.

  1. Scegliere Layout di stampa dal menu Visualizza.

  2. Fare clic sulla scheda Inserisci e quindi fare clic sulla freccia accanto a Grafico.

    Fare clic sulla scheda Inserisci e quindi su Grafico

  3. Fare clic su un tipo di grafico e quindi doppio clic sul grafico da aggiungere.

    Quando si inserisce un grafico in Word o in PowerPoint, viene aperto un foglio di lavoro di Excel che contiene una tabella di dati di esempio.

  4. In Excel sostituire i dati di esempio con quelli da tracciare nel grafico. Se i dati sono già stati inseriti in un'altra tabella, è possibile copiarli e incollarli sopra i dati di esempio. Per indicazioni su come disporre i dati in base al tipo di grafico, vedere la tabella seguente.

    Per questo tipo di grafico

    Disporre i dati

    Grafico ad area, a barre, istogramma, ad anello, a linee, radar o a superficie

    In colonne o in righe, come illustrato negli esempi seguenti:

    Serie 1

    Serie 2

    Categoria A

    10

    12

    Categoria B

    11

    14

    Categoria C

    9

    15

    oppure

    Categoria A

    Categoria B

    Serie 1

    10

    11

    Serie 2

    12

    14

    Grafico a bolle

    In colonne, inserendo i valori X nella prima colonna e i corrispondenti valori Y e i valori delle dimensioni delle bolle in colonne adiacenti, come illustrato negli esempi seguenti:

    Valori X

    Valore Y 1

    Dimensioni 1

    0,7

    2,7

    4

    1,8

    3,2

    5

    2,6

    0,08

    6

    Grafico a torta

    In un'unica colonna o riga di dati e un'unica colonna o riga di etichette dati, come illustrato negli esempi seguenti:

    Vendite

    1° trim

    25

    2° trim

    30

    3° trim

    45

    oppure

    1° trim

    2° trim

    3° trim

    Vendite

    25

    30

    45

    Grafico azionario

    In colonne o righe nell'ordine seguente, usando nomi o date come etichette, come illustrato negli esempi seguenti:

    Apertura

    Massimo

    Basso

    Chiusura

    05/01/02

    44

    55

    11

    25

    06/01/02

    25

    57

    12

    38

    oppure

    05/01/02

    06/01/02

    Apertura

    44

    25

    Massimo

    55

    57

    Minimo

    11

    12

    Chiusura

    25

    38

    Grafico a dispersione (XY)

    In colonne, inserendo i valori X nella prima colonna e i corrispondenti valori Y in colonne adiacenti, come illustrato negli esempi seguenti:

    Valori X

    Valore Y 1

    0,7

    2,7

    1,8

    3,2

    2,6

    0,08

    oppure

    Valori X

    0,7

    1,8

    2,6

    Valore Y 1

    2,7

    3,2

    0,08

  5. Per cambiare il numero di righe e colonne incluse nel grafico, posizionare il puntatore sull'angolo inferiore destro dei dati selezionati e trascinare per selezionare altri dati. Nell'esempio seguente la tabella viene espansa per includere categorie e serie di dati aggiuntive.

    Selezione di altri dati per un grafico di Office

  6. Per visualizzare i risultati delle modifiche, tornare a Word o a PowerPoint.

    Nota: Quando si chiude il documento di Word o la presentazione di PowerPoint che contiene il grafico, la tabella dati di Excel del grafico viene chiusa automaticamente.

Una volta creato un grafico, può accadere che si decida di cambiare il modo in cui sono tracciate le righe e le colonne della tabella. Si supponga, ad esempio, di aver creato una prima versione di un grafico in cui le righe di dati della tabella sono tracciate lungo l'asse verticale, o dei valori, mentre le colonne di dati sono tracciate lungo l'asse orizzontale, o delle categorie. Nell'esempio seguente viene dato rilievo alle vendite per strumento.

Grafico che mostra le vendite per categoria

Se però si preferisce dare rilievo alle vendite per mese, è possibile invertire il modo in cui il grafico è tracciato.

Grafico che mostra le vendite per mese

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su Inverti righe/colonne.

    Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su Inverti righe/colonne

    Se l'opzione Inverti righe/colonne non è disponibile

    Inverti righe/colonne è disponibile solo quando la tabella dati di Excel del grafico è aperta e solo per certi tipi di grafico. È possibile modificare i dati anche facendo clic sul grafico e quindi modificando il foglio di lavoro in Excel.

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su Layout rapido.

    Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su Layout rapido

  4. Fare clic sul layout desiderato.

    Per annullare immediatamente un layout rapido applicato, premere +Z.

Gli stili sono un insieme di colori ed effetti complementari che è possibile applicare al grafico. Quando si seleziona uno stile del grafico, le modifiche hanno effetto sull'intero grafico.

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi sullo stile che si vuole applicare.

    Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su uno stile di grafico

    Per visualizzare più stili, posizionare il puntatore del mouse su uno stile, quindi fare clic su .

    Per annullare immediatamente uno stile applicato, premere +Z.

  1. Scegliere Layout di stampa dal menu Visualizza.

  2. Fare clic sul grafico e quindi sulla scheda Struttura grafico.

  3. Fare clic su Aggiungi elemento grafico.

    Fare clic sulla scheda Struttura grafico e quindi su Aggiungi elemento grafico

  4. Fare clic su Titolo del grafico per selezionare le opzioni di formattazione del titolo, quindi tornare al grafico per digitare un titolo nella casella Titolo del grafico.

Vedere anche

Aggiornare i dati in un grafico esistente

Tipi di grafico

È possibile creare un grafico in Excel, Word e PowerPoint. I dati del grafico vengono tuttavia immessi e salvati in un foglio di lavoro di Excel. Se si inserisce un grafico in Word o in PowerPoint, viene aperto un nuovo foglio in Excel. Quando si salva un documento di Word o una presentazione di PowerPoint che contiene un grafico, i dati di Excel sottostanti del grafico vengono salvati automaticamente nel documento di Word o nella presentazione di PowerPoint.

Nota: La Raccolta cartelle di lavoro di Excel sostituisce la precedente Creazione guidata grafico. Per impostazione predefinita, la Raccolta cartelle di lavoro di Excel si apre all'apertura di Excel. Nella raccolta è possibile sfogliare modelli e sceglierne uno su cui basare una nuova cartella di lavoro. Se la Raccolta cartelle di lavoro di Excel non viene visualizzata, scegliere Nuovo da modello dal menu File.

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Nella scheda Grafici, in Inserisci grafico, fare clic su un tipo di grafico e quindi su quello che si vuole aggiungere.

    Scheda Grafici, Inserisci gruppo grafici

    Quando si inserisce un grafico in Word o in PowerPoint, viene aperto un foglio di Excel che contiene una tabella di dati di esempio.

  3. In Excel sostituire i dati di esempio con quelli da tracciare nel grafico. Se i dati sono già stati inseriti in un'altra tabella, è possibile copiarli e incollarli sopra i dati di esempio. Per indicazioni su come disporre i dati in base al tipo di grafico, vedere la tabella seguente.

    Per questo tipo di grafico

    Disporre i dati

    Grafico ad area, a barre, istogramma, ad anello, a linee, radar o a superficie

    In colonne o in righe, come illustrato negli esempi seguenti:

    Serie 1

    Serie 2

    Categoria A

    10

    12

    Categoria B

    11

    14

    Categoria C

    9

    15

    oppure

    Categoria A

    Categoria B

    Serie 1

    10

    11

    Serie 2

    12

    14

    Grafico a bolle

    In colonne, inserendo i valori X nella prima colonna e i corrispondenti valori Y e i valori delle dimensioni delle bolle in colonne adiacenti, come illustrato negli esempi seguenti:

    Valori X

    Valore Y 1

    Dimensioni 1

    0,7

    2,7

    4

    1,8

    3,2

    5

    2,6

    0,08

    6

    Grafico a torta

    In un'unica colonna o riga di dati e un'unica colonna o riga di etichette dati, come illustrato negli esempi seguenti:

    Vendite

    1° trim

    25

    2° trim

    30

    3° trim

    45

    oppure

    1° trim

    2° trim

    3° trim

    Vendite

    25

    30

    45

    Grafico azionario

    In colonne o righe nell'ordine seguente, usando nomi o date come etichette, come illustrato negli esempi seguenti:

    Apertura

    Massimo

    Basso

    Chiusura

    05/01/02

    44

    55

    11

    25

    06/01/02

    25

    57

    12

    38

    oppure

    05/01/02

    06/01/02

    Apertura

    44

    25

    Massimo

    55

    57

    Minimo

    11

    12

    Chiusura

    25

    38

    Grafico a dispersione (XY)

    In colonne, inserendo i valori X nella prima colonna e i corrispondenti valori Y in colonne adiacenti, come illustrato negli esempi seguenti:

    Valori X

    Valore Y 1

    0,7

    2,7

    1,8

    3,2

    2,6

    0,08

    oppure

    Valori X

    0,7

    1,8

    2,6

    Valore Y 1

    2,7

    3,2

    0,08

  4. Per cambiare il numero di righe e colonne incluse nel grafico, posizionare il puntatore sull'angolo inferiore destro dei dati selezionati e trascinare per selezionare altri dati. Nell'esempio seguente, la tabella viene espansa per includere categorie e serie di dati aggiuntivi.

    Selezione di altri dati per un grafico di Office

  5. Per visualizzare i risultati delle modifiche, tornare a Word o a PowerPoint.

    Nota: Quando si chiude il documento di Word o la presentazione di PowerPoint che contiene il grafico, la tabella dati di Excel del grafico viene chiusa automaticamente.

Una volta creato un grafico, può accadere che si decida di cambiare il modo in cui sono tracciate le righe e le colonne della tabella.  Si supponga, ad esempio, di aver creato una prima versione di un grafico in cui le righe di dati della tabella sono tracciate lungo l'asse verticale, o dei valori, mentre le colonne di dati sono tracciate lungo l'asse orizzontale, o delle categorie. Nell'esempio seguente viene dato rilievo alle vendite per strumento.

Grafico che mostra le vendite per categoria

Se però si preferisce dare rilievo alle vendite per mese, è possibile invertire il modo in cui il grafico è tracciato.

Grafico che mostra le vendite per mese

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Nella scheda Grafici, in Dati, fare clic su Traccia le serie per riga Traccia le serie per riga o Traccia le serie per colonna Traccia le serie per colonna.

    Scheda Grafici, gruppo Dati

    Se Cambia tracciato non è disponibile

    Cambia tracciato è disponibile solo quando una tabella dati di Excel è aperta e solo per certi tipi di grafico.

    1. Fare clic sul grafico.

    2. Nella scheda Grafici, in Dati, fare clic sulla freccia accanto a Modifica e scegliere Modifica dati in Excel.Scheda Grafici, gruppo Dati

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Nella scheda Grafici, in Layout rapidi grafici, fare clic sul layout desiderato.

    Scheda Grafici, gruppo Layout rapidi grafici

    Per vedere altri layout, selezionarne uno e quindi fare clic su .

    Per annullare immediatamente un layout rapido applicato, premere +Z.

Gli stili sono un insieme di colori ed effetti complementari che è possibile applicare al grafico. Quando si seleziona uno stile del grafico, le modifiche hanno effetto sull'intero grafico.

  1. Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

  2. Fare clic sul grafico.

  3. Nella scheda Grafici, in Stili grafico, fare clic sullo stile desiderato.

    Scheda Grafici, gruppo Stili grafico

    Per visualizzare più stili, posizionare il puntatore del mouse su uno stile, quindi fare clic su .

    Per annullare immediatamente uno stile applicato, premere +Z.

  1. Scegliere Layout di stampa dal menu Visualizza.

  2. Fare clic sul grafico e quindi sulla scheda Layout grafico.

  3. In Etichette fare clic su Titolo del grafico e scegliere quello desiderato.

  4. Selezionare il testo nella casella Titolo del grafico e digitare un titolo per il grafico.

Vedere anche

Aggiornare i dati in un grafico esistente

Tipi di grafico disponibili in Office

Creare un grafico

È possibile creare un grafico per i dati in Excel per il Web. A seconda dei dati disponibili, è possibile creare un istogramma, un grafico a linee, a torta, a barre, ad area, a dispersione o radar. 

  1. Fare clic in un punto qualsiasi dei dati per cui si vuole creare un grafico.

    Per tracciare dati specifici in un grafico, è anche possibile selezionare i dati.

  2. Selezionare Inserisci > grafici > e il tipo di grafico desiderato.

    Excel per il web Tipi di grafico

  3. Nel menu visualizzato selezionare l'opzione desiderata. Passare il puntatore del mouse su un grafico per altre informazioni.

    Sottotipi di grafico

    Suggerimento: La scelta effettuata non viene applicata finché non si seleziona un'opzione da un menu di comando Grafici. È consigliabile rivedere diversi tipi di grafico: quando si punta alle voci di menu, accanto a essi vengono visualizzati riepiloghi che consentono di decidere. 

  4. Per modificare il grafico (titoli, legende, etichette dati), selezionare la scheda Grafico e quindi selezionare Formato.

    Excel per il web Formato grafico

  5. Nel riquadro Grafico modificare l'impostazione in base alle esigenze.  È possibile personalizzare le impostazioni per il titolo, la legenda, i titoli degli assi, i titoli delle serie e altro ancora.

    Excel per il web Riquadro Grafico

Tipi di grafico disponibili

È buona idea esaminare i dati e decidere il tipo di grafico più adatto. I tipi disponibili sono elencati di seguito.

I dati disposti in colonne o righe in un foglio di lavoro possono essere rappresentati in un istogramma. Un istogramma visualizza in genere le categorie lungo l'asse orizzontale e i valori lungo l'asse verticale, come mostrato di seguito:

Istogramma raggruppato

Tipi di istogramma

  • Colonna raggruppataUn istogramma a colonne raggruppate mostra i valori in colonne 2D. Usare questo grafico in presenza di categorie che rappresentano:

    • Intervalli di valori, ad esempio conteggi di elementi.

    • Scale specifiche (ad esempio la scala di Likert che prevede voci quali "molto d'accordo", "abbastanza d'accordo", "neutrale", "abbastanza in disaccordo" o "molto in disaccordo").

    • Nomi non disposti in un ordine specifico, ad esempio nomi di elementi, nomi geografici o nomi di persona.

  • Colonna in pila Un istogramma in pila mostra i valori in colonne in pila 2D. Usare questo grafico in presenza di più serie di dati e se si desidera mettere in rilievo il totale.

  • Colonna in pila 100%Un istogramma a colonne in pila 100% mostra i valori in colonne 2D impilate per rappresentare il 100%. Usare questo grafico in presenza di due o più serie di dati e se si desidera mettere in rilievo il contributo rispetto al totale, in particolare se il totale è lo stesso per ogni categoria.

I dati disposti in colonne o righe di un foglio di lavoro possono essere tracciati in un grafico a linee. In un grafico a linee, i dati delle categorie vengono distribuiti in modo uniforme lungo l'asse orizzontale e i dati dei valori vengono distribuiti in modo uniforme lungo l'asse verticale. I grafici a linee mostrano dati continui nel tempo su un asse in scala e sono pertanto ideali per mostrare le tendenze nei dati a intervalli uguali, come mesi, trimestri o anni fiscali.

Grafico a linee con marcatori

Tipi di grafici a linee

  • Linea e linea con indicatoriMostrati con o senza indicatori per indicare singoli valori di dati, i grafici a linee possono mostrare le tendenze nel tempo o categorie con spaziatura uniforme, soprattutto in presenza di molte coordinate e quando l'ordine in cui sono presentate è importante. Se sono presenti molte categorie o i valori sono approssimativi, usare un grafico a linee senza marcatori.

  • Linea in pila e linea in pila con indicatoriMostrati con o senza marcatori per indicare singoli valori di dati, i grafici a linee in pila possono la tendenza del contributo di ciascun valore nel tempo o in categorie con spaziatura uniforme.

  • Linea in pila 100% e linea in pila 100% con indicatoriMostrati con o senza marcatori per indicare singoli valori di dati, i grafici in pila 100% possono mostrare la tendenza della percentuale a cui ogni valore contribuisce nel tempo o categorie con spaziatura uniforme. Se le categorie sono molte o i valori sono approssimativi, usare un grafico a linee in pila 100% senza indicatori.

    Note: 

    • I grafici a linee sono i più appropriati quando si dispone di più serie di dati. Se è presente una sola serie, valutare l'uso di un grafico a dispersione.

    • I grafici a linee in pila aggiungono i dati, comportamento che potrebbe non corrispondere al risultato desiderato. Poiché potrebbe non essere semplice riconoscere che le linee sono in pila, è consigliabile usare un tipo di grafico a linee diverso o un grafico ad area in pila.

In un grafico a torta possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in una sola colonna o in una sola riga. La dimensione degli elementi di un'unica serie di dati viene presentata nei grafici a torta in modo proporzionale rispetto alla somma degli elementi. I punti dati in un grafico a torta vengono visualizzati come percentuale dell'intera torta.

Grafico a torta

L'utilizzo di un grafico a torta è consigliabile nelle circostanze descritte di seguito.

  • È presente un'unica serie di dati.

  • Nessuno dei valori dei dati è negativo.

  • Quasi nessuno dei valori dei dati è uguale a zero.

  • Non sono presenti più di sette categorie, le quali rappresentano parti dell'intera torta.

I dati disposti solo in colonne o righe di un foglio di lavoro possono essere tracciati in un grafico ad anello. Analogamente a un grafico a torta, un grafico ad anello mostra la relazione tra le parti di un intero, ma può contenere più di una serie di dati.

Grafico ad anello

Suggerimento: I grafici ad anello non sono facili da leggere. È possibile usare invece un istogramma in pila o un grafico a barre in pila.

In un grafico a barre è possibile tracciare i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in colonne o in righe. I grafici a barre rappresentano i confronti tra singoli elementi. In un grafico a barre le categorie sono in genere organizzate lungo l'asse verticale e i valori lungo l'asse orizzontale.

Grafico a barre

È consigliabile utilizzare un grafico a barre nelle circostanze descritte di seguito.

  • Le etichette di asse sono lunghe.

  • I valori presentati sono costituiti da durate.

Tipi di grafici a barre

  • RaggruppatoUn grafico a barre raggruppate mostra le barre in formato 2D.

  • Barra in pilaI grafici a barre in pila mostrano le relazioni dei singoli elementi rispetto all'intero in barre 2D.

  • In pila 100%Un grafico a barre in pila 100% mostra le barre 2D che confrontano il contributo percentuale di ciascun valore al totale in più categorie.

In un grafico ad area possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. I grafici ad area possono essere usati per tracciare la variazione nel tempo e focalizzano l'attenzione sul valore totale in una tendenza. Mostrando la somma dei valori tracciati, un grafico ad area mostra la relazione tra le parti di un intero.

Grafico ad area

Tipi di grafici ad area

  • AreaVisualizzati in formato 2D, i grafici ad area mostrano la tendenza dei valori nel tempo o dati di altre categorie. In linea di massima è consigliabile usare un grafico a linee anziché un grafico ad area non in pila perché i dati di una serie potrebbero risultare nascosti da quelli di altre serie.

  • Area in pilaI grafici ad area in pila mostrano la tendenza del contributo di ogni valore nel tempo o dati di altre categorie in formato 2D.

  • I grafici ad area in pila 100% in pila 100% mostrano la tendenza della percentuale di contributo di ogni valore nel tempo o di altri dati di categorie.

In un grafico a dispersione possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe e colonne. Inserire i valori x in una riga o colonna e immettere i valori y corrispondenti nelle righe o colonne adiacenti.

Un grafico a dispersione presenta due assi dei valori, un asse orizzontale (x) e un asse verticale (y). Combina i valori x e y in singole coordinate e li mostra in intervalli irregolari o gruppi. I grafici a dispersione vengono in genere usati per mostrare e confrontare valori numerici, quali dati scientifici, statistici e ingegneristici.

grafico a dispersione

È consigliabile utilizzare un grafico a dispersione nelle circostanze descritte di seguito.

  • Per modificare la scala dell'asse orizzontale.

  • Per utilizzare l'asse orizzontale come scala logaritmica.

  • I valori dell'asse orizzontale non presentano una spaziatura uniforme.

  • Sull'asse orizzontale è presente un numero elevato di coordinate.

  • Si desidera regolare le scale degli assi indipendenti di un grafico a dispersione per fornire informazioni più esaustive sui dati che includono coppie o insiemi raggruppati di valori.

  • Si intende illustrare le analogie tra insiemi estesi di dati piuttosto che le differenze tra le coordinate.

  • Si desidera confrontare un numero elevato di coordinate senza tenere conto del tempo . In un grafico a dispersione il confronto risulta più efficace quando la quantità di dati inseriti è maggiore.

Tipi di grafici a dispersione

  • DispersioneQuesto grafico mostra i punti dati senza connettere linee per confrontare coppie di valori.

  • A dispersione con linee smussate e indicatori e a dispersione con linee smussateQuesto grafico mostra una linea curva smussata che connette i punti dati. Le linee smussate possono essere visualizzate con o senza marcatori. Usare una linea curva senza marcatori se sono presenti molti punti dati.

  • A dispersione con linee rette e indicatori e a dispersione con linee retteQuesto grafico mostra linee di connessione dritte tra i punti dati. Le linee rette possono essere visualizzate con o senza indicatori.

In un grafico a radar possono essere tracciati i dati che in un foglio di lavoro sono disposti in righe o in colonne. I grafici a radar confrontano i valori aggregati di più serie di dati.

Grafico a radar

Tipi di grafici a radar

  • Radar e radar con indicatori Con o senza indicatori per singoli punti dati, i grafici radar mostrano le modifiche nei valori rispetto a un punto centrale.

  • Radar riempitoIn un grafico radar riempito l'area coperta da una serie di dati è colorata.

Aggiungere un titolo al grafico

Quando si crea un nuovo grafico, non sempre viene visualizzato il titolo del grafico, anche quando i dati ne includono uno. È possibile aggiungere o modificare manualmente il titolo di un grafico e posizionarlo sopra o sopra il grafico.

Istogramma a colonne in pila con un titolo sopra il grafico

  1. Se sulla barra multifunzione è visualizzato il pulsante Visualizzazione, selezionarlo e quindi scegliere Modifica.

    Modalità di visualizzazione

    Se sulla barra multifunzione è visualizzato il pulsante Modifica, è possibile aggiungere il titolo di un grafico.

  2. Fare clic in un punto qualsiasi del grafico per visualizzare la scheda Grafico sulla barra multifunzione.

  3. Fare clic su Formato per aprire le opzioni di formattazione del grafico.

  4. Espandere la sezione Titolo grafico.

    Opzioni titolo grafico per Excel sul web

  5. Aggiungere o modificare il titolo del grafico in base alle proprie esigenze.

  6. Usare l'opzione per nascondere il titolo se non si vuole che il grafico mostri un titolo.

Aggiungere titoli degli assi per migliorare la leggibilità dei grafici

L'aggiunta di titoli agli assi orizzontale e verticale nei grafici con assi può semplificarne la lettura. Non è possibile aggiungere titoli degli assi ai grafici che non hanno assi, ad esempio grafici a torta e ad anello.

Analogamente ai titoli dei grafici, i titoli degli assi aiutano le persone che visualizzano il grafico a comprendere il tipo di dati.

Istogramma a colonne in pila con titoli degli assi

  1. Se sulla barra multifunzione è visualizzato il pulsante Visualizzazione, fare clic su di esso e quindi su Modifica.

    Modalità di visualizzazione

    Se sulla barra multifunzione è visualizzato il pulsante Modifica, è possibile aggiungere i titoli degli assi.

  2. Selezionare il grafico per visualizzare la scheda Grafico sulla barra multifunzione.

  3. Selezionare Grafico > titolidegli assi, scegliere Titolo asse orizzontale principale o Titolo asse verticaleprincipale e quindi selezionare l'opzione desiderata per il titolo dell'asse.

    Titolo asse grafico

  4. Nella casella di testo Titolo digitare un titolo per l'asse.

    Per iniziare una nuova riga nel titolo, premere INVIO.

Casella Modifica titolo

Modificare le etichette degli assi

Le etichette degli assi vengono visualizzate sotto l'asse orizzontale e accanto all'asse verticale. Il grafico usa il testo nei dati di origine per queste etichette degli assi.

Per modificare il testo delle etichette delle categorie sull'asse orizzontale:

  1. Fare clic sulla cella contenente il testo dell'etichetta da modificare.

  2. Digitare il testo desiderato e premere INVIO.

    Le etichette degli assi nel grafico vengono aggiornate automaticamente con il nuovo testo.

Suggerimento: Le etichette degli assi sono diverse dai titoli degli assi che è possibile aggiungere per descrivere ciò che viene visualizzato sugli assi. I titoli degli assi non vengono visualizzati automaticamente in un grafico.

Rimuovere le etichette degli assi 

  1. Selezionare il grafico per visualizzare la scheda Grafico sulla barra multifunzione.

  2. Selezionare Grafico > assi.

    Pulsante Assi nella scheda Grafico

  3. Selezionare Asse orizzontale principale > Mostra asse senza etichetta.

    Per visualizzare di nuovo le etichette, usare lo stesso menu per selezionare Mostra asse da sinistra a destra o Mostra asse da destra a sinistra.

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel oppure ottenere supporto nella community Microsoft.

Serve aiuto?

Amplia le tue competenze
Esplora i corsi di formazione
Ottieni in anticipo le nuove caratteristiche
Partecipa a Microsoft Insider

Queste informazioni sono risultate utili?

Quanto ti soddisfa la qualità della traduzione?
Cosa ha influito sulla tua esperienza?

Grazie per il feedback!

×